Gentileschi Orazio


Madonna di Princeton Sacra Famiglia con San Giovanni Battista bambino Salita al Calvario Cenni sulla vita Orazio e Caravaggio La pittura dal modello Orazio e il paesaggio Orazio a Genova Orazio in Francia Orazio in Inghilterra Circoncisione Giuditta e la serva Suonatrice di liuto Madonna con Bambino Santa Cecilia e un angelo Riposo durante la fuga in Egitto Danae Annunciazione Felicità Pubblica


torna indietro: Artisti

Riposo durante la fuga in Egitto

Storia dell'arte  >  Artisti

E' una delle più belle composizioni di Orazio Gentileschi, seguita da una serie di repliche, di cui una, in Francia, ha determinato una forte influenza sulla pittura francese.
I valori di atmosfera, la bellezza delle qualità cromatiche, il senso di profonda umanità, fanno di questo quadro uno dei capolavori del Gentileschi.
Orazio si ispira alla Madonna con la gamba lunga di Raffaello, ma rispetto alla composizione del maestro rinascimentale, Orazio trasforma la scena in un brano di verità dove ogni dettaglio è studiato direttamente dal vero.
La composizione è compatta, concentrata nello spazio limitato dal muro di mattoni, intonacato secondo l'uso romano. L'artista si sofferma con straordinaria sensibilità nella resa e nella variazione dei valori tattili. Passa dal pelo soffice e fitto dell'asino, al vapore delle nuvole, alla consistenza più fredda della stoffa lucida dell'abito della Madonna, al calore del tessuto di lana della giacca di san Giuseppe, allo sbriciolarsi dei mattoni, alla superficie polverosa dell'intonaco.
Magnifici i colori nell'efficace contrasto di toni freddi (grigio, azzurro, bianco) del cielo e delle vesti della Madonna, ai toni caldi dei panni di san Giuseppe, del muro e della terra.
Ogni elemento del quadro è associato all'altro secondo un principio di equilibrio tra luce, forme, colori e superfici.
Come aveva già fatto Caravaggio nel suo Riposo durante la fuga in Egitto, circa vent'anni prima, anche Orazio sull'iconografia tradizionale sviluppa un repertorio di contrasti, non solo pittorici, ma anche di sesso, età, tipologie.
Questo quadro probabilmente è stato dipinto a Genova, verso il 1620-22.

A. Cocchi


Bibliografia e sitografia

A. Lapierre Artemisia Mondadori 1999
AA.VV. Caravaggisti Dossier Art n. 109, Giunti,  Firenze 1996
Keith Christiansen, L'arte di Orazio Gentileschi. in: Keith Christiansen e Judith Mann (a cura di) Orazio e Artemisia Gentileschi, Skira editore, Milano 2001
J. W. Mann, Artemisia e Orazio Gentileschi in: Orazio e Artemisia Gentileschi, Skira editore, Milano, 2001
B. R. Benjamin, P. De Montebello, C. Strinati. Premessa in: Orazio e Artemisia Gentileschi, Skira editore, Milano, 2001
La Nuova Enciclopedia dell'arte, Garzanti, 1986


 

Approfondimenti:Orazio Gentileschi, Gentileschi, madonna, bambino, asino, Egitto.

Stile:Seicento.

Per saperne di più sulla città di: Birmingham

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Orazio Gentileschi. Riposo durante la fuga in Egitto. Part. 1620-22 ca. Olio su tela. cm. 176,6X219. City Museum and Art Gallery, Birmingham


Orazio Gentileschi. Riposo durante la fuga in Egitto. 1620-22 ca. Olio su tela. cm. 176,6X219. City Museum and Art Gallery, Birmingham


Orazio Gentileschi. Riposo durante la fuga in Egitto. Part. 1620-22 ca. Olio su tela. cm. 176,6X219. City Museum and Art Gallery, Birmingham


Orazio gentileschi. Riposo durante la fuga in Egitto. 1625-26 ca. Kunsthistorisches Museum, Vienna


Orazio Gentileschi. Riposo durante la fuga in Egitto. Part. 1620-22 ca. Olio su tela. cm. 176,6X219. City Museum and Art Gallery, Birmingham



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK