Aspertini Amico


Notizie sulla vita Opere principali Pietà e Santi Affreschi della Rocca Isolani Madonna col Bambino in gloria e quattro santi Pala del Tirocinio Pala di San Martino Maggiore


torna indietro: Artisti

Pala del Tirocinio

Storia dell'arte  >  Artisti

La Pala del Tirocinio è stata dipinta a olio su tavola (poi trasportata su tela) da Amico Aspertini nel 1504-05, è conservata alla Pinacoteca di Bologna e risulta piuttosto rovinata.
Si tratta di una Sacra Conversazione eseguita per la famiglia bolognese dei Bentivoglio, in cui figurano la Madonna col Bambino in trono, i santi Giovanni Battista, Girolamo, Francesco, Giorgio, Sebastiano, Eustachio e due committenti.
In origine si trovava sull'altare maggiore della chiesa dei Santi Girolamo ed Eustachio di Bologna, meglio conosciuta come chiesa delle Acque.
Il titolo "Tirocinio" allunde al Tyrocynium, una raccolta di poesie scritte in volgare e pubblicate nel 1504 a Bologna, ma probabilmente si riferisce anche al tirocinio inteso come apprendistato, compiuto dall'artista fino a quel momento.
Aspertini usa una particolare composizione a croce dove i diversi personaggi si inseriscono isolatamente, senza comunicare fra loro. Più compatto il gruppo piramidale al centro, con la Madonna e i due committenti inginocchiati in primo piano, in adorazione del Bambino.

La scena è ambientata in un paesaggio collinare, popolato da soldati e cavalieri che combattono tra loro.
Tutto è immerso in una luce strana, crepuscolare, che crea ombre e riflessi molto mobili. La tavolozza cromatica basata sull'equilibrio tonale e lo studio della luce, come pure il paesaggio e il dettaglio della strada che si insinua tra il prato, rinviano alla pittura di Giorgione.
In alto il particolare fantastico dei putti che sorreggono un drappo aperto su un'abside d'oro, ornata con rilievi simbolici, in cui fugura un'Annunciazione.

Nel dipinto si rintracciano le influenze dei suoi maestri Pinturicchio e Filippino Lippi, ma anche un riferimento alle incisioni di Dürer.

A. Cocchi


Biliografia e sitografia

W. Bergamini Scultura emiliana: vitalità primitiva e incontro di esperienze, in: AA.VV. Arte in Emilia Romagna. Electa editrice, Milano 1985
C.C. Malvasia. Le pitture di Bologna. Edizioni Alfa, Bologna, 1969
A. Ottani Cavina, Lezioni di Storia delle Arti, Università di Bologna, 1984
G. Silvestri Amico Aspertini, pittore di traverso. Anticlassico nella Bologna del '500. in: www.Repubblica.it
C. Tarozzi Amico Aspertini, un eccentrico classicista bolognese, in: www.faronotizie.it
C. Volpe. La pittura nell'Emilia e nella Romagna. Raccolta di scritti del Cinque, Sei e Settecento. Artioli editore, Modena 1994
C. Volpe Vicende pittoriche dal Gotico al Manierismo, in: AA.VV. Arte in Emilia Romagna. Electa editrice, Milano 1985
La Nuova Enciclopedia dell'Arte Garzanti, 1986

 

Approfondimenti:Amico Aspertini, Giorgione, pala, anticlassicismo, fantasia, Madonna, bambino, sacra conversazione, santi, San Giorgio, cavaliere, San Sebastiano, San Girolamo, putto, pittura rinascimento, Alessandra Cocchi, .

Stile:Cinquecento.

Per saperne di più sulla città di: Bologna

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Amico Aspertini. Madonna col Bambino e santi. 1504-05. Olio su tavola. Bologna, Pinacoteca



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK