Partina


Chiesa di San Biagio a Partina Ex Museo Archeologico di Partina Il Castello di Partina Pieve di Santa Maria Assunta a Partina Villa La Mausolea


torna indietro: Turismo d'arte

Partina

Colpo d'occhio  >  Turismo d'arte

Partina

La visita al borgo

Bibliografia

 

Partina è un piccolo centro del Casentino, in provincia di Arezzo, che si sviluppapresso il fiume Archiano, ai piedi dell'Appennino Tosco-Emiliano. Si raggiunge percorrendo la strada Statale 71 che dal Passo dei Mandrioli si inoltra lungo la valle dell'Archiano Partina si trova nel tratto tra Badia Prataglia e Soci.

Come molte altre località casentinesi, Partina, sebbene poco conosciuta, è un luogo ricco di storia, molto gradevole da scoprire soprattutto per i turisti più curiosi.

 


Veduta di via Santa Rita nel borgo antico di Partina.

L'origine etrusca di Partina è testimoniata anche dallo stesso toponimo: secondo lo storico Silvio Pieri Partina infatti deriva dal nome di persona preromano Partunus, secondo lo studioso Fatucchi può invece ricollegarsi al siciliano  Partanna.
Un ritrovamento archeologico avvenuto nell'Ottocento, in cui venne trovata una piccola raccolta di monete del III secolo a. C. testimonia anche un probabile insediamento romano, sul quale però le conoscenze rimangono ancora scarse.

Più cospicue sono invece le tracce riferibili al Medioevo. Partina conserva ancora l'antico borgo medievale, situato nella parte più alta del paese. Il nucleo originario si chiamava Sesta ed era concentrato intorno all'antichissima Pieve di Santa Maria Assunta, una delle più importanti chiese altomedievali del Casentino, la cui giurisdizione arrivò a comprendere tutte le pievi sulle due sponde dell'Archiano, il Monastero di Prataglia e ventisei chiese parrocchiali.
Una ricca documentazione conservata nel Monastero di Camaldoli attesta la presenza dell'abitato medievale che conservò la sua conformazione pressocchè immutata fino al XIII secolo. Nella zona più elevata sorgevano le strutture difensive del Castello, di cui si vede ancora una parte dell'edificio originario racchiuso nelle mura. Il resto del castello, oggi visibile, è frutto di una ricostruzione novecentesca.

L'aumento demografico avvenuto tra il XIII e il XIV secolo, determinò la costruzione di nuove abitazioni che si distribuirono più a valle, presso il fiume e una nuova conformazione urbanistica. A partire dal Duecento è già documentata la chiesa di San Biagio, affacciata sulla piazza e il "piano delle vigne", corrispondente agli attuali Giardini pubblici.


Il "Piano delle vigne" dove oggi si trova il Giardino pubblico di Partina.

 


Nel 1350 Bandino dei conti Guidi di Romena affittò un Mulino che si trovava sulla riva destra dell'Archiano ad un mugnaio locale, perchè potesse servire non solo agli abitanti del borgo ama anche ai paesi dei dintorni, incrementando l'economia locale.
Dopo la caduta della signoria dei Guidi, Partina insieme a Romena, venne assoggettato al dominio di Firenze e assegnata alla podesteria di Bibbiena.

Poco distante da Partina, verso Soci si trova la Villa Mausolea, antica proprietà dei monaci di Camaldoli, citata dalle fonti fin dal 1087 e ricostruita nel 1647.  Utilizzata per amministrare le vaste proprietà terriere del monastero camaldolese, il bellissimo complesso della Mausolea è stato recentemente restaurato nelle sue forme seicentesche ed è attualmente utilizzato come centro convegni.

Gli scavi archeologici condotti nella zona e in particolare gli importanti ritrovamenti etruschi del lago degli Idoli hanno permesso di costituire il Museo Archeologico del Casentino la cui prima versione venne aperta al pubblico proprio a Partina. Riportiamo in questa sezione una documentazione dell'ex Museo Archeologico di Partina.

 

A. Cocchi

 

 

La visita al borgo di Partina

 
Nicchia con la Madonnina

 

Partendo dalla piazza principale, di fronte alla chiesa di San Biagio, ci si può inoltrare nell'antico borgo di Partina, abbastanza ben conservato nella sua struttura originaria.  Si riconosce bene la struttura compatta dell'abitato, tipicamente medievale, con le sue vie strette, arrampicato sul pendio roccioso in cima al quale sorgeva il castello. All'interno del borgo si può vedere come le abitazioni hanno continuato ad essere utilizzate nel corso dei secoli, con modifiche e riadattamenti.

La prima testimonianza storica che dà l'avvio al percorso si trova sulla via che si apre dalla parte opposta rispetto alla chiesa. E' una piccola nicchia settecentesca murata sulla parete esterna di un'abitazione. Purtroppo molto rovinata, la nicchia in pietra calcarea mostra ancora un timpano classico contenente uno stemma poco leggibile, era incorniciata da paraste e volute e una cornice ionica con ovoli. Contiene ancora la statuetta di una Madonnina. 

 


Un'altra veduta del borgo di Partina

Poco più avanti un ponte in legno, di costruzione recente, permette di attraversare il fiume Archiano per accedere ad un percorso naturalistico, che si sviluppa lungo il fiume e verso la collina.

 

 


Il nuovo Ponte di legno sull'Archiano

 

Continuando la strada del paese tutta pavimentata in pietra, si giunge ad una fontana, all'angolo in cui inizia la via Santa Rita.

 


Fontana di Bernardo Franceschi

Si tratta di un'opera ottocentesca realizzata in pietra serena e voluta da Bernardo Franceschi da Partina, che nel 1865 costruì un acquedotto per portare nel borgo l'acqua da una sorgente situata nella proprietà dei monaci camaldolesi. Una lapide sopra alla fontana ne ricorda l'evento.

 


La lapide sulla fontana.

 

 La strada procede in salita fino alla Chiesetta di Santa Rita, un minuscolo oratorio, al cui esterno molto sobrio fa riscontro il delizioso interno in stile rococò.

 


Chiesetta di Santa Rita. Facciata.

 

La piccola aula è coperta con volta a padiglione, decorata  con cornici a specchiature in stucco bianco su intonaco giallo e celeste. L'altare è in pietra serena, provvisto di una base con due gradini con spigoli curvi e con la mensa sostenuta da due ampie volute. Sull'altare, inquadrata da una ricca cornice a stucco bianco, è visibile una Sacra conversazione del XVIII secolo, in cui sono rappresentati la Madonna col Bambino, un angelo e alcuni santi in adorazione.

 


Interno della Chiesetta di Santa Rita

 

La chiesetta di Santa Rita sorge su una biforcazione di strade e continuando a salire sia dall'una che dall'altra direzione si può raggiungere il punto più alto, dove si trova il Castello e si può anche raggiungere un punto panoramico che si affaccia sui giardini pubblici e verso l'Appennino.

 


Terrazzo panoramico.

 


Uno scorcio dell'abitato.

 

 A. Cocchi

 

Bibliografia

AA. VV. Notiziario della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, 2, 2006. Scavi e ricerche sul territorio. Edizioni All'Insegna del Giglio S.a.S., Firenze 2007
AA. VV. Notiziario della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, 1, 2005. Scavi e ricerche sul territorio. Edizioni All'Insegna del Giglio S.a.S., Firenze 2006
A. Bottacci, F, Belli, S: Gabiccini, G. Mulinacci, E. Sassoli, E. Trujillo, S. Tosi. Badia Prataglia. Il paese del bosco. DB Grafica, Arezzo, 2008
AA.VV. Poppi, Badia Prataglia, Camaldoli, Moggiona, Lierna nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. AG La mia guida Turistica. Comune di Poppi, 2007
E. Nistri, N. Tondini. Di castello in castello. L'Aretino. Trainer International editore. I Libri del Bargello. Milano, 1991
A. Piroci Branciaroli, A. Chessa. Casentino. Terra di santi e cavalieri. Aska edizioni. Firenze 2008 Stampa: Industria Grafica Valdarnese.
M. Quercioli. Poppi. Il borgo medievale e il Castello dei Conti Guidi. Libreria dello Stato Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma 2004. S. Frigerio. Camaldoli. Edizioni Camaldoli- Pazzini Editore, Verucchio 2005.
AA.VV. Toscana. Touring Club Italiano, Milano 2005.
A. Fatucchi. La pieve antica di Partina e il suo vasto territorio, in: AA.VV. Profilo storico di Partina. Stia 1993.
A. Scarini. Pievi romaniche in Casentino. Grafiche Calosci Cortona 1999.
AA.VV. Profilo di una valle attraverso l'archeologia. Il Casentino dalla Preistoria al Medioevo. A cura del Gruppo Archeologico Casentinese. Arti Grafiche Cianferonio. Stia (AR) 1999.
G. Nocentini. Storia e turismo in Casentino: La guida. Edizioni Helicon, Arezzo 1998
M. Ducci (a cura di) Santuari Etruschi in casentino. Comunità Montana del Casentino. 2004 Ponte a Poppi.
S. Borchi (a cura di) Atti della giornata di studi su Gli scavi e le indagini ambientali nel sito archeologico del Lago degli Idoli.  Comunità Montana del Casentino. Arte Grafiche Cianferoni, Stia 2006.
A. Scarini. I Della Robbia i Casentino. Grafiche Calosci. Cortona 2005.
D. Parenti, S. ragazzini (acura di) Jacopo del Casentino e la pittura a Pratovecchio nel secolo i Giotto. Maschietto Editore. Tipografia Bandecchi e Vivaldi, Pontedera 2014.
AA.VV.Il Seicento in Casentino. Pagliai Polistampa, Firenze 2001
AA. VV. Notiziario della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, 2, 2006. Scavi e ricerche sul territorio. Edizioni All'Insegna del Giglio S.a.S., Firenze 2007

 

 

Approfondimenti:arte, Guidi, pieve, museo, castello, archeologia, Mausolea, villa, Alessandra Cocchi, .

Per saperne di più sulla città di: Partina

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Partina. Veduta dell'antico borgo. Foto di A. Cocchi





 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK