Arte greca


Periodo di Formazione dell'arte greca Arte Protogeometrica greca Centauro di Lefkandì Ceramica protogeometrica Architettura protogeometrica L'architettura funeraria protogeometrica Le abitazioni protogeometriche Le tombe protogeometriche Sito di Lefkandì Heròon di Lefkandì Arte del periodo geometrico Primo Stile Geometrico Medio Stile Geometrico Tardo Stile Geometrico Cavallino votivo di Berlino Ceramica Geometrica greca Gli idoli-campana Il grande Cratere del Metropolitan Il tempio nel Periodo Geometrico La Bottega del Dipylon L'anfora 804 dal Dipylon Scultura geometrica greca Tripodi e lebeti del periodo geometrico Urbanistica nel periodo geometrico L'esempio urbanistico di Emporios L'esempio urbanistico di Megara Iblea L'esempio urbanistico di Smirne Periodo orientalizzante Periodo orientalizzante: i centri artistici Architettura del periodo orientalizzante Scultura orientalizzante e dedalica Kore di Nikandre Periodo dedalico Periodo arcaico greco Statuaria arcaica Il kuros La kore Ornamentazione plastica arcaica Sfinge dei Nassi Hera di Samo Kléobis e Biton di Polymedes Moscophoros


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Kléobis e Biton di Polymedes

Storia dell'arte  >  Stili

La coppia di kuroi, tradizionalmente chiamata come Klèobi e Bitone, ritrovata alla fine dell'800 presso il santuario di Delfi, rappresenta uno dei primi e più importanti esempi di statuaria greca arcaica di stile dorico. Dall'iscrizione alla base delle statue si desume che siano stati scolpiti da Polymedes, un maestro attivo ad Argo tra la metà del VII e gli inizi del VI secolo a. C. 
Si tratta di due statue quasi identiche, alte ognuna 216 centimetri scolpite a tutto tondo in marmo ed esposte al Museo Archeologico di Delfi.

In ognuna di queste statue il corpo umano è concepito come una costruzione architettonica. I valori estetici principali sono espressi dalla simmetria, dall'essenzialità, dall'equilibrio  di volumi squadrati e solidi,dal gioco funzionale dei pesi e sostegni delle masse corporee che si comportano come colonne e trabeazioni.
Caratteristiche dello stile dorico sono le proporzioni tozze e massicce, le forme anatomiche piene, rese con una modellazione essenziale, tesa più a tornire geometricamente che a descrivere in dettaglio. Le forme anatomiche formano un insieme compatto e unito. Le articolazioni sono appena indicate con qualche incisione appena graffita, come si nota  nelle linee del diaframma, dei pettorali e dell'inguine o nel curioso motivo del ginocchio.
Si notano anche le sproporzioni tozze tipicamente doriche, la testa troppo grande, le braccia troppo corte. Ma le forme rudi non ostacolano la resa di un corpo vigoroso, che esprime un senso di forza, di grande tensione, di energia contenuta. La compostezza ieratica, l'effetto monumentale dell'insieme sottolineano anche la solennità propria di queste statue dedicate agli dei.

 

 

Approfondimenti:Alessandra Cocchi, archeologia, scultura, civiltà, Kleobi, Bitone, Dioscuri, Polymedes, .

Stile:Arte greca.

Per saperne di più sulla città di: Delfi

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Polimedes. Kleobis. Dett. Seconda metà del VI sec. A. C. marmo. h. 214 cm. Atene, Museo Archeologico Nazionale.




Polimedes. Kleobis e Biton. Seconda metà del VI sec. A. C. marmo. h. 214 cm. Atene, Museo Archeologico Nazionale.




Polimedes. Kleobis. Dett. Seconda metà del VI sec. A. C. marmo. h. 214 cm. Atene, Museo Archeologico Nazionale.





 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK