I prodotti ittici della Romagna adriatica


Acquadela (latterino) Anciòn (acciuga) Anguèla (anguilla) Barbùn (triglia di fango) Bdòc (mitilo) Bìsìgul (aguglia) Branzèn (spigola) Calamèri (calamaro) Can zantìl (palombo) Canèl (cannello) Canestrèl (canestrello) Canocia (canocchia) Capa sénta (pettine di mare) Gàmbar (mazzancolla) Garagù (garagolo) Gat (gattuccio) Grènz (granchio di sabbia) Luchèrd (lanzardo) Lumaghini (lumachina di mare) Mazòla (capone) Meia (cefalo) Merlòz (nasello) Mulèt (merlano) Paganèl (ghiozzo) Puràza (Vongola comune) Rigadèn (mormora) Romb e Suès (rombo e soaso) Rosp (rana pescatrice) San Pir (pesce San Pietro) Saraghina (papalina) Sardela (sardina) Scàmpul (scampo) Scarpèna (scorfano) Scudèn (sarago) Sepa (seppia) Sfoia (sogliola) Sgòmbar (sgombro) Sùar (suro) Ton (tonno) Urèda (orata)


torna indietro: La Romagna Adriatica

Anciòn (acciuga)

Turismo d'arte  >  La Romagna Adriatica

In italiano è chiamata anche alice, nel dialetto romagnolo l'acciuga è chiamata con diversi nomi a seconda delle dimensioni.
L'acciuga più grande è chiamata anciòn, la più piccola sardòn oppure bagìg.

Per pescare l'acciuga si usavano le reti verticali (dette manate) e le reti a strascico. Oggi vengono usate le reti volanti e le reti a circuizione.

La pesca tradizionale dell'acciuga un tempo veniva fatta d'estate, ma con i mezzi moderni è stato possibile pescare l'acciuga anche d'inverno.
Un detto veritiero della marineria locale diceva che d'inverno l'Amciòn "fa la palla", cioè forma branchi numerosissimi che permettevano di realizzare grandi retate. Oggi le Acciughe sono molte di meno e i banchi hanno densità molto minori rispetto ad un tempo, per questo la pesca é regolata da decreti ministeriali.

Per le carni gustose, piccanti e molto apprezzate, l'acciuga è un prodotto ittico di larghissimo consumo e di grande valore commerciale, sia per la cucina che per l'industria conserviera. Consumata fresca può essere protagonista di numerosi piatti, ma può essere salata, sott'olio o trasformata in pasta d'acciuga e utilizzata anche per insaporire altri piatti. Come molti pesci azzurri, le laici vanno cucinate o preparate per essere conservate, molto presto, in modo da mantenere inalterate le proprietà nutritive.
Come metodo casalingo di conservazione si può fare l'acciuga sotto sale o marinata.

Tra le ricette si può consigliare le Bavette al sugo di alici fresche

Molto positivi sono i valori nutrizionali dell'acciuga, contiene grassi insaturi simili a quelli vegetali, acidi grassi come gli Omega 3 che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo, proteine (15,3 g/100g) e carboidrati (1,5 g/100g). Tra le vitamine l'alice contiene la vitamina A la B1 e la B2 e tra i sali minerali si riscontrano il potassio, il fosforo,  il calcio e il ferro.

Asaki San


 

Bibliografia e sitografia

P. G. Pasini Andar per Musei. Guida all'usa die musei della Romagna meridionale. (a cura di Italia Nostra) Romagna arte e storia Quaderni
AA.VV. Adriatico. Le stagioni del nostro mare. A cura dell'Amministrazione Provinciale di Forlì-Cesena. Stampa MDM, Forlì 1992
S. Di Corato. Cucina e ospitalità. in: La Pianura e i lidi romagnoli. Guide D'Italia. Fabbri Editori, Milano 1982
AA.VV. voce: Acciuga. in: Eciclopedia Universo. Istituto Geografico De Agostini - Novara, 1971
AA.VV. Il libro del pesce. La tradizione della cucina marinara. Demetra- Giunti editore S.p.A.  Firenze-Milano 2003

 

 

Approfondimenti:acciuga, pesci, animali, cibo, alimentazione, cucina, mare, pesca, .

Per saperne di più sulla città di: Romagna

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Ugo Bertotti. Acciuga. 1992. illustrazione jpg tratta da disegno ad acquarello e matite colorate.



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK