Arte greca


Periodo di Formazione dell'arte greca Arte Protogeometrica greca Centauro di Lefkandì Ceramica protogeometrica Architettura protogeometrica L'architettura funeraria protogeometrica Le abitazioni protogeometriche Le tombe protogeometriche Sito di Lefkandì Heròon di Lefkandì Arte del periodo geometrico Primo Stile Geometrico Medio Stile Geometrico Tardo Stile Geometrico Cavallino votivo di Berlino Ceramica Geometrica greca Gli idoli-campana Il grande Cratere del Metropolitan Il tempio nel Periodo Geometrico La Bottega del Dipylon L'anfora 804 dal Dipylon Scultura geometrica greca Tripodi e lebeti del periodo geometrico Urbanistica nel periodo geometrico L'esempio urbanistico di Emporios L'esempio urbanistico di Megara Iblea L'esempio urbanistico di Smirne Periodo orientalizzante Periodo orientalizzante: i centri artistici Architettura del periodo orientalizzante Scultura orientalizzante e dedalica Kore di Nikandre Periodo dedalico Periodo arcaico greco Statuaria arcaica Il kuros La kore Ornamentazione plastica arcaica Sfinge dei Nassi Hera di Samo Kléobis e Biton di Polymedes Moscophoros


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Cavallino votivo di Berlino

Storia dell'arte  >  Stili

Il Cavallino esposto al Museo di Berlino è considerato uno dei piccoli capolavori della scultura greca del periodo geometrico.
Si tratta di un ex-voto risalente al 750- 725 a. C., un oggetto offerto alle divinità, realizzato da un laboratorio di Corinto.

Il cavallo è un soggetto molto frequente tra gli ex-voto dell'antica grecia, è uno degli animali più amati perchè simbolo di nobiltà, in quanto associato alla figura del cavaliere. Il guerriero possessore di un cavallo era infatti un appartenente alla classe sociale dominante.

In questa figurina di bronzo l'anatomia del cavallo è sintetizzata in forme regolari e geometriche e la composizione è basata sull'alternanza di volumi pieni e spazi vuoti in perfetto equilibrio tra loro.
In questo oggetto, alto appena sedici centimetri, l'artista ha forgiato poche e sottili forme piene, come ad esempio la coda, e plasmato il resto del corpo con una sottile lamina in bronzo, modellando i volumi con forme gonfiate all'esterno. Il corpo del cavallo è quindi vuoto e leggero, ma assume plasticità ed eleganza.
Il foro in corrispondenza dell'occhio e la lavorazione a traforo con motivi di triangoli che caratterizza la base completano questa esile figura.
L'opera è stata realizzata sfruttando al massimo della resa una minima quantità di materiale, il bronzo, molto costoso.

 A. Cocchi


Bibliografia:

AA.VV. La Storia dell'Arte. Le prime civiltà. Electa editore. Milano, 2006
G. Cricco, F.P. Di Teodoro Itinerari nell'arte. Vol. I. Zanichelli editore, Bologna 2003
E. Bernini, R. Rota Eikon. Guida alla storia dell'arte. Vol.I. Editori Laterza, Bari, 2005
F. Negri Arnoldi Storia dell'arte vol I. Gruppo editoriale Fabbri, Milano 1985
P. Adorno, A. Mastrangelo Arte. Correnti e artisti. Vol. I. Casa editrice G. D'Anna, Firenze 1994
N. Frapiccini, N. Giustozzi. La geografia dell'arte. Vol.1 Hoepli editore, Milano 2004
L. Calò, L'archeologia delle pratiche funeraie. Mondo Egeo. in: Il mondo dell'Archeologia. Treccani.it L'enciclopedia italiana
R. Felsch, Kalapodi, in : Enciclopedia dell'Arte Antica Treccani.
M. R. Poopham, Lefkandi. in: Enciclopedia dell'arte Antica Treccani.
G. Gruben. Il tempio,  in: Storia dell'arte Einaudi.
F. Caruso. Sul Centauro di Lefkandi. Atti del convegno To Aigaio sten Proïme Epoche tou Siderou. Praktika tou Diethnous Symposiou, Rhodos, 1-4 Noembriou 2002. Editore  Panepistimio Kritis (Univeristà di Creta), Atene (GRC) a cura dell'Istituto per i Beni Archeologi e Monumentali (IBAM) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Catania.

 

Approfondimenti:Alessandra Cocchi, greca, civiltà, archeologia, scultura, ex-voto, religione, cavallo, arte.

Stile:Arte greca.

Per saperne di più sulla città di: Berlino

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Cavallo. Statuetta votiva proveniente da Corinto. 750-725 a. C. Bronzo. h. 16 cm. Berlino Staatliche Museen Antikenabteilung



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK