I prodotti ittici della Romagna adriatica


Acquadela (latterino) Anciòn (acciuga) Anguèla (anguilla) Barbùn (triglia di fango) Bdòc (mitilo) Bìsìgul (aguglia) Branzèn (spigola) Calamèri (calamaro) Can zantìl (palombo) Canèl (cannello) Canestrèl (canestrello) Canocia (canocchia) Capa sénta (pettine di mare) Gàmbar (mazzancolla) Garagù (garagolo) Gat (gattuccio) Grènz (granchio di sabbia) Luchèrd (lanzardo) Lumaghini (lumachina di mare) Mazòla (capone) Meia (cefalo) Merlòz (nasello) Mulèt (merlano) Paganèl (ghiozzo) Puràza (Vongola comune) Rigadèn (mormora) Romb e Suès (rombo e soaso) Rosp (rana pescatrice) San Pir (pesce San Pietro) Saraghina (papalina) Sardela (sardina) Scàmpul (scampo) Scarpèna (scorfano) Scudèn (sarago) Sepa (seppia) Sfoia (sogliola) Sgòmbar (sgombro) Sùar (suro) Ton (tonno) Urèda (orata)


torna indietro: La Romagna Adriatica

Anguèla (anguilla)

Turismo d'arte  >  La Romagna Adriatica

Anguèla o Buratèl sono i nomi dialettali con cui viene denominata l'Anguilla in Romagna. Questo pesce, rinomato per le carni molto pregiate, viene pescato per tutto l'anno, ma soprattutto nei mesi tra ottobre e gennaio. In mare, il sistema più abitutuale della pesca dell'anguèla è quello con le reti a strascico, ma sembra che sia possibile anche pescarla con le reti piccole e volanti sottocosta.

Anche se non sappiamo molto sulla vita delle anguille, sembra  però che per quelle europee la riproduzione avviene nel Mar dei Sargassi, nell'Oceano Atlantico. Sappiamo che in autunno le anguille cambiano livrea e migrano verso le zone riproduttive. Poi le larve compiono il viaggio inverso che dura due anni. Quando gli esemplari giovani raggiungono i fiumi per risalirli hanno ormai acquisito le proporzioni adulte e la tipica forma serpentinata. In questa fase vengono dette "cieche". Le anguille femmina che non depongono le uova, dette "capitoni" sono ricercate per le carni particolarmente pregiate.

Secondo la locale tradizione marinara d'inverno venivano pescate le Anguèle. A gennaio questi pesci venivanio  pescati e messi ad ingrassare per il Natale. Erano tenuti nei "cogolli", apposite ceste senza uscita in attesa di essere messi sul mercato con i prezzi migliori nei giorni delle feste natalizie. Oggi questa pratica è in disuso per via della fornitura delle anguille da allevamento.

L'anguilla viene consumata fresca, marinata e affumicata e in Romagna è importante anche l'allevamento nelle lagune e nelle valli. Il ripopolamento viene attuato mediante la cattura delle "cieche", durante la rimonta.

 

Clicca qui per approfondire questo argomento.

Asaki San


 

Bibliografia e sitografia

P. G. Pasini Andar per Musei. Guida all'usa die musei della Romagna meridionale. (a cura di Italia Nostra) Romagna arte e storia Quaderni
AA.VV. Adriatico. Le stagioni del nostro mare. A cura dell'Amministrazione Provinciale di Forlì-Cesena. Stampa MDM, Forlì 1992
S. Di Corato. Cucina e ospitalità. in: La Pianura e i lidi romagnoli. Guide D'Italia. Fabbri Editori, Milano 1982
AA.VV. voce: Acciuga. in: Eciclopedia Universo. Istituto Geografico De Agostini - Novara, 1971
AA.VV. Il libro del pesce. La tradizione della cucina marinara. Demetra- Giunti editore S.p.A.  Firenze-Milano 2003

 

Approfondimenti:anguilla, pesci, animali, cibo, alimentazione, cucina, acqua, mare, pesca, .

Per saperne di più sulla città di: Romagna

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Ugo Bertotti. Anguilla. 1992. illustrazione jpg tratta da disegno ad acquarello e matite colorate.



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK