I prodotti ittici della Romagna adriatica


Acquadela (latterino) Anciòn (acciuga) Anguèla (anguilla) Barbùn (triglia di fango) Bdòc (mitilo) Bìsìgul (aguglia) Branzèn (spigola) Calamèri (calamaro) Can zantìl (palombo) Canèl (cannello) Canestrèl (canestrello) Canocia (canocchia) Capa sénta (pettine di mare) Gàmbar (mazzancolla) Garagù (garagolo) Gat (gattuccio) Grènz (granchio di sabbia) Luchèrd (lanzardo) Lumaghini (lumachina di mare) Mazòla (capone) Meia (cefalo) Merlòz (nasello) Mulèt (merlano) Paganèl (ghiozzo) Puràza (Vongola comune) Rigadèn (mormora) Romb e Suès (rombo e soaso) Rosp (rana pescatrice) San Pir (pesce San Pietro) Saraghina (papalina) Sardela (sardina) Scàmpul (scampo) Scarpèna (scorfano) Scudèn (sarago) Sepa (seppia) Sfoia (sogliola) Sgòmbar (sgombro) Sùar (suro) Ton (tonno) Urèda (orata)


torna indietro: La Romagna Adriatica

Saraghina (papalina)

Turismo d'arte  >  La Romagna Adriatica

La Saraghina in dialetto romagnolo indica la Papalina o Spratto uno dei pesci azzurri più apprezzati in cucina. Anche se è considerato un pesce meno pregiato della Sardela è comunque ricercato sia per il gusto saporito delle sue carni sia per le ricche proprietà nutrizionali. I pescatori di Cesenatico raccontano che le Saraghine migravano sottocosta nel periodo a cavallo della festa dei Santi (quindici giorni prima e quindici giorni dopo). Questo era il momento giusto per pescarle e conservarle con la salagione. Un tempo l'autunno era la stagione di grandi pescate di Saraghine, tanto che tra i pescatori di Cesenatico correva il detto "la Saraghina e la burrasca dei Morti", perchè le giornate di pesca si alternavano alle prime burrasche della stagione. Dopo le retate le Saraghine venivano salate e messe nei barili per la conservazione. Ora questa tradizione non esiste più poichè le Saraghine sono divenute scarse e si pescano solo al largo. Probabilmente questi pesci hanno subito un eccessivo sforzo di pesca.

Clicca qui per approfondire questo argomento

Asaki San


 

Bibliografia e sitografia

P. G. Pasini Andar per Musei. Guida all'usa die musei della Romagna meridionale. (a cura di Italia Nostra) Romagna arte e storia Quaderni
AA.VV. Adriatico. Le stagioni del nostro mare. A cura dell'Amministrazione Provinciale di Forlì-Cesena. Stampa MDM, Forlì 1992
S. Di Corato. Cucina e ospitalità. in: La Pianura e i lidi romagnoli. Guide D'Italia. Fabbri Editori, Milano 1982
AA.VV. voce: Acciuga. in: Eciclopedia Universo. Istituto Geografico De Agostini - Novara, 1971
AA.VV. Il libro del pesce. La tradizione della cucina marinara. Demetra- Giunti editore S.p.A.  Firenze-Milano 2003

 

Approfondimenti:saraghina, papalina, pesci, animali, mare, Adriatico, Asaki San, turismo, .

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Ugo Bertotti. Papalina. 1992. Illustrazione jpg
tratta da disegno ad acquarello e matite colorate.





 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK