Arte bizantina a Ravenna


Ravenna in età bizantina Architettura bizantina a Ravenna Basilica di San Vitale. Architettura Basilica di San Vitale. I mosaici Battistero degli Ortodossi. Architettura Battistero degli Ortodossi. Decorazione Le opere di Galla Placidia a Ravenna Le opere di Teodorico a Ravenna Lunetta del Buon Pastore Mausoleo di Galla Placidia. Architettura Mausoleo di Galla Placidia. I mosaici Mausoleo di Teodorico Palazzo di Teodorico Sant'Apollinare Nuovo. Architettura Sant'Apollinare Nuovo. I mosaici


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Lunetta del Buon Pastore

Storia dell'arte  >  Stili


Si trova sulla porta d'ingresso del Mausoleo di Galla Placidia a Ravenna. Risale al V sec.
La scena è molto equilibrata, impostata su una composizione simmetrica, non rigida, ma vivacizzata da varianti.
L'ambientazione è naturalistica: le colline, le piante i fiori, i cespugli, presentano un'immagine idilliaca. Anche i colori sono chiari, luminosi come quelli di una giornata serena, primaverile: sono tutti elementi che rinviano al Paradiso come è descritto nei testi sacri.


Figure

Le figure, nello stile, seguono la tradizione naturalistica tardo-romana per:
- la ricerca dei volumi
- il disegno a contorni morbidi, tondeggianti,
- il chiaroscuro e le sfumature dei colori
- le sovrapposizioni e gli effetti di scorcio (piedi di Cristo) per creare l'impressione di profondità.
- Il dinamismo, anche se contenuto: le figure sono mosse, girate, piegate, avvitate. Anche Cristo ha braccia e gambe mosse. Questo crea una certa scioltezza, rende tutto più naturale.


Componenti astrattive
Però le linee di contorno sono delineate: questo è già un primo passo verso l'astrazione che si svilupperà con il tempo. Il contorno scuro tende ad appiattire le forme e a delimitarle.
Altri elementi di astrazione: i cespugli tutti alla stessa distanza, e il mantello delle pecore con motivi a zig-zag.

Cristo
E' una figura giovanile, è presentato senza barba, come un adolescente, perché è l'immagine del Figlio di Dio. In abiti imperiali, ha la veste d'oro (rivestito della sua natura divina), e il manto porpora (simbolo della passione). Il corpo è tutto girato, con la sinistra regge una croce (altro rinvio alla passione) e con la destra accarezza una pecora (rinvio alla comunicazione con i fedeli che per mezzo di lui potranno accedere al Paradiso). E' una forma plastica e articolata, compie movimenti lenti e solenni, possiede un'energia contenuta.

Gregge
Gli animali sono simili, ma ognuno si pone con un atteggiamento diverso. Tutti però rivolgono la testa verso Cristo. E' l'immagine dei fedeli che si rivolgono a Cristo e Cristo si rivolge a loro.

A. Cocchi


Bibliografia e sitografia

N. Pevsner Storia dell’architettura europea. Il Saggiatore, Milano 1984
G. Bustacchini Ravenna. I mosaici, i monumenti, l'ambiente. Edizioni Italcards, Bologna 1984
La Nuova Enciclopedia dell’arte Garzanti, Giunti, Firenze 1986
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 2, Zanichelli Bologna 2004
AA.VV. Moduli di Arte. Dal Rinascimento maturo al rococò. Electa Bruno Mondadori, Roma 2000
E. Bernini, R. Rota, Uno sguardo sull'arte. Vol. 1 Dalla preistoria al Trecento. Editori Laterza, Bari 2008
G. Dorfles, M.Ragazzi, C. Maggioni, M.G. Recanati, Storia dell'arte. Vol 1 Dalle origini al Trecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Orio al Serio 2008

 

Approfondimenti:Ravenna, Galla Placidia, Cristo, paradiso, simbolo, mosaico, divino.

Per saperne di più sulla città di: Ravenna

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Lunetta del Buon Pastore. Mosaico. V sec. Mausoleo di Galla Placidia. Ravenna



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK