I prodotti ittici della Romagna adriatica


Acquadela (latterino) Anciòn (acciuga) Anguèla (anguilla) Barbùn (triglia di fango) Bdòc (mitilo) Bìsìgul (aguglia) Branzèn (spigola) Calamèri (calamaro) Can zantìl (palombo) Canèl (cannello) Canestrèl (canestrello) Canocia (canocchia) Capa sénta (pettine di mare) Gàmbar (mazzancolla) Garagù (garagolo) Gat (gattuccio) Grènz (granchio di sabbia) Luchèrd (lanzardo) Lumaghini (lumachina di mare) Mazòla (capone) Meia (cefalo) Merlòz (nasello) Mulèt (merlano) Paganèl (ghiozzo) Puràza (Vongola comune) Rigadèn (mormora) Romb e Suès (rombo e soaso) Rosp (rana pescatrice) San Pir (pesce San Pietro) Saraghina (papalina) Sardela (sardina) Scàmpul (scampo) Scarpèna (scorfano) Scudèn (sarago) Sepa (seppia) Sfoia (sogliola) Sgòmbar (sgombro) Sùar (suro) Ton (tonno) Urèda (orata)


torna indietro: La Romagna Adriatica

Meia (cefalo)

Turismo d'arte  >  La Romagna Adriatica

Con il nome dialettale Meia o Mecia, in Romagna viene indicato il Cefalo, noto anche come Muggine, un pesce dal corpo robusto e grandi squame, che può raggiungere i 120 centimentri di lunghezza e un peso di otto chilogrammi. Il Cefalo è un pesce gregario in branchi che nuotano vicino alle coste presso gli sbocchi dei fiumi, sia su fondali sabbiosi che su fondali fangosi. E' presente nel Mare Adritatico in diverse specie e viene pescato tutto l'anno, ma i mesi preferiti sono quelli dell'autunno e della primavera. La pesca del Cefalo avviene con reti volanti, a strascico e da posta, ma si può catturare anche con la lenza o nella pesca subacquea.
Le carni pregiate di questo pesce ne fanno una specie di pesce molto ricercata nel commercio e il cefalo è anche oggetto di acquacoltura. Con le uova di Cefalo si prepara una specie di caviale chiamato bottarga.
Tra i Cefali che vengono pescati sulle coste romagnole quello che viene ritenuto più pregiato è quello che i pescatori chiamano il "lutrigant", apprezzato per il sapore e le carni bianche.

Tra le diverse specie di Cefalo, o Muggine, quella più apprezzata è il Mugil cephalus, ma è molto gradita anche la specie del Cefalo Bosega,  indicato con la deniminazione scientifica Mugil Chelo. Il Cefalo Bosega è più piccolo del Muggine e misura tra i 30 e i 60 centimetri, con carne saporita e soda che può essere consumato sia fresco sia conservato.
Un altro tipo di Cefalo dalle carni buone ma meno pregiate degli altri è il Cefalo calamita (Mugil capito), delle dimensioni di 30-50 centimetri.
Il Cefalo Verzeleta, dal nome scientifico Mugil saliens, può raggiungere fino a 40 centimentri di lunghezza e le sue carni sono di pregio modesto.
Discretamente pregiate, consumate sia fresche che conservate, sono invece le carni del Cefalo dorato, dalla denominazione scientifica Mugil auratus. E' un pesce che può raggiungere i 45 centimetri di lunghezza e si riconosce perchè presenta una macchia dorata sull'opercolo.

Asaki San


 

Bibliografia

P. G. Pasini Andar per Musei. Guida all'uso dei musei della Romagna meridionale. (a cura di Italia Nostra) Romagna arte e storia Quaderni
AA.VV. Adriatico. Le stagioni del nostro mare. A cura dell'Amministrazione Provinciale di Forlì-Cesena. Stampa MDM, Forlì 1992
S. Di Corato. Cucina e ospitalità. in: La Pianura e i lidi romagnoli. Guide D'Italia. Fabbri Editori, Milano 1982
AA.VV. voce: Acciuga. in: Eciclopedia Universo. Istituto Geografico De Agostini - Novara, 1971
AA.VV. Il libro del pesce. La tradizione della cucina marinara. Demetra- Giunti editore S.p.A.  Firenze-Milano 2003

 

 

Approfondimenti:Meia, Cefalo, pesci, animali, turismo, Asaki San.

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Ugo Bertotti. Cefalo. 1992. Illustrazione jpg
tratta da disegno ad acquarello e matite colorate.





 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK