Benevento


Santa Sofia di Benevento: la storia Santa Sofiadi Benevento: l'architettura


torna indietro: Turismo d'arte

Santa Sofia di Benevento: la storia

Colpo d'occhio  >  Turismo d'arte

La chiesa di Santa Sofia, dedicata appunto a Santa Sofia, ovvero la "Sapienza" come l'omonima chiesa a Costantinopoli, è situata a Benevento in Campania e fu fondata dal duca Gisulfo II nel 760 d.C. e in seguito completata da Arechi II, non appena divenne anch’esso duca.
La costruzione ebbe termine circa nel 762 d.C. forse in funzione di Chiesa nazionale del popolo longobardo.
Anche in seguito a donazioni e lasciti la chiesa di Santa Sofia divenne una delle più potenti dell’Italia meridionale e perciò uno dei più grandi esempi di arte longobarda risalente all’alto medioevo.

     La chiesa di Santa Sofia subì tre grandi ristrutturazioni.

• Restauro medievale.

Nel XII secolo la chiesa subì un primo restauro che lasciò intatta la pianta originaria in quanto vi aggiunse un campanile sulla parte sinistra della facciata e un portichetto.
Nella lunetta centrale, al di sopra del nuovo portale cosi realizzato, venne inserito un bassorilievo che ora si trova sulla porta d’ingresso della chiesa.

• Restauro barocco.

In seguito a un grave terremoto nel 1688 che causò quasi il completo abbattimento della città e la distruzione di una buona parte della chiesa quale il campanile, la cupola e il pronao di qui rimangono solamente le due colonne, la chiesa stessa fu nuovamente ristrutturata in stile barocco secondo l’influenza dell’ Arcivescovo Cardinale Orsini.
Tali cambiamenti stilistici determinarono la scomparsa dell’iniziale stile longobardo.
Gli interventi consistettero nella trasformazione della pianta da stellare a circolare, nella ricostruzione dell’abside centrale e nella realizzazione della facciata.

• Restauro Moderno.

Nel 1951 a cura della Sovraintendenza ai monumenti di Napoli furono diretti scrupolosi interventi che riportarono alla luce l’originale stile longobardo: le pareti dapprima stellari e in seguito rese circolari dalla ristrutturazione barocca furono rese nuovamente stellari.

M. Scioni


Bibliografia e sitografia:

Guida d'italia_campania,
Wikipedia,
erchemperto, 
chiesaitaliano.com,
agriturismibenevento.it,
imonumenti.it
comune.benevento.it.

 

Approfondimenti:M. Scioni, Santa Sofia di Benevento, arte, architettura, storia, turismo, .

Stile:Arte Longobarda.

Per saperne di più sulla città di: Benevento

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK