Bernini Gianlorenzo


La produzione artistica di Bernini L'opera del Bernini (video) Bozzetti di Bernini Gli inizi di Bernini Giove nutrito dalla capra Amaltea I gruppi di Villa Borghese Apollo e Dafne David Le fontane a Roma prima di Bernini Le fontane di Bernini Nettuno e Tritone Fontana dei Quattro Fiumi Fontana del Moro Fontana del Tritone Fontana delle Api Opere degli anni '20 San Longino Santa Bibiana Chiesa di Santa Bibiana Il Barocco maturo del Bernini La fase classica di Bernini L'opera di Bernini negli anni della maturità Cappella Cornaro ed Estasi di santa Teresa Estasi di santa Teresa (video) Sant'Andrea al Quirinale Il ventennio finale di Bernini Colonnato di San Pietro I ritratti di Bernini


torna indietro: Artisti

Sant'Andrea al Quirinale

Storia dell'arte  >  Artisti

Sant'Andrea al Quirinale, costruita tra il 1658 e il 1670 è la prima chiesa che Gianlorenzo Bernini ha realizzato tutto da solo dando piena espressione alla sua visione fantastica dello spazio architettonico. L'incarico venne commissionato al Bernini da Camillo Pamphili nel 1658, non si trattava di una costruzione ex-mnovo, ma della trasformazione di un antico edificio precedente, collegato al Palazzo del Noviziato dei Gesuiti.

L'edificio doveva occupare un'area di piccole dimensioni, ma Bernini presenta una forma aperta basata sulla curva, che trasmette un chiaro effetto di dinamismo e dilatazione dello spazio.
La pianta è composta da un ovale, disposto trasversalmente, secondo il suo asse maggiore, a cui si aggancia la curva aperta verso l'esterno delle due ali che si sviluppano dalla facciata rettilinea. Il risultato è l'alternarsi, perfettamente coerente di un corpo convesso che racchiude la chiesa e di un avancorpo concavo, che aprendosi all'esterno forma un piccolo piazzale e si collega armonicamente con gli edifici vicini.

L'inserimento urbanistico è risolto anche dalla facciata, molto più stretta rispetto al corpo della chiesa, sviluppata su una superficie piana, contenuta da due paraste corinzie  di ordine gigante, sostenenti trabeazione e timpano piuttosto aggettante. Le forme classiche dell'insieme sono ribadite anche dal portale architravato e timpanato.
Da questa base più lineare della facciata spicca in avanti il pronao semicircolare, il motivo della curva è ripreso coerentemente anche dal finestrone a lunetta e dall'arco che sorregge lo stemma della famiglia Pamphili.
Un'originale interpretazione del motivo classico è rappresentato dalle due colonne del pronao, impostate su un'inedita base triangolare e ornate di capitelli ionici con motivo di festoni, che si riferisce alle decorazioni presenti sulla cupola.
Allo sporgersi dell'ingresso si contrappone la concavità delle ali laterali che simbolicamente alludono all'accoglienza verso i fedeli.

L'interno, nonostante le reali dimensioni, suscita in chi entra un effetto di dilatazione, dovuto alla scelta di disporre l'ovale della pianta nel senso della larghezza. Lo spazio centrale, coperto dalla cupola, risulta quindi ampio e luminoso, per via delle numerose finestre praticate all'imposta della cupola.
Nell'aula ovale tutt'intorno si aprono, con disposizione radiale, otto cappelle di forme altrenate, rettangolari e ovali, mentre sull'asse minore si fornteggiano la grande nicchia dell'ingresso e quella semicircolare del presbiterio.

La cupola riprende la forma ellittica, come anche la lanterna, è inondata di luce e percorsa da costoloni che si allargano verso il basso, suggerendo l'immagine di un sole. Ogni spicchio è decorato con cassettoni esagonali degradano le loro dimensioni andando verso la sommità e trasmettono un senso di grande leggerezza e ascesa in cui le strutture architettoniche sembrano gonfiarsi e dissolversi in una dimensione immateriale.

All'immagine del divino e dell'infinito espresso dall'architettura concorre anche il colore, di forte valenza simbolica e la decorazione scultorea realizzata in stucco, che viene intesa da Bernini non come una sovrastruttura, ma come parte integrante dell'opera, secondo un principio di sostanziale unità delle arti.

Sul timpano che sovrasta l'altare maggiore,  Sant'Andrea in gloria si rivolge verso il cielo e apre le braccia per salire verso Dio. Sulle finestre sono rappresentate coppie di pescatori, i compagni di Andrea (che era un pescatore) e gruppi di cherubini giocosi che sostengono ghirlande sulle quali sembrano appoggiarsi i costoloni della cupola.
La chiesa offre nell'insieme un'immagine solare e festosa della gloria celeste, di grande effetto emozionale.

A. Cocchi


Bibliografia.

G. C. Argan L'Arte Italiana dal Rinascimento al Neoclassicismo. RCS Sansoni Editore Editoriale Quotidiani. Firenze, 1991
N. Spinosa. Spazio infinito e decorazione barocca.R. Wittkower. La scultura. Dall'antichità al Novecento. Giulio Einaudi editore, Torino 1985
R. Wittkower. Arte e architettura in Italia 1600-1750. Einaudi, Torino 1972
P.Portoghesi. Roma barocca. Editori Laterza, Roma-Bari 1984
C. Lachi. La grande storia dell'arte. Il Seicento. Gruppo editoriale l'Espresso. Roma, 2003P. Adorno. A. Mastrangelo. Arte. Correnti e artisti. Volume secondo, Dal Rinascimento medio ai giorni nostri. Casa editrice D'Anna- Messina- Firenze 1998
La Nuova Enciclopedia dell'Arte Garzanti.
A. Ottani Cavina, Lezioni di Storia delle Arti, Università di Bologna, 1984
AA.VV. Moduli di Arte. Dal Rinascimento maturo al rococò. Electa-Bruno Mondadori, Roma 2000
G. Dorfles, S. Buganza, J. Stoppa Storia dell'arte. Vol II Dal Quattrocento al Settecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Bergamo 2008
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 2, Zanichelli Bologna 2004

 

Approfondimenti:Sant'Andrea, chiesa, Bernini, .

Stile:Barocco.

Per saperne di più sulla città di: Roma

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Gianlorenzo Bernini. Sant'Andrea al Quirinale. Dett. della lanterna vista dall'interno. 1658-1670. Roma.


Gianlorenzo Bernini. Sant'Andrea al Quirinale. Facciata. 1658-1670. Roma.


Gianlorenzo Bernini. Sant'Andrea al Quirinale. Facciata. Dett,. del pronao con lo stemma Pamphili. 1658-1670. Roma.


Gianlorenzo Bernini. Sant'Andrea al Quirinale. Part. del tiburio. 1658-1670. Roma.


Pianta di Sant'Andrea al Quirinale.


Gianlorenzo Bernini. Sant'Andrea al Quirinale. Interno. 1658-1670. Roma.


Gianlorenzo Bernini. Sant'Andrea al Quirinale. Cupola vista dall'interno. 1658-1670. Roma.


Gianlorenzo Bernini. Sant'Andrea al Quirinale. Part. della Gloria di Sant'Andrea sull'Altare Maggiore. 1658-1670. Roma.


Gianlorenzo Bernini. Sant'Andrea al Quirinale. Part. di un angelo della decorazione a stucco della cupola. 1658-1670. Roma.



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK