Arte Minoica


Origini e formazione Periodizzazione Caratteri dell'arte minoica Minoico Antico Produzione artistica del minoico antico Ritrovamenti archeologici del Minoico antico Architettura del Minoico Antico Ceramica del Minoico Antico Oreficeria e metalli del Minoico Antico Pittura del Minoico Antico Scultura del Minoico Antico Minoico Medio Necropoli del Minoico Medio Pittura del Minoico medio Urbanistica e architettura del Minoico medio Ceramica del Minoico Medio Lo stile di Kamares Minoico Recente Architettura e urbanistica del Minoico Recente Palazzi del Minoico Recente Teatro minoico Tombe del Minoico Recente Brocchetta di Gurnià Ceramica del Minoico Recente Oreficeria del Minoico Recente Pittura del Minoico Recente Scultura del Minoico Recente Vaso dei mietitori Periodo Minoico Postpalaziale


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Minoico Medio

Storia dell'arte  >  Stili

Il Periodo del Minoico Medio, corrisponde all'Età del Bronzo Medio e vede a Creta la costruzione dei primi palazzi (è detto anche Proto-palaziale) e si colloca tra il XIX e il XVII secolo a. C.
Dalle precedenti costruzioni del Minoico antico si sviluppano i primi grandi complessi costruttivi e si assiste ad un forte incremento di tutte le arti.
All'inizio del II Millennio a. C., (forse sotto il mitico re Minosse) Creta acquista la supremazia politica sull'Egeo e inizia un periodo di grande prosperità economica. I centri abitati che avevano già acquisito importanza durante  l Bronzo antico, si arricchiscono e si ampliano, definendosi come vere "capitali".
Si verifica anche una chiara riorganizzazione della società, articolata in ceti e ruoli diversi e governata da una potente élite aristocratica che gestisce attività produttive e accumulo di beni e proprietà, interagendo con i diversi soggetti sociali. Ciò è testimoniato dall'abbondante e raffinata produzione artistica e soprattutto dalla costruzione dei Palazzi reali dei centri più importanti, come Cnosso, Mallia, Festo.
I manufatti minoici facevano parte degli sviluppati traffici commerciali intrattenuti con le altre civiltà del Mediterraneo e del Medio Oriente. Una corrispondenza ritrovata durante uno scavo ad Amarna, in Egitto, rivela che nel XIV secolo a. C. gli Egizi mantenevano importanti rapporti commerciali con gli altri popoli. Sono documentati anche gli scambi con i Minoici: da Creta giungevano in Egitto soprattutto manufatti e venivano inviati in cambio oro, tessuti, avorio, profumo carri e forse anche scimmie e schiavi nubiani. 

Dai resti risalenti al periodo proto-palaziale si può osservare come la città minoica e la sua articolazione urbanistica riflette molto bene la situazione sociale e politica che si realizza nell'isola egea.
Gli spazi seguono una distribuzione razionale, rispondente ad un criterio gerarchico e funzionale. L'abitato si definisce come città-palazzo,  perchè gli ambienti e le strutture del palazzo (complesso di edifici con funzione di reggia, palazzo del governo e locali adibiti all'amministrazione dello stato e della giustizia) sono in posizione centrale rispetto alla città, ma si integrano in modo continuo e armonico con tutto il tessuto urbano che vi si sviluppa intorno.

La pittura risalente a questo periodo, anche se ci è giunta in stato frammentario, mostra livelli qualitativi molto alti e grande libertà nella scelta dei soggetti e ricchezza di colori.

La ceramica si manifesta con notevole ricchezza produttiva e ampia varietà stilistica, avvalendosi anche di influenze di altre civiltà con le quali i Minoici vengono in contatto, soprattutto grazie a i fiorenti commerci. Nascono in questo periodo oggetti raffinatissimi, come le famose ceramiche in stile Kamares o gli originali ryta.

Grande perizia tecnica e raffinatezza di stile caratterizza anche la lavorazione della pietra con produzione di vasi, placchette e oggetti in steatite, calcare, cristallo di rocca o altri materiali anche preziosi come madreperla e gemme.
Numerosi esemplari di sigilli  di uso sia pubblico che privato, testimoniano la diffusione dell'arte della glittica.

L'oreficeria presenta diversi esempi in cui vengono applicate le tecniche dell'incisione, della granulazione, dello sbalzo, e sono caratterizzati da uno stile naturalistico e vivace.

A. Cocchi


Bibliografia.

AA.VV. La Storia dell'Arte. Le prime civiltà. Electa editore. Milano, 2006
AA.VV. Egitto. Archeologia e storia. Vol. I Folio editrice
G. Cricco, F.P. Di Teodoro Itinerari nell'arte. Vol. I. Zanichelli editore, Bologna 2003
E. Bernini, R. Rota Eikon. Guida alla storia dell'arte. Vol.I. Editori Laterza, Bari, 2005
F. Negri Arnoldi Storia dell'arte vol I. Gruppo editoriale Fabbri, Milano 1985
P. Adorno, A. Mastrangelo Arte. Correnti e artisti. Vol. I. Casa editrice G. D'Anna, Firenze 1994
N. Frapiccini, N. Giustozzi. La geografia dell'arte. Vol.1 Hoepli editore, Milano 2004
J. Lange. Creta in: AA.VV. Grecia e Creta. Viaggio nella terra degli dei. Archeo collection. De Agostini, Novara 2007
AA.VV. Creta e il dominio minoico. Una vita piena di colore. in: La Storia dell'Arte. Vol 1 Le prime civiltà. Mondadori Electa, Milano 2006
L. Girella. Morte ineguale. Per una lettura delle evidenze funerarie nel Medio Minoico III a Creta. in Annuario della Scuola Archeologica di Atene e delle missioni italiane in Oriente. Vol. LXXXI, serie III,3- Tomo I, 2003 Saia editore 2004
L. Cultraro, L. Pappalardo, F. P. Romano. Insediamento e necropoli dell'Antico e Medio Minoico a Priniàs, Creta (Grecia) CNR Dipartimento Patrimonio culturale

 

 

Approfondimenti:Alessandra Cocchi, civiltà, archeologia, .

Stile:Arte Minoica.

Per saperne di più sulla città di: Creta

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Pithos 1900-1700 ca. a. C. Proveniente da Festo. Ceramica dipinta in stile Kamares. Heraklion, Museo Archeologico


Vaso dipinto in stile Kamares. 1900-1700 ca. a. C. heraklion, Museo Archeologico. Creta.

swimme

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK