Arte Assira


Il Lamassù assiro Città assire I palazzi assiri Le ziggurat assire I bassorilievi Qualità e tecnica dei bassorilevi assiri Re Assurbanipal caccia i leoni


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Il Lamassù assiro

Storia dell'arte  >  Stili

Gli Assiri soprattutto in fase iniziale (1800 a.C.) seguono un’arte religiosa, influenzata dall'espressione rigida, tipica dei Babilonesi.
Ma a partire dal 689 a.C. (l’anno in cui iniziò il loro impero) l’arte assira, in particolare la scultura, si sviluppa anche in campo laico, in particolare  attraverso la rappresentazione di battute di caccia e battaglie,  
ma a causa dell’incuria, del tempo e della distruzione delle città da parte dei Babilonesi ci sono arrivate poche opere.

Esempio a tutto tondo caratteristico della scultura assira è il Lamassù. Solitamente scolpito in alabastro, era posizionato all’ingresso della cittadella o del palazzo reale, dove simbolicamente faceva da guardia contro gli spiriti malvagi. Si tratta di mostri alati in forma di tori androcefali con cinque zampe, per permettere di vedere l'animale fermo, se visto frontalmente e in movimento se visto di lato. Secondo gli studiosi queste figure rinviano a significati non ancora chiari. E' molto discusso il fatto che queste grandi sculture sono unioni dell’uomo -con la sua intelligenza-, l’aquila -regina degli uccelli -, il leone - signore del deserto -  e il toro - fecondità delle mandrie. Gli Assiri del resto non erano estranei a rappresentazioni mostruose rappresentavano infatti anche animali feroci come i leoni e i geni alati.

Dal punto di vista stilistico, questi colossi sono caratterizzati, nonostante le grandi dimensioni, da una tecnica scultorea estremamente minuta e raffinata che impreziosisce l’insieme con particolari (barbe, ali, corone) di grandissimo effetto decorativo.
Inoltre le barbe dei Lamassù erano riccamente arricchite, infatti nell’ antica Assiria le barbe vengono associate alla classe sociale, più erano belle e curate e più si poteva riferire a un livello più elevato nella società. Questi particolari sono stati possibili solo grazie all’utilizzo di scalpelli di ferro invece che in bronzo, poiché sono molto più precisi e resistenti.

 M. Borghetti, E. Bruni e A. Teodorani  (alunni del Liceo Classico Monti, Cesena)


Bibliografia

Giorgio Cricco e Francesco Paolo di Teodoro. Itinerario nell’Arte – Versione Gialla: Dalla Preistoria all’arte romana.  Ed. Zanichelli
André Parrot Gli Assiri. Di . Ed. Feltrinelli

 

Approfondimenti:lamassù, scultura, archeologia, Liceo Monti, divinità, .

Stile:Arte Assira.

Per saperne di più sulla città di: Ninive

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Lamassù all'ingresso della città di Ninive


Lamassù. Museo del Lovre



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK