Giotto


L'insegnamento di Giotto Il cantiere degli affreschi di Assisi Storie di San Francesco Il dono del mantello Il miracolo della fonte L'approvazione della Regola Predica davanti a Onorio III Il Presepe di Greccio La morte del cavaliere di Celano L'omaggio di un semplice Giotto e il giottismo a Padova La Cappella Scrovegni (video) Affreschi della Cappella Scrovegni Gioacchino tra i pastori Il bacio di Giuda Compianto sul Cristo morto Crocifisso di Santa Maria Novella Giotto a Napoli Cronologia di Giotto


torna indietro: Artisti

L'approvazione della Regola

Storia dell'arte  >  Artisti

L'approvazione della Regola  fa parte del ciclo di affreschi eseguiti da Giotto nella Basilica Superiore di San Francesco ad Assisi tra il 1296 e il 1304. E' una delle scene in cui Giotto sperimenta ed elabora la sua visione di spazio pittorico inteso in senso illusionistico tridimensionale.
L'opera si riferisce all'episodio in cui San Francesco, insieme ai suoi confratelli, va a Roma per ottenere dal papa Innocenzo III l'approvazione della nuova regola monastica, basata su povertà, castità e obbedienza.

Si può notare la divisione in due parti della composizione che rinvia a un contrasto ideale.
A sinistra i frati formano un gruppo compatto, hanno un atteggiamento più umile, colori più spenti e sono tutti in preghiera. rappresentano l'immagine spirituale della Chiesa.
A destra, il papa e i suoi cardinali hanno colori più variati e gesti imperiosi. Rappresentano il potere terreno della Chiesa.

Questo dipinto, sia per soggetto che per composizione è simile a quello della Predica dinanzi a Onorio III, ma rispetto a quella possiede un livello di espressività minore. Innocenzo III e i cardinali hanno espressioni vaghe  e atteggiamenti un po' convenzionali. Nel gruppo dei frati si nota una certa ripetizione. Non si ritrova quella ricerca di diversità e naturalezza, la libertà con cui le figure si muovono e si dispongono nello spazio che è tipica di Giotto. Secondo alcuni studiosi, tra cui Giuliano Briganti, questo affresco non sarebbe di mano di Giotto, ma va attribuito al Maestro di Isacco, ma è anche probabile che l'esecuzione sia dovuta in gran parte ad aiuti.

A. Cocchi


Bibliografia

E.Bacceschi L'opera completa di Giotto. Classici dell'arte Rizzoli. Milano 1966
Antonio Pucci. Il Centiloquio, Firenze 1373
A. Magistà. Così ne parlano i contemporanei, in: Il romanzo della pittura. Giotto e i maestri del Trecento. Suppl. a La Repubblica del 26/10/1988
S. Malatesta. L'uomo che parlava la lingua dei mercanti, in: Il romanzo della pittura. Giotto. Suppl. a La Repubblica del 26/10/1988
A. Tomei. Giotto. La pittura. Dossier Art Giunti, Firenze 1997
C. Semenzato, A. Angoletta Berti. Giotto e i giotteschi a Padova. Arnoldo Mondadori editore/ De Luca edizioni d'arte. Milano/Roma 1988
La Nuova Enciclopedia dell'Arte, Garzanti, 1986
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 1, Zanichelli Bologna 2004

 

Approfondimenti:Giotto, san Francesco, affreschi, ciclo pittorico, Maestro di Isacco, spazio, .

Stile:Gotico.

Per saperne di più sulla città di: Assisi

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Giotto. Approvazione della Regola. 1296-1304. Affresco. Assisi, Basilica Superiore di San Francesco


Giotto. Approvazione della Regola. Dett. 1296-1304. Affresco. Assisi, Basilica Superiore di San Francesco


Giotto. Approvazione della Regola. Dett. 1296-1304. Affresco. Assisi, Basilica Superiore di San Francesco


Giotto. Approvazione della Regola. Dett. 1296-1304. Affresco. Assisi, Basilica Superiore di San Francesco



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK