Arte Paleocristiana


L'arte cristiana dal I al IV secolo Le Domus Ecclesiae Le catacombe La pittura catacombale I mosaici paleocristiani L'arte cristiana dal IV al VI secolo Il simbolo cristiano La scultura paleocristiana Basilica di San Lorenzo a Milano Basilica di San Lorenzo a Milano: storia Basilica di San Lorenzo a Milano: decorazione Cappella di Sant'Aquilino Le altre cappelle di San Lorenzo a Milano


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

La scultura paleocristiana

Storia dell'arte  >  Stili

La scultura paleocristiana è documentata da una grande quantità di opere comprendenti sarcofagi in marmo, ritrovati soprattutto a Roma e gruppi statuari di piccole dimensioni. Fanno parte della produzione scultorea paleocristiana un numero consistente di capolavori, realizzati nello stile aulico della tradizione imperiale.  Tra questi si possono ricordare, nella prima categoria, il Buon Pastore dei Musei Vaticani, il Cristo docente di Palazzo Massimo delle Terme a Roma o la serie delle Statuette del Museo di Cleveland. Tra i sarcofagi, particolarmente belli sono il Sarcofago di Giona dei Musei Vaticani, il Sarcofago con il Mito di Prometeo del Museo Archeologico di Napoli, e il Sarcofago di Giunio Basso del Museo del Tesoro del Vaticano.  Sia nelle statuette che nei rilievi dei sarcofagi si ritrovano gli stessi temi rappresentati nella pittura. Ad esempio vengono raffigurate scene tratte dall'Antico Testamento, i miracoli e la vita di Cristo, o immagini simboliche come il Buon  Pastore. Inoltre, dal momento che le opere cristiane sono prodotte dagli stessi artisti che realizzano anche le opere pagane, esse rientrano nello stesso ambito culturale e naturalmente presentano lo stesso stile e gli stessi procedimenti tecnici dei lavori di carattere profano.
Spesso si tratta anche di opere molto raffinate e preziose che dovevano avere un costo piuttosto elevato, ed è quindi chiaro che le commissioni provenissero da famiglie cristiane ricche. Questi oggetti cominicano a essere richiesti a partire dal II secolo, ma la produzione conosce un rilevante aumento a partire dalla seconda metà del III secolo.
In particolare, l'uso dei sarcofagi decorati a rilievo incomincia a diffondersi nell'impero romano a partire dal II secolo, quando al rito della cremazione dei defunti si sostituisce quello dell'inumazione. Soprattutto a Roma, ma anche in altri importanti centri dell'impero sorgono importanti officine specializzate nella realizzazione dei sarcofagi. Viene anche organizzato un efficiente sistema per la preparazione e il trasporto dei blocchi di marmo dalle cave alle botteghe degli artisti. Le cave più famose sono quelle di Carrara e quelle situate in Grecia e Medio Oriente.

 

A. Cocchi


Bibliografia e sitografia

S. Zuffi Dal Paleocristiano all'anno Mille. Il primo millennio dell'arte cristiana. in: La Storia dell'Arte. L'alto Medioevo. Electa, Milano 2006
R. Bossaglia Storia dell’arte. Dall’antichità al gotico internazionale. Vol.1, Principato editore.
AA.VV. Moduli di arte. L’età antica. Vol. A, Electa Mondatori editore.
F. Negri Arnoldi Guida alla storia dell’arte, Protagonisti opere contesti. Vol I Dalla preistoria all’Età gotica.

 

 

Approfondimenti:scultura, cristianesimo, simbolo, .

Stile:Arte Paleocristiana.

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Buon Pastore. Museo Lateranense. Roma.


Cristo docente. marmo. III sec. Museo della Civiltà romana. Roma.


Sarcofago di Giona. Ca. 300 d.C. Museo Pio Cristiano. Roma, Vaticano.


Sarcofago di Costantina. 360 ca. Porfido. h. cm 225X233X155. Museo Pio Clementino. Roma, Città del Vaticano.



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK