Arte egizia


Periodizzazione Formazione Gli artisti nell'antico Egitto Il periodo predinastico dell'antico Egitto Arte del periodo predinastico Sviluppo stilistico arte predinastica egizia Arte del periodo arcaico La tavoletta di re Narmer Le mastabe Architettura monumentale dell'Antico Regno Piramide di Zoser Complesso di El-Giza Piramide di Cheope Sarcofago di Cheope Piramide di Chefren Scoperta della tomba di Chefren Piramide di Micerino Sfinge di Giza Forme e struttura della sfinge di Giza Scoperta della sfinge di Giza Interpretazioni sulla Sfinge di El-Giza La sfinge e le stelle Le sfingi egiziane Arte del Nuovo regno I templi egizi Tempio di Amon a Karnak Tempio di Hatshepsut Hatshepsut: una regina contro la tradizione Il capolavoro di Senmut La Valle dei Re La Valle delle Regine Nefertari, la sposa reale. Pianta della tomba di Nefertari I villaggi operai Il ruolo politico di Nefertari La Tomba di Nefertari La Tomba di Tutankhamon I sarcofagi di Tutankhmon Il lavoro nei villaggi operai Maschera funeraria di Tutankhamon La pittura nell'antico Egitto I sarcofagi egiziani Sarcofagi di Psusenne I Sarcofago antropoide di Butehamon Sarcofago antropoide di Shepsesptah Sarcofago di Ny-Nsw-Wesert Sarcofago di Takhaaenbastet Pierre Montet La mummia-gatto Quiz 1


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Nefertari, la sposa reale.

Storia dell'arte  >  Stili

Nefertari la grande sposa reale di Ramses II

Dalle iscrizioni è quasi impossibile cogliere i sentimenti di un faraone per propria sposa. Anche nel caso di Akhenaton e Nefertiti, che ci offrono scene di intimità, la simbologia rimane un elemento principale. Ramses II e Nefertari non ci offrono al contrario nessuna familiarità, nessuna intimità; rappresentano semplicemente una coppia reale in tutta la sua gloria.
Nonostante ciò Ramses onorò Nefertari in modo del tutto eccezionale. Anche se  lui dopo la morte di Nefertari ebbe altre spose rimase lei la regina legata al suo regno. Non sono note le origini di Nefertari ed è possibile che la regina fosse di origini  modeste. Il suo nome ha per significati: "la più bella", "la perfetta", ed è spesso abbinato dall'epiteto amata da Mut. Si tratta di riferimenti importanti, uno alla sua grande antenata, la regina Ahmes-Nefertari, e l'altro alla dea Mut. Nefertari divenne sposa di Ramses prima che questi succedesse al padre, Sethi I. Alcuni suoi titoli accentuano il ruolo della grande sposa reale” "sovrana del Doppio Paese", "colei che governa l'Alto e il Basso Egitto", "la signora di tutte le terre", "colei che soddisfa gli dei". I testi sottolineano che aveva bei lineamenti e una voce melodiosa. Nefertari ,secondo le iscrizioni,avrebbe dato a Ramses quattro figli e due figlie, ma la concezione di "figlio" e di "figlia" molto spesso non corrisponde alla realtà ma ad un titolo.

 

La dimora eterna di Nefertari

Quando Ramses II celebrò la sua prima festa-sed, per rigenerare la potenza reale, che si considerava esaurita dopo trent'anni di regno, Nefertari non era presente all'importante cerimonia. Essa durava più giorni e vedeva riunite tutte le divinità dell'Alto e del Basso Egitto per offrire al faraone un nuovo dinamismo. La spiegazione viene da sé: Nefertari aveva raggiunto l'aldilà, ma nessun documento precisa la data della sua morte. Un'ipotesi romanzesca vorrebbe che la regina sia deceduta ad Abu Simbel, davanti al tempio che la rendeva immortale. Ormai allo stremo delle forze, avrebbe affidato alla figlia maggiore il compito di inaugurare i santuari con Ramses.
Un altro monumento glorifica Nefertari per l'eternità: la sua dimora eterna, nella Valle delle Regine. Scoperta nel 1904 da Schiapparelli, essa è un capolavoro dell'arte egizia ed è stata recentemente restaurata. Pittori e disegnatori dell'antico Egitto vi hanno portato a perfezione la loro arte, descrivendo il cammino iniziatico della grande sposa reale nell'altro mondo. Si tratta di una dimora eterna molto ampia, composta da parecchie stanze che conducono alla "sala dell'oro", dove il corpo della regina era stato animato dai riti per servire da sostegno agli elementi spirituali dell'essere, come il ba, l'anima-uccello. E molto importante che Nefertari sia iniziata contemporaneamente ai misteri di Osiride, signore del mondo sotterraneo e del regno dei morti, e a quelli di Ra, luce divina e signore del cielo. Iside tenendo per mano la regina, le concede la vita eterna e le permette di prendere posto sul trono del dio morto e resuscitato. La dimora eterna di Nefertari è un vero e propri libro di saggezza che ripercorre le tappe di un'iniziazione femminile. Ben al di là della sua esistenza terrestre, la grande sposa reale di Ramses II ci lascia, così, una testimonianza inestimabile.                                                                                                                                                                                                                                                         

A. Bagnolini

(alunno del Liceo Classico Monti, Cesena)


Bibliografia e sitografia.

G. Cricco, F.P. Di Teodoro Itinerari nell'arte. Vol. I. Zanichelli editore, Bologna 2003

 

Approfondimenti:A. Bagnolini, Nefertari, regina, donna, tomba, morte, amore, archeologia, egittologia, Liceo Monti.

Stile:Arte egizia.

Per saperne di più sulla città di: Luxor

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Nefertari.Dett. 1250 a. C. ca. Rilievo dipinto. Tomba ipogea della regina Nefertari. Tebe Ovest


Sarcofago della regina Nefertari.


Ritratto di Nefertari su un pilastro del Tempio di Abu Simbel



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK