I prodotti ittici della Romagna adriatica


Acquadela (latterino) Anciòn (acciuga) Anguèla (anguilla) Barbùn (triglia di fango) Bdòc (mitilo) Bìsìgul (aguglia) Branzèn (spigola) Calamèri (calamaro) Can zantìl (palombo) Canèl (cannello) Canestrèl (canestrello) Canocia (canocchia) Capa sénta (pettine di mare) Gàmbar (mazzancolla) Garagù (garagolo) Gat (gattuccio) Grènz (granchio di sabbia) Luchèrd (lanzardo) Lumaghini (lumachina di mare) Mazòla (capone) Meia (cefalo) Merlòz (nasello) Mulèt (merlano) Paganèl (ghiozzo) Puràza (Vongola comune) Rigadèn (mormora) Romb e Suès (rombo e soaso) Rosp (rana pescatrice) San Pir (pesce San Pietro) Saraghina (papalina) Sardela (sardina) Scàmpul (scampo) Scarpèna (scorfano) Scudèn (sarago) Sepa (seppia) Sfoia (sogliola) Sgòmbar (sgombro) Sùar (suro) Ton (tonno) Urèda (orata)


torna indietro: La Romagna Adriatica

Bìsìgul (aguglia)

Turismo d'arte  >  La Romagna Adriatica

Bìsìgul è il nome dialettale romagnolo dell'aguglia, un pesce molto presente nel mare Adriatico. La pesca del bìsìgul avviene con le reti a strascico e
volanti. Non è molto frequente incontrarlo nelle ricette locali, soprattutto perchè la lisca di colore verde o azzurro non è sempre gradita. Però le sue
carni sono pregiate, consumate soprattutto fritte e viene considerato per le sue ottime qualità nutrizionali, poichè è ricca di proteine e povero di grassi e basso contenuto di calorie. 

 

Approfondimenti:aguglia, pesci, animali, cibo, alimentazione, cucina, mare, pesca.

Per saperne di più sulla città di: Romagna

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Ugo Bertotti. Aguglia. 1992. illustrazione jpg tratta da disegno ad acquarello e matite colorate.



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK