Arte greca


Periodo di Formazione dell'arte greca Arte Protogeometrica greca Centauro di Lefkandì Ceramica protogeometrica Architettura protogeometrica L'architettura funeraria protogeometrica Le abitazioni protogeometriche Le tombe protogeometriche Sito di Lefkandì Heròon di Lefkandì Arte del periodo geometrico Primo Stile Geometrico Medio Stile Geometrico Tardo Stile Geometrico Cavallino votivo di Berlino Ceramica Geometrica greca Gli idoli-campana Il grande Cratere del Metropolitan Il tempio nel Periodo Geometrico La Bottega del Dipylon L'anfora 804 dal Dipylon Scultura geometrica greca Tripodi e lebeti del periodo geometrico Urbanistica nel periodo geometrico L'esempio urbanistico di Emporios L'esempio urbanistico di Megara Iblea L'esempio urbanistico di Smirne Periodo orientalizzante Periodo orientalizzante: i centri artistici Architettura del periodo orientalizzante Scultura orientalizzante e dedalica Kore di Nikandre Periodo dedalico Periodo arcaico greco Statuaria arcaica Il kuros La kore Ornamentazione plastica arcaica Sfinge dei Nassi Hera di Samo Kléobis e Biton di Polymedes Moscophoros


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Primo Stile Geometrico

Storia dell'arte  >  Stili

Verso la fine del X secolo, stando ai reperti ritrovati, la  Grecia riprende i contatti e i rapporti commerciali con gli altri popoli, in particolare con l'Oriente, superando l'isolamento economico e culturale dei secoli precedenti. Inizialmente si consolida il predominio di Atene, che manterrà il suo ruolo di guida culturale per tutta l'età geometrica.

Nella fase iniziale dello stile geometrico, tra il 900 e l'850 a. C., i più importanti centri artistici più all'avanguardia sono Atene, Argo e Corinto, mentre le altre città proseguono la tradizione protogeometrica.

Ceramica

Nella ceramica del primo geometrico la decorazione comprende ampie zone dipinte con vernice nera e alcune fasce con motivi geometrici. Anche le forme dei vasi proseguono la tradizione protogeometrica, ma si avverte un raffinamento progressivo della tecnica di lavorazione, soprattutto nella realizzazione dei particolari come le anse e gli orli.

Scultura

Nella scultura, prosegue anche la produzione di statuine ceramiche dipinte, utilizzate come ex-voto, ma si diffonde anche la lavorazione del bronzo. Con la tecnica della fusione in bronzo vengono realizzati i primi esempi di tripodi monumentali, grandi bracieri posti su tre gambe di uso rituale, tra cui il Lebete tripodato del IX secolo esposto nel Museo di Olimpia, considerato il più antico lebete finora ritrovato.

Dalle botteghe del Peloponneso, soprattutto dai laboratori di Argo e dio Corinto, ma nache da ll'Elide e dalla Laconia, provengono numerose statuine bronzee con funzione votiva. Accanto alle figure di animali (specie tori e cavalli) compaiono spesso figure umane nude con forme schematiche ed astratte, anatomie rudimentali, in cui è però messo in risalto il sesso e alcuni accessori, come elmi  e  copricapi.

Appartengono al IX secolo i due piccoli nudi maschili dell'Uomo con petaso e dell'Uomo con elmo, entrambi esposti al Museo Archeologico di Olimpia. Non è ancora chiaro se queste figure, con braccia e gambe aperte rappresentano divinità nel momento della "epiphania" (apparizione) o fedeli in atto di preghiera. Un altro interessante reperto si trova nel Museo della Storia dei Giochi Olimpici Antichi di Olimpia, si tratta del piccolo gruppo bronzeo frammentario con due Aurighi, del IX sec. a. C.

Architettura e urbanistica

I resti architettonici e urbanistici in qusta fase si confondono con quelli micenei, preesistenti. Uno degli esempi di questa trasformazione è rappresentato dalla città di Atene.

Atene esisteva già dal II millennio a. C., quando nella zona dell'acropoli era presente un piccolo borgo fortificato.
Tra il XII e il X secolo a. C. il primo nucleo abitato circondava la reggia micenea, tutto racchiuso in una roccaforte.
Tra il X e il IX secolo, con l'incremento demografico,  la città incomincia a svilupparsi intorno all'antica rocca micenea, espandendosi poi verso il basso. In seguito sui resti della rocca sorgerà l'acropoli, il luogo sacro della città mentre la zona abitata rimase tutta sotto la collina.

A. Cocchi.


Bibliografia:

AA.VV. La Storia dell'Arte. Le prime civiltà. Electa editore. Milano, 2006
G. Cricco, F.P. Di Teodoro Itinerari nell'arte. Vol. I. Zanichelli editore, Bologna 2003
E. Bernini, R. Rota Eikon. Guida alla storia dell'arte. Vol.I. Editori Laterza, Bari, 2005
F. Negri Arnoldi Storia dell'arte vol I. Gruppo editoriale Fabbri, Milano 1985
P. Adorno, A. Mastrangelo Arte. Correnti e artisti. Vol. I. Casa editrice G. D'Anna, Firenze 1994
N. Frapiccini, N. Giustozzi. La geografia dell'arte. Vol.1 Hoepli editore, Milano 2004
L. Calò, L'archeologia delle pratiche funeraie. Mondo Egeo. in: Il mondo dell'Archeologia. Treccani.it L'enciclopedia italiana
R. Felsch, Kalapodi, in : Enciclopedia dell'Arte Antica Treccani.
M. R. Poopham, Lefkandi. in: Enciclopedia dell'arte Antica Treccani.
G. Gruben. Il tempio,  in: Storia dell'arte Einaudi.
F. Caruso. Sul Centauro di Lefkandi. Atti del convegno To Aigaio sten Proïme Epoche tou Siderou. Praktika tou Diethnous Symposiou, Rhodos, 1-4 Noembriou 2002. Editore  Panepistimio Kritis (Univeristà di Creta), Atene (GRC) a cura dell'Istituto per i Beni Archeologi e Monumentali (IBAM) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Catania.

 


Questa categoria è in via di definizione.
La ricerca sull'arte greca è ancora in corso.
I contenuti sono soggetti a revisioni, correzioni  modifiche, approfondimenti.


 

Approfondimenti:Alessandra Cocchi, civiltà, archeologia, arte, .

Stile:Arte greca.

Per saperne di più sulla città di: Grecia

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Anfora (fine protogeometrico-geometrico iniziale). Ceramica dipinta con vernice nera. X-IX sec. a.C. Atene, Museo della Ceramica.


Lebete tripodato.(B 1240) Bronzo. IX sec. a. C. Olimpia, Museo Archeologico.


Uomo (o divinità) con petaso. (B1391)Prima metà del IX sec. a. C. Olimpia, Museo Archeologico.


Uomo (o Zeus) con elmo. (B 1698) IX sec. a. C. Olimpia, Museo Archeologico.


Aurighi. (B 1670) IX sec. a. C. Olimpia, Museo Archeologico.



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK