Arte bizantina a Ravenna


Ravenna in età bizantina Architettura bizantina a Ravenna Basilica di San Vitale. Arte e storia. Battistero degli Ortodossi. Architettura Battistero degli Ortodossi. Decorazione Le opere di Galla Placidia a Ravenna Le opere di Teodorico a Ravenna Lunetta del Buon Pastore Mausoleo di Galla Placidia. Architettura Mausoleo di Galla Placidia. I mosaici Mausoleo di Teodorico Palazzo di Teodorico Sant'Apollinare Nuovo. Architettura Sant'Apollinare Nuovo. I mosaici


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Architettura bizantina a Ravenna

Storia dell'arte  >  Stili

Le piante delle chiese bizantine ravennati conservano i tipi tradizionali delle prime chiese romane paleocristiane (del IV e V secolo) che sono:

centrale

basilicale

a croce

Mentre le novità - cioè gli elementi innovativi di gusto tipicamente bizantino - le troviamo nelle strutture e nella decorazione architettoniche. In particolare, gli elementi più caratteristici dell'architettura sacra bizantina sono:

Abside poligonale all'esterno e semicircolare all'interno. Deriva dall'architettura romana e dalle chiese paleocristiane, ma si ritrova anche in molte chiese orientali.

Tiburio che appare all'esterno come una torre e che all'interno nasconde una cupola.

Decorazione esterna a lesene, archetti pensili e arcate cieche. Sono motivi assolutamente originali e avranno largo impiego per molto tempo, anche nell'architettura romanica.

Negli interni è presente il pulvino sulle colonne.

Nelle chiese bizantine ravennati esiste un contrasto simbolico tra esterno e interno:

L'esterno, semplice, spoglio, povero, legato alla materia, concreto rinvia all'idea cristiana del "corpo", inteso come semplice involucro materiale.

L'interno, ricco, pieno di colore, fantastico, immateriale, allude allo "spirito", che ha natura divina, grazie alla fede, si carica di valore sacro, inteso come contenuto divino.
Uno dei monumenti che manifesta meglio questa concezione dualistica è il Mausoleo di Galla Placidia. Qui in particolare, questo contrasto è molto esaltato, anche perché si tratta di un monumento funebre, quindi diventa fondamentale distinguere il "corpo" inteso come materia semplice, destinata a una fine, dall'"anima" eterna, che si riempie di Dio nell'al di là.


A. Cocchi



Bibliografia e sitografia

N. Pevsner Storia dell’architettura europea. Il Saggiatore, Milano 1984
G. Bustacchini Ravenna. I mosaici, i monumenti, l'ambiente. Edizioni Italcards, Bologna 1984
La Nuova Enciclopedia dell’arte Garzanti, Giunti, Firenze 1986
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 2, Zanichelli Bologna 2004
AA.VV. Moduli di Arte. Dal Rinascimento maturo al rococò. Electa Bruno Mondadori, Roma 2000
G. Dorfles, S. Buganza, J. Stoppa Storia dell'arte. Vol II Dal Quattrocento al Settecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Bergamo 2008
E. Bernini, R. Rota, Uno sguardo sull'arte. Vol. 1 Dalla preistoria al Trecento. Editori Laterza, Bari 2008
G. Dorfles, M.Ragazzi, C. Maggioni, M.G. Recanati, Storia dell'arte. Vol 1 Dalle origini al Trecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Orio al Serio 2008

 

Approfondimenti:Alessandra Cocchi, Ravenna, architettura, divino, tomba, simbolo, oriente.

Stile:Arte bizantina a Ravenna, Arte del Medio Evo.

Per saperne di più sulla città di: Ravenna

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


1) Schema centrale; 2) Schema basilicale; 3) Schema a croce


Esempio di tiburio. Mausoleo di Galla Placidia. Ravenna


Esempio di capitello con pulvino. San Vitale. Ravenna



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK