Benevento


Santa Sofia di Benevento: la storia Santa Sofiadi Benevento: l'architettura


torna indietro: Turismo d'arte

Santa Sofiadi Benevento: l'architettura

Colpo d'occhio  >  Turismo d'arte

Interno:

La chiesa di Santa Sofia presenta piccole proporzioni: si può circoscrivere con una circonferenza di 23,5 m di diametro. La pianta centrale si rifà a quella dell'omonima chiesa di Costantinopoli, ma è molto originale: al centro sei colonne, prelevate forse dall'antico Tempio di Iside [senza fonte], sono disposte ai vertici di un esagono e collegate da archi che sorreggono la cupola[2].
L'esagono interno è poi circondato da un anello decagonale con otto pilastri di pietra calcarea bianca e due colonne ai fianchi dell'entrata, ognuno dei quali disposto parallelamente alla corrispondente parete.
Non meno originale è la forma delle pareti. La zona delle tre absidi è circolare, ma nella porzione centrale ed anteriore le mura disegnano parte di una stella, interrotta dal portone, con quattro nicchie ricavate negli spigoli. I rimandi artistici sono molteplici e testimoniano delle diverse vicende costruttive che la chiesa ha conosciuto. Il corpo centrale slanciato richiama la tradizione propria dei Longobardi. Altri riferimenti stilistici si riscontrano all'esterno.

Esterno:

La facciata presenta, dal restauro settecentesco, degli spioventi ricurvi.
Molto bello il portale romanico, nella cui lunetta si trova un bassorilievo del XIII secolo, originariamente posizionato sul protiro andato distrutto, che rappresenta Cristo in trono tra la Vergine, san Mercurio e Gregorio Abbot inginocchiato. Il portale è incluso in una cavità più grande che ricorda anch'essa un portale, fiancheggiata da due colonne che reggono un altro arco.

Affreschi.

Gli affreschi di Santa Sofia a Benevento sono un ciclo di dipinti dell'VIII o IX secolo opera di artisti anonimi legati alla Scuola di miniatura beneventana.
La chiesa era completamente affrescata, lo dimostrano i frammenti tutt’ora visibili oltre che negli absidi, anche su di un pilastro ai piedi del tiburio e negli spigoli delle pareti a stella.
Nelle due absidi laterali sono presenti momenti del ciclo della Vita di Cristo (quella di sinistra: S. Giovanni Battista, quella di destra: Storia della Vergine).
Della prima rimangono due scene: l'Annuncio a Zaccaria e Zaccaria muto, della seconda l’Annunciazione e la Visitazione.

M. Scioni


Bibliografia e sitografia:

Guida d'italia_campania,
Wikipedia,
erchemperto, 
chiesaitaliano.com,
agriturismibenevento.it,
imonumenti.it
comune.benevento.it.

 

Approfondimenti:M. Scioni, Santa Sofia a Benevento, chiesa, architettura, arte, turismo, .

Stile:Arte Longobarda.

Per saperne di più sulla città di: Benevento

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK