Forlimpopoli


Complesso di Santa Maria dei Servi Teatro Comunale di Forlimpopoli Rocca di Forlimpopoli Le mura medioevali Museo Archeologico di Forlimpopoli Le piazze di Forlimpopoli Palazzo della Torre Le porte di Forlimpopoli Collegiata di San Ruffillo Monumenti funerari degli Zampeschi


torna indietro: Turismo d'arte

Le mura medioevali

Colpo d'occhio  >  Turismo d'arte

La nuova cinta muraria fu edificata dopo la distruzione della città di Forlimpopoli compiuta da Albornoz e le sue truppe intorno al 1360.
La  primitiva struttura difensiva era presumibilmente costruita con steccati in legno e  brevi inserti in muratura di mattoni, circondati da fossati.

In seguito, la cinta fu urbica fu modificata  in una solida struttura in muratura e furono costruiti i sette torrioni angolari. Importanti, per la difesa del centro abitato, furono anche le porte, munite di ponte levatoio. La più antica di esse si trova a occidente e si chiama Porta di San Savino, poi c’è Porta Forlivese e Porta Vescovo, che è situata sulla Piazza Garibaldi.
Dentro alle mura correva, lungo tutto il tracciato, una strada di circonvallazione, chiamata Terraglio nella quale potevano transitare solo i residenti vicini ed era anche loro compito mantenerla in stato efficiente.
Oggi si sono mantenuti solo pochi tratti delle antiche mura a causa delle varie guerre e del tempo. Sono visibili i suoi  resti principalmente lungo la via De Gasperi e la Circonvallazione Emilia.
Degli antichi torrioni,invece, è ancora possibile osservare il Torrione della Montanara, il Torrione Leonardo, il Torrione dell’Ospedale, il Torrione dei Servi e quello detto Torrione di san Rufillo.

Ovviamente le antiche mura, in quanto costruite in epoca medievale, ospitarono numerose abitazioni, le quali erano concentrate  oprattutto nei pressi dei torrioni e delle porte, dove risiedevano le prime botteghe, e nella parte più interna, dove sorge la rocca.
Infatti il maggiore fulcro della vita civile dei centri medievali in Italia, era rappresentato dalla rocca o dal palazzo comunale, con la piazza. Questo era il punto di ritrovo e di scambio della popolazione e ancora oggi vi si tiene il mercato, nel rispetto dell'antica tradizione.

M. Amaducci, B. Donini, G. Rotondo, B. Siroli (alunni del Liceo Classico Monti, Cesena)


 Bibliografia e sitografia

S. Baldassarri. Il ritorno di San Rufillo. Soc.Tip. Forlivese, 1965
A. Aramini. Storia di Forlimpopoli narrata ai ragazzi. in: Storie Forlimpopolesi - Quaderno n. 2,  1990 circolo culturale AICS Il dibattito

 

Approfondimenti:turismo, mura, urbanistica, .

Stile:Arte del Medio Evo.

Per saperne di più sulla città di: Forlimpopoli

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 

swimme

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK