Alberto Sozio


Crocifisso del Duomo di Spoleto


torna indietro: Artisti

Alberto Sozio

Storia dell'arte  >  Artisti

Riscoperta solo grazie a studi recenti la figura di Alberto Sotio o Sozio è uno dei maggiori artisti attivi a Spoleto tra XII e XIII secolo. L'accurato restauro condotto tra il 1983 al 1991 sulla Croce del Duomo di Spoleto e la mostra tenutasi ala pinacoteca di Brera nel 2005 hanno messo in luce e divulgato l'importanza di questo maestro, la cui opera ha influenzato fortemente la pittura umbra e marchigiana del Duecento.

 


Alberto Sotio. Crocifisso. 1174. Tempera su pergamena.
Part. della firma e data. Spoleto, Duomo.

 


Il nome di Alberto Sotio compare insieme alla data 1187 nella firma sul Crocifisso del Duomo di Spoleto, ma la biografia di questo artista è praticamente tutta da riscoprire. La croce di Spoleto, come unico documento sicuro, è stata quindi il punto di partenza delle ricerche condotte dagli studiosi per ricostruire la personalità di un artista che ha influenzato la pittura umbra e marchigiana del Duecento. Il celebre Crocifisso spoletino è una testimonianza artistica di grande interesse perchè uno dei più antichi esempi di croce dipinta a noi pervenuta; sappiamo inoltre che  ha avviato la produzione delle croci dipinte di scuola umbra che avrà un importante seguito nel corso del Duecento. Da questri studi e dal confronto stilistico con altri lavori coevi, sono stati assegnati ad Alberto altri dipinti, ma le attribuzioni restano tutt'ora incerte.

 



Chiesa dei santi Giovanni e Paolo. Consacrata nel 1174. Veduta dell'interno con gli affreschi. Spoleto

 

Oltre al Crocifisso del Duomo di Spoleto, a lui sono stati attribuiti alcuni affreschi della Chiesa dei Santi Giovanni e Paolo nella stessa cittadina umbra, e una Madonna in maestà, conservata in stato frammentario alla Pinacoteca di Brera. Gli affreschi rappresentano il Martirio di san Tommaso Becket, e il l Martirio dei santi Giovanni e Paolo, oggi staccato e conservato nella Pinacoteca di Spoleto. Sono stati realizzati tra il 1173 (anno della canonizzazione di san Tommaso Becket) e il 1174 corrispondente alla consacrazione della chiesa), quindi risultano precedenti alla realizzazione del crocifisso.

 

 

Alberto Sotio. Martirio dei santi Giovanni e Paolo. Affresco.
Pinacoteca di Spoleto. 1173-74 (foto di Manuela Rosi)


Dall'analisi di queste opere alcuni studiosi avanzano l'ipotesi di una precedente carriera dell'artista come mosaicista, forse identificabile come "Maestro Solsterno". Dalla firma sulla croce le lettere So.. che seguono il nome Alberto, hanno invece fatto ritenere per tradizione che si tratti di Alberto Sotio.

 


Alberto Sotio (attr.) Martirio di san Tommaso Becket. affresco.
Chiesa dei santi Giovanni e Paolo
. 1173-74. Spoleto (foto di Silvio Sorcini)

 

 

 Il Martirio di san Tommaso Becket sembra essere una delle più antiche rappresentazioni del santo arciversovo di Canterbury, e anche uno dei primi documenti iconografici di San Francesco. Nella Pinacoteca di Spoleto è conservato l'affresco staccato, proveniente dalla cripta della stessa chiesa, con il Martirio dei santi Giovanni e Paolo. Gli affreschi attribuiti ad Alberto, sono stati realizzati tra il 1173 (anno della canonizzazione di san Tommaso Becket) e il 1174 corrispondente alla consacrazione della chiesa), quindi risultano precedenti alla realizzazione del crocifisso.
Dall'analisi delle opere alcuni studiosi avanzano l'ipotesi di una precedente carriera dell'artista come mosaicista, forse identificabile come "Maestro Solsterno". Dalla firma sulla croce le lettere So.. che seguono il nome Alberto, hanno invece fatto ritenere per tradizione che si tratti di Alberto Sotio.

Ciò che appare più chiaro di questo misterioso artista medievale è lo stile che si può desumere dall'analisi del Crocifisso di Spoleto. Su una chiara impronta bizantina e nordica è stato notato un linearismo che sembra avvicinarsi di più alla scuola romana, mentre più personale sembra una certa vivacità espressiva.

A. Cocchi


 

Bibliografia

La Nuova Enciclopedia dell'Arte, Garzanti, 1986
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 1, Zanichelli Bologna 2004
G. Benazzi Una croce tra Oriente e Occidente, in: Art e Dossier n.63, Giunti, Firenze 1991

 

Approfondimenti:Alberto Sozio, pittura, tavola dipinta, Alessandra Cocchi, .

Stile:Arte del Medio Evo, Romanico.

Per saperne di più sulla città di: Spoleto

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Alberto. Crocifisso. Part. 1187. Tempera su pergamena e su tavola lignea. cm. 278X200 Spoleto, Duomo


Alberto. Crocifisso. 1187. Tempera su pergamena e su tavola lignea. cm. 278X200 Spoleto, Duomo







disegni da colorare

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK