Luoghi di culto a Cesenatico


Chiesa di San Giacomo Chiesa di San Giuseppe


torna indietro: Cesenatico

Chiesa di San Giuseppe

Turismo d'arte  >  Cesenatico

La Chiesa di San Giuseppe in Cesenatico sorgeva presso la porta verso Cervia, sull'attuale via Mazzini. In origine era annessa al convento della Santissima Annunziata e officiata dai padri agostiniani che vi risiedevano. La chiesa rimase in funzione fino al 1653, quando i frati furono trasferiti e il convento abbandonato. Poichè come risulta dalle testimonianze dell'epoca, era in uno stato di grave deperimento, venne ricostruita completamente al pianterreno di Palazzo Aguselli e presentava sull'altare il noto dipinto del San Giuseppe atribuito al Cagnacci e ora posto nell'attuale Chiesa di San Giacomo.

La chiesa attuale.

La chiesa attuale risale invece al 1929, quando ha assunto la sua forma in seguito al srecupero del nome e alla costruzione ex-novo per opere dell'arciprete Filippo Bersani. Collocata in mezzo ad una pineta, poi distrutta durante la seconda guerra mondiale, è un edificio di dimensioni contenute, forme semplici e ad unica navata. Ha subito un piccolo ampliamento in quella che è divenuta la sacrestia.
All'interno l'altare e l'ambone sono di marmo e appartengono a tempi più recenti e nelle due nicchie esterne si trovano le statue di San Giovanni Bosco e Sant'Antonio da Padova.

 

Secondo lo storiografo cesenate Sassi, L'Ospedale di San Giuseppe derivò dalla soppressione, voluta dal papa Innocenzo X nel 1652, di due piccoli conventi: quello di Santa Maria in Valverde, che ospitava i Servi di Maria e quello dei frati agostiniani della Santissima Annunziata. I beni riferiti ai due monasteri conlfluirono, nell'anno successivo nell'Ospedale del Santissimo Crocifisso di San Giuseppe, noto in seguito come San Giuseppe. L'istituzione, destinata all'accoglienza dei malati e dei pellegrini, si svuluppò notevolmente nel corso degli anni grazie a cospcue donazioni.

A. Cocchi

 

Torna a Cesenatico

 

Torna a Turismo d'arte


 

 

 

 

Bibliografia e sitografia

B. Ballerin, Rocca, torre e fortino del Cesenatico. in: Romagna arte e storia n. 49, 1997, Editrice Romagna arte e storia, Rimini 1997
F. Santucci, Cesenatico, da porto di Cesena a Comune Edizioni Il ponte vecchio, Cesena, 1995
D. Gnola, Storia di Cesenatico Edizioni Il ponte vecchio, Cesena, 2001
D. Gnola, Cesenatico nella storia Edizioni Il ponte vecchio Cesena, 2008
M. Marini Calvani (a cura di), Schede di Archeologia dell'Emilia-Romagna, Bologna 1995
B. Farfaneti, Cesenatico romana. Archeologia e territorio, Ravenna 2000
C. Dondi Il porto di Cesenatico lo pensò Leonardo? in:www.bper.it/gruppobper/incontri
AA. VV.Quaderno da viaggio. Provincia di forlì-Cesena. Luoghi e incontri, arte e cultura dal mare all'appennino.
P. Fabbri. La pianura e i lidi romagnoli. Guide d'Italia. Fabbri Editori, Milano 1982
M.Tedeschini (a cura di) Cesenatico. In: Atlante Romagnolo. Dizionario alfabetico dei 76 comuni. Il Resto del Carlino.

 

 

Approfondimenti:San Giuseppe, chiesa, architettura, .

Per saperne di più sulla città di: Cesenatico

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK