Gotico


I caratteri dello stile gotico Il Gotico in Italia L'architettura sacra Basilica di Santa Maria Novella a Firenze Duomo di Orvieto La cattedrale di Santa Maria del Fiore a Firenze Architettura gotica civile Palazzi comunali Palazzo della Signoria a Firenze Palazzo Pubblico di Siena Urbanistica gotica Piazza del Campo a Siena La promozione culturale e artistica di Federico II Castel del Monte ad Andria La pittura del '200 La pittura del '200 in Toscana Le croci dipinte del '200


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

La pittura del '200 in Toscana

Storia dell'arte  >  Stili

In Toscana le tradizioni pittoriche locali vengono investite dalle influenze orientali. Durante il XII secolo i maggiori centri toscani di produzione pittorica sono ancora Lucca e Pisa. Intanto a Firenze comincia a svilupparsi quella evoluzione economica basata sul commercio e la formazione del sistema bancario che trasformeranno la cittą in uno dei maggiori centri europei.
In tutta la regione prevale lo stile classicheggiante che da Roma, specialmente attraverso le miniature, di era diffuso in tutta l'Italia centrale.
Dopo la conquista di Costantinopoli, nel 1204 in Italia cominciano a circolare le icone bizantine, ammiratissime per la raffinatezza e l'elevato potere suggestivo. Con il secolo XIII si assiste alla grande fioritura delle tavole dipinte, influenzate dai modelli orientali, ma interpretate da maestri e scuole locali, soprattutto pisani e lucchesi. Si tratta di numerose Croci dipinte e pale d'altare raffiguranti Madonne col Bambino o Maestą. I risultati di questi lavori sono diversi, a volte raggiungono alti livelli di originalitą e qualitą, spesso giungono ad esiti pił modesti e dialettali, ma testimoniano di una diffusa spiritualitą e ricchezza culturale.
Tra i maestri pił noti e quelli finora identificati si possono ricordare Giunta Pisano, Coppo di Marcovaldo, Alberto Sotio, il Maestro Guglielmo, Bonaventura Berlinghieri, Cimabue e numerosi grandi interpreti conosciuti per i dipinti che hanno realizzato, ma rimasti purtroppo anonimi.

A. Cocchi


Bibliografia

F. Todini. Abita a Firenze un pittore Bizantino. La "maniera greca" di Cimabue. in: Il romanzo della pittura. vol.I Giotto e i maestri del Trecento. Suppl. a La Repubblica. 1988
R. Longhi. Giudizio sul Duecento e ricerche sul Trecento nell'Italia centrale. Sansoni, Firenze 1939-1970
La Nuova Enciclopedia dell'Arte. Garzanti 1986
M. Rotili. La pittura romanica nell'Italia Centro-meridionale. in: I maestri del colore. n. 210 F.lli Fabbri editori.
F. Negri Arnoldi. Storia dell'Arte. Vol. I. Gruppo editoriale Fabbri. Milano 1985

 

 

Approfondimenti:pittura, Giunta Pisano, Alberto, Coppo di Marcovaldo, Guglielmo, Berlinghieri, Cimabue.

Stile:Gotico.

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Cimabue. Maestą di Santa Trinita. 1285-86 Tempera su tavola. Firenze, Uffizi.



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK