Arte egizia


Periodizzazione Formazione Gli artisti nell'antico Egitto Il periodo predinastico dell'antico Egitto Arte del periodo predinastico Sviluppo stilistico arte predinastica egizia Arte del periodo arcaico La tavoletta di re Narmer Le mastabe Architettura monumentale dell'Antico Regno Piramide di Zoser Complesso di El-Giza Piramide di Cheope Sarcofago di Cheope Piramide di Chefren Scoperta della tomba di Chefren Piramide di Micerino Sfinge di Giza Forme e struttura della sfinge di Giza Scoperta della sfinge di Giza Interpretazioni sulla Sfinge di El-Giza La sfinge e le stelle Le sfingi egiziane Arte del Nuovo regno I templi egizi Tempio di Amon a Karnak Tempio di Hatshepsut Hatshepsut: una regina contro la tradizione Il capolavoro di Senmut La Valle dei Re La Valle delle Regine Nefertari, la sposa reale. Pianta della tomba di Nefertari I villaggi operai Il ruolo politico di Nefertari La Tomba di Nefertari La Tomba di Tutankhamon I sarcofagi di Tutankhmon Il lavoro nei villaggi operai Maschera funeraria di Tutankhamon La pittura nell'antico Egitto I sarcofagi egiziani Sarcofagi di Psusenne I Sarcofago antropoide di Butehamon Sarcofago antropoide di Shepsesptah Sarcofago di Ny-Nsw-Wesert Sarcofago di Takhaaenbastet Pierre Montet La mummia-gatto Quiz 1


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Sarcofago antropoide di Butehamon

Storia dell'arte  >  Stili

Nel Terzo Periodo Intermedio in generale le tombe non venivano più decorate, così che i precedenti dipinti murari che rappresentavano scene iconografiche e testi funerari si trasformarono nelle elaborate decorazioni pittoriche dei sarcofagi.
Butehamon, lo scriba regale della necropoli, fu sepolto in questo sarcofago antropoide (di forma umana), tipico della XXI dinastia, il quale venne poi sistemato ancora in un’altra bara dotata di un ulteriore «falso» coperchio. Il defunto porta una lunga parrucca riccamente intrecciata, legata da un diadema di boccioli di loto (simbolo della rinascita), e la barba divina arricciata e intrecciata (le barbe lisce erano riservate ai vivi). Ha le braccia incrociate e nelle mani tiene da un lato l’amuleto djed (che simboleggia una delle colonne che reggevano il paradiso, e rappresenta inoltre la spina dorsale di Osiride, nonché la parola «durare») e dall’altro l’amuleto tyet (un nodo protettivo). Sotto le braccia è raffigurata la barca solare sollevata da un gruppo di babbuini, e sotto di essa una grande immagine della dea Neith alata. Il resto della figura è decorato con testi sacri disposti quasi come fossero le bende della mummia, che racchiudono scene religiose. Nessuna porzione di superficie è priva di decorazioni.
L’interno del sarcofago è stuccato in bianco e ricoperto di testi relativi al rituale della «Apertura della Bocca», scritti in ieratico.

A. Massafra, F. Dri, G. Placucci (alunni del Liceo Monti, Cesena)


Bibliografia:


“Itinerario nell’arte-Dalla Preistoria all’arte romana” di Giorgio Cricco e Francesco Paolo Di Teodoro, Zanichelli,  2006 (prima edizione)
“Le grandi civiltà: Egitto” di Alberto Siliotti, edizioni White Star,  2004
“I segreti dell’Egitto” di Anne Millard, edizioni Vallardi,  2002
“Dove”(Luglio 2005) rivista mensile, Rizzoli, 2005


Siti internet:

www.museoegizio.it
www.archeobo.it
www.ancientegypt.wordpress.com
www.egittopercaso.net

 

Approfondimenti:A. Massafra, F. Dri, G. Placucci, sarcofago, Butehamon, tomba, morte, archeologia, egittologia, Liceo Monti.

Stile:Arte egizia.

Per saperne di più sulla città di: Torino

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Sarcofago antropoide di Butehamon. Legno decorato con tempera e pietre preziose. Terzo Periodo Intermedio, XXI dinastia (990-970 a.C.). 175X45cm circa; proveniente da Tebe, Tomba TT 291. Torino, Museo Egizio.



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK