Giorgione


Formazione Opere e temi Stile e produzione Il contesto e la poetica Pala di Castelfranco Pala di Castelfranco: letture iconologiche La tempesta Le interpretazioni sulla Tempesta Venere dormiente


torna indietro: Artisti

Venere dormiente

Storia dell'arte  >  Artisti

La Venere dormiente è stata dipinta dal Giorgione intorno al 1507. E' conservata alla Gemaldegalerie di Dresda.
E' uno dei capolavori del maestro di Casterlfranco e tra i più celebri nudi di tutti i tempi. E' anche il primo nudo femminile finalizzato alla contemplazione secondo una visione classica e sensuale.

Questa figura è perfettamente immersa nella natura, fa parte del paesaggio in cui vive. Tutto il dipinto è realizzato con sapienti modulazioni tonali che trasmettono un sentimento malinconico, di solitudine incantata e sospesa.
Esiste una perfetta corrispondenza tra il profilo delle colline, le forme distese del paesaggio, questa atmosfera onirica e la Venere abbandonata nel sonno.
Esiste una forte analogia anche tra i colori del cielo, rosati nel tramonto, e quelli del corpo della Venere, come per indicare un'ideale somiglianza tra la donna e la dimensione divina.
Giorgione esalta la femminilità e la sensualità della sua Venere e nello stesso tempo la distacca, la allontana dallo spettatore, perchè appartiene alla dimensione magica, poetica del sogno, a cui sembra appartenere questa natura incantata.

La composizione è basata sulle diagonali e la figura femminile si distende su una di esse, occupando tutto il primo piano. Sull'altra diagonale si dispongono le colline e gli elementi del paesaggio.
La venere, è adagiata su voluminosi panni bianchi e rossi, che potrebbero alludere ai colori degli abiti nuziali delle spose di allora, e dorme ignara di essere osservata.

Questo dipinto testimonia anche l'apprendistato di Tiziano presso Giorgione, secondo gran parte degli esperti, infatti Tiziano è intervenuto nel panneggio in primo piano, probabilmente per completare il quadro alla morte improvvisa del maestro.
Il quadro ha subito parecchi restauri e ridipinture. Ad una radiografia, eseguita nel 1932 dal Posse è apparsa la figura di Cupido, ai piedi della dea.

A. Cocchi


Bibliografia.

A. Gentili. Giorgione. Dossier Art n.148. Giunti. Firenze, 1999
V. Lilli. L'opera completa di Giorgione. Classici dell'arte Rizzoli.  Milano, 1966
Vasari, Vite, 1568
G. Cricco, F. P. Di Teodoro Itinerario mnell'arte. Vol. 3 Dal Rinascimento al Manierismo. Zanichelli Editore, Ozzano Emilia  2006
Vivere l'arte. A cura di C. Fumarco e L. Beltrame. Vol. 2 Dal Rinascimento al Rococò. Bruno Mondadori Editore, Verona 2008
La Nuova Enciclopedia dell’arte Garzanti, Giunti, Firenze 1986
R. Bossaglia Storia dell'arte. Vol 2 Dal Rinascimento al Barocco al Rococò. Principato Editrice, Milano 2003.
P. Adorno, A. Mastrangelo. Arte. Correnti e artisti vol. II
F. Negri Arnoldi Storia dell'arte vol III. Fratelli Fabbri Editori
E. Bernini, R. Rota Eikon guida alla storia dell'arte. Vol. 2 Dal Quattrocento al Seicento. Editori Laterza, Bari 2006
G. Dorfles, S. Buganza, J. Stoppa Storia dell'arte. Vol. 2 Dal Quattrocento al Settecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Begamo 2006

 

Approfondimenti:Giorgione, Venere, sogno, paesaggio, natura, nudo, donna.

Stile:Cinquecento.

Per saperne di più sulla città di: Dresda

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Giorgione. Venere dormiente. Dett. 1507 ca. Olio su tela. Dresda, Gemaldegalerie


Giorgione. Venere dormiente. 1507 ca. Olio su tela. Dresda, Gemaldegalerie


Giorgione. Venere dormiente. Dett. 1507 ca. Olio su tela. Dresda, Gemaldegalerie



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK