Lancia



torna indietro: Le barche del Museo della Marineria

Lancia

Museo della Marineria  >  Le barche del Museo della Marineria

Una delle barche più usate sul litorale romagnolo era la Lancia, che poteva essere a uno o due alberi, secondo le dimensioni, e vele al terzo. Le lance più grandi con due alberi potevano raggiungere nove o dieci metri ed erano dette "lancioni".
Le lance presentavano una chiglia allungata ed erano dotate di una particolare attrezzatura per la pesca, effettuata con reti a strascico e con il rabbio. Esisteva anche un tipo di lancia adibita alla pesca dei delfini con l'uso della fiocina.
A prua e a poppa le lance presentavano due aste verticali e lungo le fiancate della barca si trovavano due cassabanchi per sostenere la zavorra, necessaria per mantenere la stabilità dell'imbarcazione durante la pesca.
La lancia era governata da un solo pescatore e da un ragazzo, sottoponeva ad una vita durissima, non c'era la possibilità di accendere il fuoco ("focone") neppure per cucinare, ogni problema ed ogni pericolo doveva essere affrontato da soli. Per questo i lancéri erano esperti conoscitori del mare e del tempo, ma anche spiriti indipendenti, che non entravano volentieri a far parte di un equipaggio.

Presso il Museo della Marineria di Cesenatico è esposta la lancia "Aldina", costruita nel 1949 a Cattolica, misura settemetri e sessantacinque di lunghezza per due metrie ventitre di larghezza.
Nella decorazione moto contenuta, presenta uno scafo rosso e bianco con bordatura nera. E' armata con vela al terzo e fiocco. La vela gialla è contrassegnata con un sole nascente.

Quando si diffuse la moda del turismo balneare di massa, negli anni '50-60 sulla Riviera Romagnola, diversi pescatori utilizzarono la loro lancia per offrire gite in mare ai turisti.

La lancia, nella versione a motore, è un tipo di imbarcazione prodotto ancora oggi dai moderni cantieri nautici e utilizzata soprattutto per la pesca sportiva

A. Cocchi


Bibliografia

F. Santucci, Cesenatico, da porto di Cesena a Comune Edizioni Il ponte vecchio, Cesena, 1995
D. Gnola, Storia di Cesenatico Edizioni Il ponte vecchio, Cesena, 2001
D. Gnola, Cesenatico nella storia Edizioni Il ponte vecchio Cesena, 2008
M. Marini Calvani (a cura di), Schede di Archeologia dell'Emilia-Romagna, Bologna 1995
B. Farfaneti, Cesenatico romana. Archeologia e territorio, Ravenna 2000
P. G. Pasini. Andar per Musei. Guida all'uso dei musei della Romagna meridionale. (a cura di Italia Nostra) Romagna arte e storia Quaderni
AA. VV. Guida ai musei della Provincia di Forlì-Cesena. Edizioni Prima Pagina, Cesena, 1999
M. Todeschini (a cura di) Atlante Romagnolo. Dizionario alfabetico dei 76 comuni. Poligrafici editoriale S.P.A. Bologna 1992
B. Ballerin (a cura di) Barche di ieri e di oggi in: AA.VV. Adriatico. Le stagioni del nostro mare. A cura dell'Amministrazione Provinciale di Forlì-Cesena. Stampa MDM, Forlì 1992


 

 

Approfondimenti:A. Cocchi, lancia, barca, pesca, turismo, .

Per saperne di più sulla città di: Cesenatico

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Ugo Bertotti. Lancia. 1992. Illustrazione jpg tratta da disegno originale ad acquarelli e matite colorate.



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK