Donatello


Donatello nelle "Vite" di Vasari Il decennio padovano La "compagnia" di Michelozzo e Donatello La collaborazione tra Donatello e Nanni di Banco La formazione e le prime opere di Donatello Abacuc Altare di Sant'Antonio a Padova Annunciazione di Santa Croce Ascensione e consegna delle chiavi a San Pietro Attys Banchetto di Erode Cantoria Crocifisso bronzeo Crocifisso di Santa Croce David di marmo David-Mercurio Decorazione della Sacrestia Vecchia di San Lorenzo Giuditta e Oloferne Maddalena Madonne col Bambino in rilievo schiacciato Monumento equestre al Gattamelata Niccolò da Uzzano Opere in rilievo schiacciato di Donatello Profeti per il Campanile di Giotto Pulpiti di San Lorenzo San Giorgio San Giorgio e il drago San Giovanni Battista San Giovanni Evangelista San Ludovico di Tolosa di Donatello San Marco San Rossore Statue per Orsanmichele


torna indietro: Artisti

Madonne col Bambino in rilievo schiacciato

Storia dell'arte  >  Artisti

Nel decennio compreso tra il 1422 e il 1432 Donatello affrontò più volte il tema della Madonna col Bambino con la tecnica del rilievo schiacciato. In particolare si conoscono tre versioni di questo tema: la Madonna dele nuvole di Boston, la Madonna Pazzi e la Madonna col Bambino e quattro angeli, entrambi a Londra.


Madonna delle nuvole

Il piccolo rilievo in marmo della Madonna delle nuvole, conservato al Museum fo Fine Arts di Boston è probabilmente un'opera di  destinazione privata. Di questo lavoro non sono stati trovati documenti o testimonianze che possono permettere di stabilire una datazione sicura, per ciò l'opera resta compresa nel decennio tra il 1422 e il 1432.
Come anche nella Madonna Pazzi di Berlino, il rilievo di Boston riprende l'iconografia classica delle stele funerarie greche.
Il gruppo della Madonna e il Bambino abbracciati si sviluppa sulla composizione diagonale. I due personaggi compaiono seduti tra le nuvole, circondati da alcuni cherubini.

 


Madonna Pazzi

La Madonna Pazzi, conservata al Museo di Berlino fa parte di un gruppo di lavori eseguiti da Donatrello con la tecnica del rilievo schiacciato e sembra essere il primo fra tre rilievi dedicati al tema della Madonna col Bambino, eseguiti tra il 1422 e il 1432.

La composizione riprende il modello classico di una categoria specifica di stele funerarie greche che venivano usate per le tombe delle madri morte di parto. E' classica anche la figura della Madonna, il cui profilo greco somiglia a quelli del Profeta e della Sibilla che compaiono nei rilievi eseguiti dallo stesso artista per la Porta della Mandorla del Duomo di Firenze, risalenti al 1422.
Un altro elemento che sembra confermare una datazione corrispondente ad una fase ancora giovanile della produzione dello scultore è la prospettiva non troppo esatta. Sia la mano con cui la Madonna sostiene il Bambino, sia gli sguanci della finestra in cui si inseriscono i personaggi sembrano costruiti con uno scorcio un po' forzato e fanno pensare che si tratti di uno delle prime prove prospettiche di Donatello.

 

Madonna col Bambino e quattro angeli.

Presso il Victoria and Albert Museum di Londra è conservata la Madonna col Bambino e quattro angeli eseguito da Donatello in rilievo schiacciato.
La composizione è impostata sulla forma ovale della lastra di marmo e per le sue caratteristiche di stile può essere datata al tempo del suo soggiorno a Pisa, tra il 1425 e il 1426.
Le figure sacre si inseriscono in uno spazio costruito in modo rigoroso e razonale attraverso un inquadramento architettonico, notevole è inoltre la sottigliezza della lavorazione ad intaglio con cui sono resi i panneggi e le mani dei personaggi. Queste caratteristiche, insieme all'angelo a sinistra, che suona la viola, sono simili a quelle riscontrabili nella versione in marmo del Convito di Erode.
Alcuni elementi avvicinano anche questo lavoro di Donatello al polittico di Pisa di Masaccio, soprattutto nel pannello centrale della Madonna col Bambino, dipinta da quest'ultimo nel 1426, quando entrambi gli artisti si trovavano a lavorare in quella città. Anche l'angelo a destra presente nel rilievo di Donatello, suona uno strumento disposto in scorcio, come si vede anche nel dipinto di Masaccio.

 

A. Cocchi 


 

Bibliografia

L.Berti, A. Cecchi, A. Natali. Donatello. Dossier Art n. 3. Giunti Firenze, 1986
C. Avery L'invenzione dell'umano.Introduzione a Donatello. S.E.S. s.r..l. La casa Usher, Firenze 1986 
AAVV Omaggio a Donatello1386-1986. Catalogo del Museo Nazionale del Bargello. S.P.E.S. , Firenze, 1986
AA.VV. Moduli di Arte. Dal Rinascimento maturo al rococò. Electa Bruno Mondadori, Roma 2000
A. Blunt Le teorie artistiche in Italia dal Rinascimento al Manierismo. Piccola Biblioteca Einaudi, Giulio Einaudi Editore, Torino 1966
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 2, Zanichelli Bologna 2004
G. Dorfles, S. Buganza, J. Stoppa Storia dell'arte. Vol II Dal Quattrocento al Settecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Bergamo 2008
E. Forssman. Dorico, ionico, corinzio nell'architettura del Rinascimento. Editori Laterza, Bari 1988
L. H. Heydenreich Il Primo Rinascimento. Arte italiana 1400-1460. Rizzoli Editore, Milano 1979
La Nuova Enciclopedia dell’arte Garzanti, Giunti, Firenze 1986
P. Murray L'architettura del Rinascimento italiano. Editori Laterza, Bari, 1987
N. Pevsner Storia dell’architettura europea. Il Saggiatore, Milano 1984
R. Wittkower Princìpi architettonici nell'età dell'umanesimo. Giulio Einaudi editore, Torino 1964

 

Approfondimenti:Donatello, Madonna, bambino, rilievo, scultura, Alessandra Cocchi, .

Stile:Quattrocento, Rinascimento.

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK