Bernini Gianlorenzo


La produzione artistica di Bernini L'opera del Bernini (video) Bozzetti di Bernini Gli inizi di Bernini Giove nutrito dalla capra Amaltea I gruppi di Villa Borghese Apollo e Dafne David Le fontane a Roma prima di Bernini Le fontane di Bernini Nettuno e Tritone Fontana dei Quattro Fiumi Fontana del Moro Fontana del Tritone Fontana delle Api Opere degli anni '20 San Longino Santa Bibiana Chiesa di Santa Bibiana Il Barocco maturo del Bernini La fase classica di Bernini L'opera di Bernini negli anni della maturità Cappella Cornaro ed Estasi di santa Teresa Estasi di santa Teresa (video) Sant'Andrea al Quirinale Il ventennio finale di Bernini Colonnato di San Pietro I ritratti di Bernini


torna indietro: Artisti

Santa Bibiana

Storia dell'arte  >  Artisti

La statua di Santa Bibiana fa parte del primo incarico ottenuto da Gianlorenzo Bernini da parte del papa Urbano VIII nel 1624, insieme alla ricostruzione dell'omonima chiesa di Santa Bibiana. Per Bernini questa è la prima di una lunga serie di opere religiose che richiedono un approccio e una preparazione spirituale diverse rispetto alle opere a tema mitologico realizzate a Villa Borghese.

La statua era stata richiesta per essere posta sull'altare, anch'esso da lui progettato, contenente le reliquie di tre sante martiri. Il suo posizionamento era quindi mirato a segnalare il luogo sacro e a far meditare i fedeli sul tema del martirio.

La figura della santa viene quindi rappresentata da Bernini nel momento in cui accetta il martirio, ma il dramma viene espresso con una sensibilità pienamente seicentesca, ponendo grande attenzione alla complessa situazione psicologica vissuta dalla protagonista.  A differenza dei lavori precedenti, il dinamismo in questo caso non è più espresso attraverso torsioni e movimenti del corpo nello spazio. Infatti  la figura è in piedi, mossa appena dalla torsione del busto in lieve contrapposto rispetto alle gambe, la testa e lo sguardo volti in alto e la mano aperta verso l'esterno, col braccio e il fianco appoggiati alla colonna del martirio.  Il movimento non deriva da un'azione, ma si avverte un'agitazione interiore profonda che non riesce ad essere contenuta e viene riflessa dall'agitarsi di pieghe e increspature delle vesti. Nonostante la relativa compostezza, il gioco astratto di sporgenze e rientranze e di linee sinuose e improvvisamente aggrovigliate dei panneggi rinviano all'esperienza spirituale vissuta dalla santa. L'inserimento della statua di marmo bianco dentro la piccola nicchia scura offre anche l'occasione perchè la luce sottolinei con forte evidenza i contrasti con l'ombra rilevando le inclinazioni e i movimenti delle animate superfici.
La scelta del momento culminante permette sempre a Bernini di esprimere un'interpretazione visiva più ricca del fatto drammatico ed emotivamente coinvolgente nei confronti dello spettatore, come aveva già sperimentato in passato. Ma in questo caso fa un importante passo avanti, riesce a dare forma visiva, concreta e drammatica a un'esperienza spirituale.

Fa parte del lavoro di Bernini anche l'ideazione e realizzazione del contesto architettonico in cui si colloca la statua. Il complesso dell'altare-reliquiario e l'edicola di marmo bianco rappresentano non solo la cornice ma anche il contesto scenico in cui si inserisce la statua e che a sua volta si trova inserito nella chiesa.  L'immagine della santa si trova così a vivere in un ambiente distinto dal resto della chiesa, avvolta in una luce più attutita e quasi in penombra, e caratterizzata dai colori vivaci dei marmi delle colonne antiche e degli affreschi di Pietro da Cortona. Dentro la breve volta a botte che fa da accesso al presbiterio si svolge una scena immersa in una luce bianca che sembra appartenere ad un'altra dimensione.  L'inserimento della statua di marmo bianco dentro la piccola nicchia scura offre anche l'occasione perchè la luce sottolinei con forte evidenza i contrasti con l'ombra rilevando le inclinazioni e i movimenti delle animate superfici. L'effetto ottenuto si inserisce nella scia di quegli studi ed esperimenti sugli "effetti spettacolari" che caratterizzano tutta l'opera del Bernini. Questi primi risultati verrano portati avanti nelle opere successive, come il san Longino della Basilica di San Pietro, nella celebre Estasi di Santa Teresa della Cappella Cornaro, fino al capolavoro della maturità rappresentato dalla Beata Ludovica Albertoni.

A. Cocchi


Bibliografia.

R. Wittkower. La scultura. Dall'antichità al Novecento. Giulio Einaudi editore, Torino 1985
R. Wittkower. Arte e architettura in Italia 1600-1750. Einaudi, Torino 1972
P.Portoghesi. Roma barocca. Editori Laterza, Roma-Bari 1984
C. Lachi. La grande storia dell'arte. Il Seicento. Gruppo editoriale l'Espresso. Roma, 2003P. Adorno. A. Mastrangelo. Arte. Correnti e artisti. Volume secondo, Dal Rinascimento medio ai giorni nostri. Casa editrice D'Anna- Messina- Firenze 1998
La Nuova Enciclopedia dell'Arte Garzanti.
AA.VV. L'Italia. 2. Roma. Touring Club Italiano La Biblioteca di Repubblica, Gruppo Editoreiale l'Espresso, Roma, 1975
A. Ottani Cavina, Lezioni di Storia delle Arti, Università di Bologna, 1984
AA.VV. Moduli di Arte. Dal Rinascimento maturo al rococò. Electa-Bruno Mondadori, Roma 2000
G. Dorfles, S. Buganza, J. Stoppa Storia dell'arte. Vol II Dal Quattrocento al Settecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Bergamo 2008
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 2, Zanichelli Bologna 2004

 

Approfondimenti:Bernini, santa Bibiana, scultura, Alessandra Cocchi.

Stile:Barocco.

Per saperne di più sulla città di: Roma

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Gianlorenzo Bernini. Santa Bibiana. 1624-26. Marmo bianco. Roma, Chiesa di Santa Bibiana


Gianlorenzo Bernini. Altare Maggiore, Chiesa di Santa Bibiana. 1624-26. Roma


Chiesa di Santa Bibiana. 1624-26. Interno. Roma

disegni da colorare

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK