Neolitico


Produzione neolitica Architettura neolitica Palafitte e terramare Stohenenge


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Stohenenge

Storia dell'arte  >  Stili

Il complesso molto spettacolare è quello di Stohenenge  realizzato in pù fasi, tra il IV millennio e il II millennio a.C.
Il complesso megalitico è racchiuso da una ampio fossato circolare, ormai quasi completamente riempito, ma visibile bene dall'alto, profondo 2 m. circa e dal diamentro di 100 m.
Dentro questo cerchio sono state trovate varie buche con resti umani cremati. Quindi nella fase più antica aveva una funzione  funeraria.

Nelle fasi più recenti sono stati realizzati i diversi cerchi con i blocchi di pietre, formanti: una serie di dolmen con architravi  formanti il cerchio ininterrotto dell''anello più estrrno. Poi c'è un giro di menhir più piccoli, una serie di grandi triliti disposti a U, e al centro un altare di pietra.
Inoltre il cromlech è collegato alla riva del fiume Avon, da una strada di circa 3 Km., il cui percorso è segnato da altri megaliti, i cui allineamenti corrispondono al sorgere e tramontare del sole. Altri megaliti disposti dentro al terrapieno circolare si riferiscono ai soltizi e alle fasi lunari.

La presenza del rito della cremazione, l'altare, i riferimenti astronomici, rivelano la presenza di una civiltà che aveva già una cultura complessa, religiosa e magico-scientifica.

Date le dimensioni e il peso dei blocchi (4 tonnellate circa ognuno), e la provenienza delle pietre (di tipo diverso) da cave distanti fino a più di 380 Km, è ancora oggetto di studio tutto il processo estrattivo, il trasporto, e la realizzazione.
I megaliti sono comunque frutto di un lavoro collettivo a cui partecipavano parecchi artefici che lavoravano in una squadra, diretta da un "esperto". Le dimensioni colossali e la comlpessità del lavoro richiedeva una efficiente organizzazione.

Secondo le ipotesi più condivise tra gli studiosi, dopo l'estrazione dalle rocce e la sagomatura in forme regolari, i blocchi venivano trasportati trascinandoli con delle funi e facendoli scivolare  su "rulli ruotanti" composti da tronchi d'alberi.

A. Cocchi


Bibliografia

G.Cricco, F.P.Di Teodoro Itinerario nell'arte Vol. I Zanichelli, Bologna 1996
R. Bossaglia Storia dell'arte Vol. I, Principato editore, Milano, 2003
P. Graziosi L'arte preistorica in Italia, Sansoni editore, Firenze 1973
B. Zevi Controstoria dell'architettura in Italia. Paesaggi e città.Tascabili Newton, Roma 1995
Enciclopedia Universo Istituto Geografico De Agostini, Novara 1975 vol IX voce: Preistoria
S. Bersi, P. Bersi, C. Ricci Educazione artistica Zanichelli editore, Bologna 1992
F. Negri Arnoldi Storia dell'arte Gruppo editoriale Fabbri, vol. I
F. Negri Arnoldi Guida alla Storia dell'arte Sansoni editore, Milano 2004 vol. I
R. Gianadda Alle origini dell'arte. Preistoria e storia. in: AAVV. la Storia dell'Arte. Vol 1 Le prime civiltà. Mondadori Electa. Gruppo editoriale l'Espresso, Milano 2006
G. Dorfles, M. Ragazzi, C. Maggioni, M: G: Recanati. Storia dell'arte. Dalle origini al Trecento. Vol I. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Bergamo 2007
AA.VV. Le più antiche tracce dell'uomo nel territorio  forlivese e faentino.Comune di Forlì 1987


 

Approfondimenti:architettura, cromlech.

Stile:Neolitico.

Per saperne di più sulla città di: Stohenenge

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Cromlech a Stohenenge. IV-II millennio a. C.



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK