Luoghi di culto a Cesenatico


Chiesa di San Giacomo Chiesa di San Giuseppe


torna indietro: Cesenatico

Luoghi di culto a Cesenatico

Turismo d'arte  >  Cesenatico

La storia degli edifici religiosi a Cesenatico presenta una serie di difficoltà soprattutto per il periodo più antico, corrispondente alla decadenza dell'antica Ad Novas, la cui popolazione fu decimata drasticamente dalle invasioni dei popoli barbarici tra il IV e il V secolo, seguite da disastri climatici e dalla peste nel VI secolo.

Sulle origini del culto cristiano a Cesenatico esistono poche notizie frammentarie. Nel Liber Pontificales, il Vescovo Agnello racconta che Martino, vescovo di Ravenna tra l'810 e l'818 circa, nel suo viaggio verso Roma si fermò quindici giorni a Nova, ormai distrutta, presso la chiesa di Santo Stefano.
Nel X secolo abbiamo notizia della chiesa di San'Agata che sorgeva verso l'interno, localizzata vicino all'attuale località di Macerone, ma anxhe questa è scomparsa.
La più antica delle chiese di Cesenatico è Santa Maria in Valverde, oggi denominata Chiesa dei Servi di Maria. Un primo riferimento a Santa Maria in Valverde si trova negli Annales Caesenates e secondo alcuni studiosi dovrebbe risalire al Duecento. Don Pietro Burchi invece, afferma che la chiesa debba risalire al 1550.

Un altro importante centro religioso della città adriatica è il Convento dei Cappuccini, situato in Largo Cappuccini, risalente agli inizi del '600 e annesso alla Chiesa dei santi Nicola e Francesco di Paola, santi protettori della gente di mare.

Al 1612 risale il primo riferimento alla chiesa dell'Annunziata che si trovava nella via verso Cervia, collegata al Convento degli Agostiniani.

Un altro complesso religioso era formato dalla Chiesa, Convento e Ospedale di san Giuseppe, i cui edifici vennero eretti tra il 1550 e il 1578. La Chiesa di san Giuseppe si trova in viale Bologna. 

Al 1763 risale l'Oratorio di san Giuseppe, demolito dopo il terremoto del 1875.


Vicino alla Biblioteca si trovava anche l'Oratorio dei santi Elmo, Felice e Fortunato, a cui erano devoti soprattutto i pescatori provenienti da Chioggia che si erano trasferiti a Cesenatico. 

Alla metà del XVIII secolo risale infine l'Oratorio della Beata Vergine delle Grazie della Vena, ora in abbandono, collocata sulla strada per Cesena e chiamata la "Madonnina".

Tra il 1920 e il 1932 avvenne la costruzione della chiesa di Santa Maria Assunta in cielo di Villamarina ad opera dell'architetto Arturo Abbondanza di Gatteo. La chiesa, posta sulla via litorale marina venne consacrata dal vescovo Alfonso Archi il 10 luglio 1932. Durante la seconda guerra mondiale la chiesa subì notevoli danni. Il primo sfregio è stato causato dai soldati tedeschi, che si insediarono all'internno e sventrarono l'abside per nascondervi un carro armato. Successivamente la costruzione subì i bombardamenti dell'artiglieria anglo-americana.
Dal 1946 e durante gli anni '50 avvenne la ricostruzione diretta da don Urbano Torri. La chiesetta si arricchì di opere di pregio come la maiolica con l'Annunciazione di Giannetto Malmerendi e i dipinti decorativi sulle volte e sugli archi eseguiti da don Amedeo Botticelli. Altre modifiche, nella zona absidale vennero eseguite dopo il 1962, in seguito al Concilio Vaticano II.

Si possono segnalare anche altri edifici religiosi di Cesenatico: nel quartiere di Boschetto la recente costruzione della chiesa di Santa Maria Madre di Boschetto, in viale Abba; la chiesa di Santa Maria Goretti nel quartiere Madonnina in via Aspromonte mentre a tre chilometri dal centro si trova la chiesa di Santa Maria Ausiliatrice in località Villalta. 

 

A. Cocchi

Bibliografia 

B. Ballerin, Rocca, torre e fortino del Cesenatico. in: Romagna arte e storia n. 49, 1997, Editrice Romagna arte e storia, Rimini 1997
F. Santucci, Cesenatico, da porto di Cesena a Comune Edizioni Il ponte vecchio, Cesena, 1995
D. Gnola, Storia di Cesenatico Edizioni Il ponte vecchio, Cesena, 2001
D. Gnola, Cesenatico nella storia Edizioni Il ponte vecchio Cesena, 2008
M. Marini Calvani (a cura di), Schede di Archeologia dell'Emilia-Romagna, Bologna 1995
B. Farfaneti, Cesenatico romana. Archeologia e territorio, Ravenna 2000
C. Dondi Il porto di Cesenatico lo pensò Leonardo? in:www.bper.it/gruppobper/incontri
AA. VV.Quaderno da viaggio. Provincia di forlì-Cesena. Luoghi e incontri, arte e cultura dal mare all'appennino.
P. Fabbri. La pianura e i lidi romagnoli. Guide d'Italia. Fabbri Editori, Milano 1982
M.Tedeschini (a cura di) Cesenatico. In: Atlante Romagnolo. Dizionario alfabetico dei 76 comuni. Il Resto del Carlino.

 

 

 

 

 

Torna a Cesenatico

 

Torna a Turismo d'arte

Bibliografia e sitografia

B. Ballerin, Rocca, torre e fortino del Cesenatico. in: Romagna arte e storia n. 49, 1997, Editrice Romagna arte e storia, Rimini 1997
F. Santucci, Cesenatico, da porto di Cesena a Comune Edizioni Il ponte vecchio, Cesena, 1995
D. Gnola, Storia di Cesenatico Edizioni Il ponte vecchio, Cesena, 2001
D. Gnola, Cesenatico nella storia Edizioni Il ponte vecchio Cesena, 2008
M. Marini Calvani (a cura di), Schede di Archeologia dell'Emilia-Romagna, Bologna 1995
B. Farfaneti, Cesenatico romana. Archeologia e territorio, Ravenna 2000
C. Dondi Il porto di Cesenatico lo pensò Leonardo? in:www.bper.it/gruppobper/incontri
AA. VV.Quaderno da viaggio. Provincia di forlì-Cesena. Luoghi e incontri, arte e cultura dal mare all'appennino.
P. Fabbri. La pianura e i lidi romagnoli. Guide d'Italia. Fabbri Editori, Milano 1982
M.Tedeschini (a cura di) Cesenatico. In: Atlante Romagnolo. Dizionario alfabetico dei 76 comuni. Il Resto del Carlino.

 

Bibliografia e sitografia

B. Ballerin, Rocca, torre e fortino del Cesenatico. in: Romagna arte e storia n. 49, 1997, Editrice Romagna arte e storia, Rimini 1997
F. Santucci, Cesenatico, da porto di Cesena a Comune Edizioni Il ponte vecchio, Cesena, 1995
D. Gnola, Storia di Cesenatico Edizioni Il ponte vecchio, Cesena, 2001
D. Gnola, Cesenatico nella storia Edizioni Il ponte vecchio Cesena, 2008
M. Marini Calvani (a cura di), Schede di Archeologia dell'Emilia-Romagna, Bologna 1995
B. Farfaneti, Cesenatico romana. Archeologia e territorio, Ravenna 2000
C. Dondi Il porto di Cesenatico lo pensò Leonardo? in:www.bper.it/gruppobper/incontri
AA. VV.Quaderno da viaggio. Provincia di forlì-Cesena. Luoghi e incontri, arte e cultura dal mare all'appennino.
P. Fabbri. La pianura e i lidi romagnoli. Guide d'Italia. Fabbri Editori, Milano 1982
M.Tedeschini (a cura di) Cesenatico. In: Atlante Romagnolo. Dizionario alfabetico dei 76 comuni. Il Resto del Carlino.

 

 

Approfondimenti:chiesa, monastero.

Per saperne di più sulla città di: Cesenatico

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK