Arte greca


Periodo di Formazione dell'arte greca Arte Protogeometrica greca Centauro di Lefkandì Ceramica protogeometrica Architettura protogeometrica L'architettura funeraria protogeometrica Le abitazioni protogeometriche Le tombe protogeometriche Sito di Lefkandì Heròon di Lefkandì Arte del periodo geometrico Primo Stile Geometrico Medio Stile Geometrico Tardo Stile Geometrico Cavallino votivo di Berlino Ceramica Geometrica greca Gli idoli-campana Il grande Cratere del Metropolitan Il tempio nel Periodo Geometrico La Bottega del Dipylon L'anfora 804 dal Dipylon Scultura geometrica greca Tripodi e lebeti del periodo geometrico Urbanistica nel periodo geometrico L'esempio urbanistico di Emporios L'esempio urbanistico di Megara Iblea L'esempio urbanistico di Smirne Periodo orientalizzante Periodo orientalizzante: i centri artistici Architettura del periodo orientalizzante Scultura orientalizzante e dedalica Kore di Nikandre Periodo dedalico Periodo arcaico greco Statuaria arcaica Il kuros La kore Ornamentazione plastica arcaica Sfinge dei Nassi Hera di Samo Kléobis e Biton di Polymedes Moscophoros


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Periodo orientalizzante: i centri artistici

Storia dell'arte  >  Stili

Corinto nel Periodo orientalizzante diventa la capitale artistica del momento. dai suoi laboratori nascono capolavori come la celebre Olpe Chigi, ritrovata in una tomba principesca della civiltà etrusca presso Veio.

Altro centro importante per l'arte ceramica è Rodi. Anche la ceramica rodia rappresenta uno stile particolare, raffinatissimo, testimoniato da diversi capolavori, tra i quali l'Oinochoe Levi del Louvre.

Creta, Delo e le isole si distinguono per la scultura monumentale, con il cosiddetto stile dedalico, ma gli stessi centri insieme alle città del Peloponneso  offrono una raffinata lavorazione dei metalli e la realizzazione di arredi di lusso. A Creta si affina la tecnica della fusione in bronzo e vengono realizzati grandi tripodi e calderoni destinati come offerte rituali ai più importanti santuari. Altri oggetti prodotti nei centri dell'isola sono riferiti al banchetto sacro, come i klinai, particolari divanetti da disporre intorno alla mensa e altri oggetti di tradizione orientale come ad esempio specchi decorati.

I santuari greci accrescono la loro importanza, oltre a quello di Olimpia si distinguono i santuari di Delfi, Delo e Samo. In questi luoghi sacri sono stati ritrovati numerose offerte votive, come vasi, statue, scudi, corazze, tripodi che rivelano il superamento dello stile geometrico e l'affermarsi dello stile orientalizzante, più vivace e naturalistico.

In questo panorama rimane un po' in disparte Atene, i cui artisti sono più restii all'assimilazione del gusto orientale e orientati invece ad uno sperimentale sviluppo dello stile geometrico chiamato stile protoattico. Ad Atene dalla seconda metà del VII secolo alla prima metà del VI secolo a. C. i ceramisti proseguono la loro ricerca espressiva incentrata soprattutto sulla figura umana, e anche se non raggiungono i livelli qualitativi degli altri centri d'arte, preparano l'evoluzione successiva che avverrà con lo stile attico del VI secolo, nel Periodo arcaico,  che riporterà ad Atene il primato della qualità e dell'avanguardia artistica.

A. Cocchi.


 

Bibliografia:

AA.VV. La Storia dell'Arte. Le prime civiltà. Electa editore. Milano, 2006
G. Cricco, F.P. Di Teodoro Itinerari nell'arte. Vol. I. Zanichelli editore, Bologna 2003
E. Bernini, R. Rota Eikon. Guida alla storia dell'arte. Vol.I. Editori Laterza, Bari, 2005
F. Negri Arnoldi Storia dell'arte vol I. Gruppo editoriale Fabbri, Milano 1985
P. Adorno, A. Mastrangelo Arte. Correnti e artisti. Vol. I. Casa editrice G. D'Anna, Firenze 1994
N. Frapiccini, N. Giustozzi. La geografia dell'arte. Vol.1 Hoepli editore, Milano 2004
A. Pinelli. Le ragioni della bellezza. vol. 1 Dalla preistoria all'apogeo dfel mondo romano. Loescher Editore, Torino 2011
C. Bertelli, A. Corallini, A. Gatti. La storia dell'arte. Vol. 1 Dalle origini all'età carolingia.  Edizioni scolastiche Bruno Mondadori. Arte, Milano,Torino 2010
V. Terraroli. Arte 1. Dalla preistoria al tardogotico. Skira Bompiani editori, Milano 2012
L. Calò, L'archeologia delle pratiche funeraie. Mondo Egeo. in: Il mondo dell'Archeologia. Treccani.it L'enciclopedia italiana
R. Felsch, Kalapodi, in : Enciclopedia dell'Arte Antica Treccani.
M. R. Poopham, Lefkandi. in: Enciclopedia dell'arte Antica Treccani.
G. Gruben. Il tempio,  in: Storia dell'arte Einaudi.
F. Caruso. Sul Centauro di Lefkandi. Atti del convegno To Aigaio sten Proïme Epoche tou Siderou. Praktika tou Diethnous Symposiou, Rhodos, 1-4 Noembriou 2002. Editore  Panepistimio Kritis (Univeristà di Creta), Atene (GRC) a cura dell'Istituto per i Beni Archeologi e Monumentali (IBAM) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Catania.

 

 


 

Questa categoria è in via di definizione.
La ricerca sull'arte greca è ancora in corso.
I contenuti sono soggetti a revisioni, correzioni  modifiche, approfondimenti.


 

Approfondimenti:Alessandra Cocchi, civiltà, archeologia, architettura, arte, scultura, pittura, .

Stile:Arte greca.

Per saperne di più sulla città di: Grecia

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK