Arte greca


Periodo di Formazione dell'arte greca Arte Protogeometrica greca Centauro di Lefkandì Ceramica protogeometrica Architettura protogeometrica L'architettura funeraria protogeometrica Le abitazioni protogeometriche Le tombe protogeometriche Sito di Lefkandì Heròon di Lefkandì Arte del periodo geometrico Primo Stile Geometrico Medio Stile Geometrico Tardo Stile Geometrico Cavallino votivo di Berlino Ceramica Geometrica greca Gli idoli-campana Il grande Cratere del Metropolitan Il tempio nel Periodo Geometrico La Bottega del Dipylon L'anfora 804 dal Dipylon Scultura geometrica greca Tripodi e lebeti del periodo geometrico Urbanistica nel periodo geometrico L'esempio urbanistico di Emporios L'esempio urbanistico di Megara Iblea L'esempio urbanistico di Smirne Periodo orientalizzante Periodo orientalizzante: i centri artistici Architettura del periodo orientalizzante Scultura orientalizzante e dedalica Kore di Nikandre Periodo dedalico Periodo arcaico greco Statuaria arcaica Il kuros La kore Ornamentazione plastica arcaica Sfinge dei Nassi Hera di Samo Kléobis e Biton di Polymedes Moscophoros


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Moscophoros

Storia dell'arte  >  Stili

Il Moscophoros è un'opera di fattura attica risalente al VI secolo a. C., conservato presso il Museo dell'Acropoli di Atene. Si tratta di uno degli esempi più belli della scuola attica, che a partire dal 560 a. C. raggiunge il livello qualitativo più elevato (come in questo caso) e assume un ruolo predominante rispetto agli altri centri produttivi.

Come avviene in diversi esempi di stile attico, l'opera rappresenta una variazione rispetto al modello del kuros arcaico. Alla tradizionale figura maschile stante, nuda, con le braccia lungo il corpo, in questo viene presentato un offerente  che indossa un mantello e procede con un vitello sulle spalle. E' una composizione singolare in cui si combina la grande naturalezza della posa dell'uomo e dell'animale con la soluzione razionale, perfettamente geometrica del nodo centrale a X in cui s'incrociano le braccia dell'uomo e le zampe del vitello.

Rispetto agli esempi coevi dorici e ionici, grande attenzione viene riservata ad alcuni particolari anatomici: si notano le contrazioni e tensioni di muscoli e tendini sia nel vitello che nell'uomo.
La statua è stata ritrovata insieme a numerosi e iportanti esemplari dalla cosiddetta colmata persiana presso l'Acropoli di Atene. Un'iscrizione indica che questo ex-voto è stato offerto ad Atena da Rhombos, figlio di Paros.

Lo stesso vale per i passaggi sensibilissimi della modellazione che permette passaggi di luce molto morbidi e sfumati, gli effetti di trasparenza del  leggerissimo tessuto del mantello, aderente alla pelle dell'offerente.
L'artista tuttavia non si abbandona al naturalismo. Tutto è riportato ad un criterio di ordine geometrico: prevalgono i valori si simmetria, ordine, ritmo. Tutte le linee e tutte le forme vengono riassunte in una superiore e rigorosa armonia geometrica.

La statua è stata ritrovata, insieme ad altri numerosi ed importanti esemplari arcaici nella cosiddetta colmata persiana, presso l'Acropoli di Atene. Da un'iscrizione risulta che il kuros è stato offerto da Rhombos, figlio di Paros, alla dea Atena.

 

Approfondimenti:Alessandra Cocchi, archeologia, scultura, civiltà, kuros, religione, .

Stile:Arte greca.

Per saperne di più sulla città di: Grecia

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Moscophoros. Dett. 560 ca. a. C. Proveniente da Atene. Marmo dell'Imetto. h.162 cm. Atene, Museo dell'Acropoli.

 




Moscophoros. 560 ca. a. C. Proveniente da Atene. Marmo dell'Imetto. h.162 cm. Atene, Museo dell'Acropoli.



disegni da colorare

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK