Giotto


L'insegnamento di Giotto Il cantiere degli affreschi di Assisi Storie di San Francesco Il dono del mantello Il miracolo della fonte L'approvazione della Regola Predica davanti a Onorio III Il Presepe di Greccio La morte del cavaliere di Celano L'omaggio di un semplice Giotto e il giottismo a Padova La Cappella Scrovegni (video) Affreschi della Cappella Scrovegni Gioacchino tra i pastori Il bacio di Giuda Compianto sul Cristo morto Crocifisso di Santa Maria Novella Giotto a Napoli Cronologia di Giotto


torna indietro: Artisti

Gioacchino tra i pastori

Storia dell'arte  >  Artisti

Questo affresco fa parte del ciclo dipinto da Giotto nella Cappella Scrovegni a Padova, tra il 1303 e il 1305. Con un minimo di elementi Giotto in questo dipinto riesce a raggiungere il massimo di evidenza drammatica.
La scena, tratta dal Vangelo apocrifo dello pseudo-Matteo, si riferisce al momento in cui Gioacchino si allontana dalla sua casa e si ritira in montagna, tra i pastori, per cinque mesi, senza più dare sue notizie alla moglie e ai familiari.
Si vede Gioacchino che cammina lentamente, tutto avvolto nel mantello e immerso nelle sue riflessioni, con un'espressione triste. Solo il cagnolino lo riconosce e gli va incontro festoso, mentre intorno a lui c'è un clima di massima indifferenza.
Al centro i due pastori che guidano il gregge parlano tra loro e si scambiano uno sguardo d'intesa, senza curarsi dell'uomo anziano. Gli animali si muovono spontaneamente. Giotto in questa scena affronta con straordinaria sensibilità il tema della solitudine, dell'emarginazione e dell'incomprensione sociale.

Lo spazio viene creato da una dislocazione di piani di profondità che partono dal centro dell'ovile e dalle figure che diventano più piccole man mano che si allontanano.
Il paesaggio montano con gli alberi è essenziale, ma basta per dare un'ambientazione e un'atmosfera piena di verità.

 A. Cocchi


Bibliografia e sitografia

E.Bacceschi L'opera completa di Giotto. Classici dell'arte Rizzoli. Milano 1966
Antonio Pucci. Il Centiloquio, Firenze 1373
A. Magistà. Così ne parlano i contemporanei, in: Il romanzo della pittura. Giotto e i maestri del Trecento. Suppl. a La Repubblica del 26/10/1988
S. Malatesta. L'uomo che parlava la lingua dei mercanti, in: Il romanzo della pittura. Giotto. Suppl. a La Repubblica del 26/10/1988
A. Tomei. Giotto. La pittura. Dossier Art Giunti, Firenze 1997
C. Semenzato, A. Angoletta Berti. Giotto e i giotteschi a Padova. Arnoldo Mondadori editore/ De Luca edizioni d'arte. Milano/Roma 1988
La Nuova Enciclopedia dell'Arte, Garzanti, 1986
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 1, Zanichelli Bologna 2004
www.giottoagliscrovegni.it/ita/home.html

 


 

Approfondimenti:Giotto, dramma, solitudine, emarginazione, indifferenza.

Stile:Gotico.

Per saperne di più sulla città di: Padova

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Giotto. Gioacchino tra i pastori. 1303-05. Affresco. Padova, Cappella Scrovegni.



swimme

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK