Gaudì


Casa Vicens Casa Milà Casa Battlò Sagrada Familia Parco Guell


torna indietro: Artisti

Gaudì

Storia dell'arte  >  Artisti

Gaudì

Mappe concettuali

Bibliografia

 

(Reus, Catalogna 1852 - Barcellona 1926)

L’opera di Antoni Gaudì, nonostante sia anticipatrice rispetto al vitale spirito innovatore del Liberty, ne offre un’interpretazione talmente individuale e originale che occupa una posizione eccentrica anche all’interno dello Stile Moderno internazionale.
La la sua geniale innovazione costituire un caso a sé, tanto che la sua figura è stata rivalutata in tempi relativamente recenti e soprattutto in relazione  all'evolversi dell'Architettura organica.
Lo stile di Gaudì rivela una stratificata assimilazione dei principali stili che hanno caratterizzato l'architettura spagnola nei secoli passati, come il gotico, il barocco, lo stile moresco e l’architettura marocchina. Ma questi influssi sono fusi con una fantasia travolgente in un complesso autonomo, anzi, originale nella maniera più esuberante.
La produzione artistica di Gaudì è strettamente legata alla città di Barcellona.  
Barcellona godeva a quel tempo di una discreta prosperità economica e in Catalogna convivevano il nuovo sviluppo industriale e un'antica tradizione artigianale.
Questa mescolanza tra innovazione e tradizione ha certamente stimolato la creazione delle grandi opere di Gaudì. Lo stesso artista ha avuto una formazione tradizionale, essendo figlio di un artigiano del rame e fin da giovanissimo ha coltivato i suoi interessi per l'architettura. Studiò architettura all'Accademia di Madrid, risentendo,fin da giovane, dell'influsso e degli scritti degli architetti Viollet-le-Duc e John Ruskin.
La sua fortuna iniziò con l'interesse di Eusebio Guell, un ricchissimo magnate che sognava di farsi costruire un palazzo dal carattere visionario e fantastico.

Gaudì fu anche un intellettuale, dedito agli studi di filosofia e di estetica, colse l'insegnamento dei Preraffaelliti e gli ultimi influssi del Romanticismo. Si appassionò alle antichità esotiche, considerò la natura come fonte di ispirazione degli elementi strutturali oltre che decorativi, e fu particolarmente sensibile al valore dell'artigianato e ai temi di carattere spirituale.  Gaudì, riprendento la tradizione costruttiva medievale, prendeva parte ai lavori nel cantiere, creava e trasformava le sue opere durante la costruzione, collaborando con le maestranze degli operai, e degli scultori.

La prima e importante costruzione di Gaudì è Casa Vicens, realizzata tra il 1878 e l'80  per la famiglia di un ceramista di Barcellona.
A soli 31 anni ricevette la commissione per l'opera a cui lavorò oltre quarant'anni, per tutto il tempo che gli restava da vivere: la cattedrale Sagrada Familia di Barcellona, destinata a rimanere incompiuta.
Due anni dopo gli fu affidata da Gùell la costruzione del suo palazzo Palazzo Gùell, (Barcellona, 1885-9) in cui iniziarono a prendere corpo i suoi proverbiali esperimenti strutturali: comparvero in particolare gli archi parabolici, ricordo dell'arco ogivale medievale e neogotico, ma anche sistema innovativo per distribuire in modo più efficace i pesi all'interno e all'esterno.
La sua ulteriore evoluzione stilistica risulta evidente nella Casa Battlò, concepita come un enorme organismo vegetale, dalla superficie scabra e vitale.
L'audacia innovativa di Gaudì proseguì nella Casa Mila, detta la Pedrera (Barcellona, 1905-1910), e infine nel fiabesco Parco Gùell.
Tra i materiali edili da lui preferiti spiccano soprattutti il cemento, modellato e plasmato con fantasia e i metalli, anch'essi utilizzati con grande libertà. Grande attenzione ha posto ai particolari decorativi, con l'utilizzo di mosaici, maioliche, vetri colorati.

 

A. Cocchi

 

 

Mappe concettuali

 

Antony Gaudì

 
Per vedere la mappa ingrandita cliccare sull'immagine relativa nella colonna a destra.

 

 


 

Bibliografia

 

L. Quattrocchi. Gaudì. Art Dossier n. 84. Giunti, Firenze, 1993
R. Bossaglia Storia dell’arte. Dal Neoclassico all’arte del nostro tempo. Vol. 1. Principato editore, Milano 2003
G. Dorfles, A. Vettese Arti visive. Protagonisti e movimenti. Il Novecento. Edizioni Atlas, Begamo, 2004
E. Bernini, R. Rota Eikon. Guida alla storia dell’arte. Vol. 3. Editori Laterza, Roma-bari-2006
N. Pevsner Storia dell’architettura europea. Il Saggiatore, Milano 1984

 

Approfondimenti:Gaudì, Liberty, artigianato, .

Stile:Liberty.

Per saperne di più sulla città di: Barcellona

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Antoni Gaudì. Casa Battlò. 1905. Dett. della facciata. Barcellona.


Antoni Gaudì. Sagrada Familia. Iniziata dal 1892. Barcellona


Antoni Gaudì. Casa Milà, La Pedrera. 1905-10. Barcellona.


Antoni Gaudì. Parco Guell. 1900-1914 Barcellona.


A. Cocchi. Antony Gaudì. Mappa concettuale. Clicca sull'imagine per ingrandire.





 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK