Pesci, Crostacei e Molluschi dell'Adriatico


Acciuga Aguglia Anguilla Astice Boga Calamaro Canestrello Cannello Canocchia Cappasanta Cefalo Cozza Garagolo Gattuccio Grancevola Granchio di sabbia Lanzardo Latterino Lumachina di mare Mazzancolla Mazzola Merlano Mormora Nasello Orata Ostrica Paganello Palombo Papalina Passera di mare Pesce San Pietro Rana pescatrice Razza Rombo Sarago Sardina Scampo Scorfano Seppia Sgombro Sogliola Spigola Suro Tonno Triglia di fango Vongola comune


torna indietro: La rubrica degli animali

Razza

Colpo d'occhio  >  La rubrica degli animali

 

Ugo Bertotti. Razza. 1992. Illustrazione jpg
tratta da disegno ad acquarello e matite colorate.
 
  »»»»»»»»»•««««««««««

 

Razza è il nome di numerose specie di Pesci della classe Selaci, appartenenti alla famiglia Raidi e all'ordine Raiformi.

Caratteristiche

Le Razze delle diverse specie hanno morfologia molto simile, poichè sono accomunati dall'enorme sviluppo delle pinne pettorali che formano un insieme unico con il tronco e con la testa. Il corpo è appiattito come una sorta di disco di forma romboidale e rotondeggiante, dietro al quale si innesta una coda flessibilissima, lunga e sottile.
Gli occhi, sporgenti e molto mobili, si trovano verso la parte anteriore e dorsale della testa, dietro di essi si possono vedere gli spiracoli, ampi fori con funzione respiratoria. Vivendo a contatto con il fondo questi pesci per aspirare l'acqua si servono di questi organi, poichè se utilizzassero la bocca potrebbero introdurre nell'organismo anche la sabbia.
La bocca della Razza è situata nella parte ventrale ed ha una forma buffa, che sembra piegata in un "sorriso". E' corredata da diverse file di denti disposti come le tessere di un mosaico. Sotto alla bocca sono visibili anche le fessure branchiali.
Ai lati della coda le Razze possiedono organi elettrici con un'azione paralizzante, che è modesta nelle specie più piccola e più accentuata in quelle di grandi dimensioni.

Abitudini e comportamento

Quasi tutte le specie di Razza sono marine e vivono presso le coste, sui fondali fangosi o sabbiosi, in ogni modo incoerenti, nei quali amano affondarsi più o meno in profondità.
Il loro corpo piatto e largo e la pigmentazione della pelle dorsale permette loro di mimetizzarsi e nascondersi con facilità anche su uno strato relativamente esiguo di sabbia o di fango. Le Razze si nutrono di pesci, crostacei echinodermi e molluschi. Hanno sessi distinti e le femmine depongono le loro uova sui fondali marini.

Ogni tanto le Razze si spostano dal loro nascondiglio, sia per cambiare sede, sia per catturare nuove prede e nell'uscire fuori dal loro giaciglio sotto la sabbia, i loro movimenti sollevano una nuvola di polvere.
Un altro particolare comportamento delle Razze è l'abitudine di frugare con il muso nella sabbia alla ricerca di cibo, utilizzando appunto la punta della loro testa, detta rostro, come una paletta.
Nelle Razze le pinne pettorali sono molto sviluppate e sembrano più ali che vere pinne, hanno il bordo molto sottile e flesibile. Nel nuoto vengono agitate muovendosi dall'alto in basso facendo sembrare l'animale una sorta di tappeto volante.

Per quanto riguarda gli strumenti di difesa, nei Raiformi vi è un robusto aculeo centrale, detto il "ferro", per la sua somiglianza con un arpione, che alcune Razze possiedono su un lungo peduncolo caudale. Con un fulmineo colpo di coda possono colpire eventuali aggressori. Altre Razze che hanno un peduncolo caudale breve possono sviluppare una difesa passiva ma comunque efficace, perchè la ferita può essere inferta sia per involontario calpestamento di un grosso animale sia ad un predatore che giunge dall'alto.

Le diverse specie

Tra le differenze che contraddistinguono le specie dei Raiformi vanno segnalate le dimensioni che variano tra i sessanta centimetri delle Razze più piccole ai due metri delle grandi Mante. Altro carattere distintivo è rappresentato dalla pelle, che può essere liscia, ruvida o spinosa. I colori sono anch'essi variabili, vanno dal bruno al nero anche maculato per il dorso e dal bianco- giallognolo, al grigio, al bruno per il ventre.

Razza stellata

Una specie molto comune nel Mediterraneo, che si può trovare anche nell'Atlantico orientale e in altri mari a clima temperato o freddo è la Razza stellata, denominata Raja asterias. La Razza stellata è anche la specie più diffusa tra tutti i Pesci affini tra i Selaci Raiformi.
Vive a profondità di circa duecento metri, ma in alcune zone, come ad esempio nel Mare Ionio, può tovarsi fino a quattrocento metri di profondità.

Si tratta di un pesce che può raggiungere sessanta o settanta centimetri di lunghezza, dai colori tendenti al bianco nel lato ventrale e giallo-verdastro sul dorso, con piccole macchie brune sparse. Sul corpo dalla caratteristica forma appiattita e romboidale, ha un piccolo musetto a punta detto rostro e una coda lunga e sottile.
Il dorso è caratterizzato da pelle ruvida, soprattutto in corrispondenza della coda e della parte centrale del dorso. E' inoltre dotata di spine, poste lungo la colonna vertebrale, sulla testa, sui bordi del disco e a volte anche lungo la coda.
La dentatura, sempre disposta a mosaico come negli altri Raiformi, è diversa nei diue sessi. I maschi hanno denti conici e appuntiti, rivolti verso l'interno e le femmine hanno denti dal profilo più arrotondato.
Nel suo comportamento abituale, la Razza stellata può dare la sensazione di estrema pigrizia. L'ingannevole sensazione deriva dall'abitutine di questi Pesci di rimanere immobili, mascherati sul fondo dai loro colori mimetici, semi-sommersi dalla sabbia a volte per lungo tempo.
Anche il loro stile di nuoto, normalmente lento e ondulante, raramente diventa veloce ed in tal caso lo è per brevi tratti. Cpompiuto un corto tragitto infatti, l'animale torna nuovamente ad insabbiarsi ricordando la svogliata reazione di un pigro che cerchi soltanto di sottrarsi a fastidi ed a qualsiasi attività da lui ritenuta superflua.
La Razza stellata depone sul fondale marino uova protette da un solido guscio corneo.

Razza chiodata

Un'altra specie molto nota, diffusa nel Mediterraneo e ell'atlantico orientale è la Razza chiodata, indicata con la denominazione scientifica Raja clavata, lunga fino ad un metro, che deriva il suo nome dalle placche diffuse sul dorso, dotate di spine ricurve. Anche il lato ventrale del corpo di questo pesce è pieno di asperità, nelle femmine della Razza chiodata sono presenti anche scudetti spinosi.
La Razza chiodata vive prevalentemente insabbiata e nascosta sul fondo. Se viene disturbata parte con un guizzo improvviso e battendo rapidamente le "ali" si allontana mantenendosi sempre vicina alla sabbia.

 

Razza dalla coda a frusta

Una specie particolare è la Razza dalla coda a frusta, della famiglia Dasiatidi, che possiede uno scheletro cartilagineo.

Razza maculata

La Razza maculata denominata Raja montagul, è simile alla Razza stellata e vive a basse profondità sui fondali nell'area del Mediterraneo, dell'Atlantico orientale e del Mar nero.

Tra i Raiformi le specie più grandi appartengono al genere Manta, che possono raggiungere fino a sei metri di apertura d'ali.


le Razze nell'Adriatico vengono pescate tutto l'anno, ma soprattutto d'inverno, con reti a strascico.

Asaki San

  »»»»»»»»»•««««««««««

L'illustrazione in alto può essere scaricata gratuitamente e stampata.  L'immagine è in formato jpeg, se stampata può essere contenuta nelle dimensioni di un foglio A4 con la definizione di 72 dpi.
Se vuoi copiare questa immagine jpeg in un testo word, clicca col tasto destro del mouse sull'immagine, scegli "copia", entra con il cursore nel testo, clicca con il destro, scegli "incolla", e vedrai l'immagine inserita.

Se vuoi riutilizzarla in seguito puoi salvare l'immagine sul tuo computer. Basta cliccare con il tasto destro, scegliere "salva immagine col nome...", 
assegnare un nome e l'immagine è pronta.

Per stamparla direttamente, puoi cliccare sull'immagine col tasto destro e scegliere "stampa immagine".

Ricordati che questa immagine è coperta da copyright, pertanto la scritta del copyright non può essere eliminata o cancellata. Puoi utilizzare l'immagine per uso personale. Non puoi modificare, tagliare o utilizzare questa immagine per scopo di lucro. 
Se pubblichi l'immagine su web o altro cita l'autore e questo sito. Rispetta i diritti d'autore.

  »»»»»»»»»•««««««««««

 

Bibliografia

O. Cattani. Pesci. in : AA.VV. Adriatico. Le stagioni del nostro mare. Amministrazione Provinciale diForlì-Cesena. Edizione Stampa MDM Forlì 1992
Enciclopedia Universo. Istituto Geografico De Agostini Novara, 1971
AA.VV. Nel meraviglioso regno degli animali. Armando Curcio Editore, Roma 1972

 

Approfondimenti:razza, pesci, animali, mare, Adriatico, Asaki San, .

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK