Torri e fortezze a Cesenatico


La Rocca di Cesenatico Stemma araldico Ambroni Torre civica di Cesenatico Torre Pretoria di Cesenatico


torna indietro: Cesenatico

Torre civica di Cesenatico

Turismo d'arte  >  Cesenatico

La Torre civica di Cesenatico venne costruita nel 1580 da Pietro Ghisleri, soprintendente della Romagna.
Sorgeva ad ovest dell'odierna Piazza Pisacane, un tempo detta Piazza Grande,  all'innesto con la strada che, provenendo da Cesena, costeggia il porto-canale.
Impostata su un ampio arco a tutto sesto, rappresentava l'ingresso al centro cittadino. La torre venne dotata di un prezioso orologio meccanico donato alla città da papa Gregorio XIII. Si trattava di un orologio composto di due quadranti, uno rivolto verso il mare, l'altro verso la campagna.
Come si può dedurre osservando la riproduzione della torre nelle antiche stampe, in particolare nel Prospetto del Porto di Cesenatico, incisa da Sebastiano Sassi nel 1776, la torre era un'alta costruzione di forma quadrangolare. Sorgeva su un robusto  basaento a scarpa, traforato da una volta a botte. L'arco d'ingresso, almeno quello sulla facciata rivolta verso l'esterno del borgo, sembra essere inquadrtao da una ghiera a bugnato. Dal basso in alto, sopra l'arco si trovava una nicchia, seguita dall'orologio e si concludeva con una cella campanaria aperta ad arco su ogni lato. Faceva da copertura un tetto a piramide.

 Nel 1875, un terribile terremoto provocò il crollo di parte delle strutture della torre, e poichè rimase pericolante venne abbattuta.
Alcuni anni dopo il terremoto si decise di costruire un'altra Torre civica, presso il Palazzo Comunale. Per far posto alla torre venne demolita l'antica Chiesina di San Giuseppe, da tempo sconsacrata e utilizzata nel periodo estivo come scuola. La posizione della nuova torre era determinata dalla sua visibilità, poiche vi venne ricollocato un altro orologio con un quadrante su ogni lato, che doveva essere visto da ogni punto della città.

La torre è andata distrutta durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale, oggi rimangono visibili solo le tracce delle  fondamenta della costruzione originaria, in Piazza Pisacane.

A. Cocchi


Bibliografia

B. Ballerin, Rocca, torre e fortino del Cesenatico. in: Romagna arte e storia n. 49, 1997, Editrice Romagna arte e storia, Rimini 1997
F. Santucci, Cesenatico, da porto di Cesena a Comune Edizioni Il ponte vecchio, Cesena, 1995
D. Gnola, Storia di Cesenatico Edizioni Il ponte vecchio, Cesena, 2001
D. Gnola, Cesenatico nella storia Edizioni Il ponte vecchio Cesena, 2008
M. Marini Calvani (a cura di), Schede di Archeologia dell'Emilia-Romagna, Bologna 1995
B. Farfaneti, Cesenatico romana. Archeologia e territorio, Ravenna 2000
C. Dondi Il porto di Cesenatico lo pensò Leonardo? in:www.bper.it/gruppobper/incontri

 

Approfondimenti:Alessandra Cocchi, torre, architettura, turismo.

Stile:Cinquecento.

Per saperne di più sulla città di: Cesenatico

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Romolo Liverani. Veduta di Cesenatico con la torre civica. Acquerello eseguito prima della distruzione del 1875. Fonte: D. Gnola, Cesenatico nella storia Edizioni Il ponte vecchio Cesena, 2008


Nuova torre civica e Palazzo Comunale di Cesenatico in una foto del primo '900. Fonte: D. Gnola, Cesenatico nella storia Edizioni Il ponte vecchio Cesena, 2008



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK