Bagno di Romagna


Basilica di Santa Maria Assunta Campanile di Santa Maria Assunta La Natività del Maestro del Tondo Borghese Il Trittico di Neri di Bicci Madonna della rosa Madonna col Bambino e santi di Michele Tosini La Beata Giovanna di Costantino Affer


torna indietro: Turismo d'arte

Campanile di Santa Maria Assunta

Colpo d'occhio  >  Turismo d'arte

Nell' antica Basilica di Santa Maria Assunta di Bagno di Romagna oltre a quadri di alta fattura, possiamo anche osservare la Torre campanaria.
L'alta e slanciata costruzione sorge isolata, sul lato sinistro della chiesa.
La torre campanaria venne iniziata durante l’Alto Medioevo, mentre venivano erette possenti mura in
protezione del “castrum” perciò, secondo molte fonti storiche, accanto alla funzione religiosa, in origine aveva anche il ruolo di torre di difesa e di avvistamento dei nemici.
Infatti questa caratteristica militare appartiene alle varie basiliche e chiese italiane costruite durante il medioevo: muri possenti, finestre a feritoie e portici esterni le rendevano i luoghi più sicuri di tutta la città.

Il campanile è alto circa 32 metri, per il suo tempo una misura eccezionale, venne rifatto intorno al 1770: infatti in quel periodo furono avviati i lavori di riconsolidamento per rendere l'antica costruzione più sicura, evitando così crolli e cedimenti strutturali.
Nel 1858 fu posto all’interno un meccanismo per l'orologio a torre.
Quest’opera è attribuita al famosissimo orologiaio romagnolo Agostino Cavino e con il suo suono scandiva il passare delle ore ai contadini e al popolo della Val di Bagno. Il quadrante è scandito da numeri romani, in caratteri classici e le ore sono intervallate da gigli fiorentini, in ricordo dell'antico legame con Firenze.
Tuttavia questo sistema venne sostituito con un orologio più moderno nella metà del 900’, quando fu anche costruita sul pavimento della piazza adiacente una bellissima meridiana che riprendeva le decorazioni esterne orologio come i numeri romani neri su sfondo bianco per indicare le ore.

Cecilia Spighi, Silvia Fabbri della Faggiola, Camilla Bianco, Alessandro Castigliego  (alunni del Liceo Classico Monti, Cesena)



Bibliografia e sitografia

Giulio Fallani, Appennino romagnolo, edizioni Multigraphic, Il laboratorio, 1990, Firenze
- Francesco Santucci, Storia della Val di Bagno, editore Il ponte vecchio, 1999, Cesena
- M.A.Lippi Mazzi, Corzano tra storia e leggenda, stabilimento topografico dei comuni, 1976, Santa Sofia
- Don Giovanni Vecci, Corzano e l’Alta valle del Savio, edizione fuori commercio, 1991, Sarsina
- Alfredo Bellandi – Roberto Greggi – Giuliano Marcuccino, Corzano: dal castello al santuario, editore centro di studi storici Bagno di Romagna – San Piero in Bagno, 1996, Cesena
- Pier Giovanni Fabbri, La Val di Bagno in età medievale e moderna, edizioni centro studi storici Bagno di Romagna, 1991, Forlì
-, Rocche e castelli di Romagna, edizioni Alfa, 1971, Bologna

 

Approfondimenti:C.Spighi, S. Fabbri Della Faggiola, C. Bianco, A. Castigliego, campanile, torre, orologio, architettura, arte, turismo, .

Stile:Romanico.

Per saperne di più sulla città di: Bagno di Romagna

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Basilica di santa Maria Assunta. Orologio della Torre campanaria. Bagno di Romagna. Foto delle autrici del testo.




Basilica di santa Maria Assunta. IX sec. Campanile. Bagno di Romagna. Foto delle autrici del testo.




Basilica di santa Maria Assunta. IX sec. Cella campanaria. Bagno di Romagna. Foto delle autrici del testo.



swimme

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK