I prodotti ittici della Romagna adriatica


Acquadela (latterino) Anciòn (acciuga) Anguèla (anguilla) Barbùn (triglia di fango) Bdòc (mitilo) Bìsìgul (aguglia) Branzèn (spigola) Calamèri (calamaro) Can zantìl (palombo) Canèl (cannello) Canestrèl (canestrello) Canocia (canocchia) Capa sénta (pettine di mare) Gàmbar (mazzancolla) Garagù (garagolo) Gat (gattuccio) Grènz (granchio di sabbia) Luchèrd (lanzardo) Lumaghini (lumachina di mare) Mazòla (capone) Meia (cefalo) Merlòz (nasello) Mulèt (merlano) Paganèl (ghiozzo) Puràza (Vongola comune) Rigadèn (mormora) Romb e Suès (rombo e soaso) Rosp (rana pescatrice) San Pir (pesce San Pietro) Saraghina (papalina) Sardela (sardina) Scàmpul (scampo) Scarpèna (scorfano) Scudèn (sarago) Sepa (seppia) Sfoia (sogliola) Sgòmbar (sgombro) Sùar (suro) Ton (tonno) Urèda (orata)


torna indietro: La Romagna Adriatica

Sfoia (sogliola)

Turismo d'arte  >  La Romagna Adriatica

Nel dialetto romagnolo la Sfoia indica la Sogliola, un pesce molto pregiato, ricercato per il delicato sapore delle sue carni.
La Sfoia è un pesce che vive nei fondali,  rimanendo spesso ferma, appoggiata con un lato sul fondo marino durante il giorno e muovendosi in cerca di cibo nelle ore notturne.

Esistono numerose specie di Sogliole e anche nell'Adriatico vivono specie diverse: 

Tra queste c'è la Sogliola gialla, classificata come  Buglossidium luteum, chiamata Zanchetto nel dialetto locale, che si distingue dalla Sfoia perchè è piccolina ed ha le  pinne “sfrangiate e scapigliate”.


Per saperne di più sulle caratteristiche e abitudini di questo animale si rinvia all'articolo monografico sulla Sogliola.

La Sogliola è un alimento di grande valore nutrizionale, per la sua digeribilità è particolarmente adatto anche ai bambini in tenera età. Le sue carni magre e bianche sono ricche di vitamine del gruppo A e del gruppo B oltre a sali minerali importanti come il sodio, il potassio il selenio e il fosforo.

Per visionare la tabella completa dei valori nutrizionali della Sogliola clicca qui.

La Sogliola può essere commercializzata fresca, congelata o surgelata, intera, eviscerata od in filetti. Questa specie è richiestissima nel mercato: è uno dei dieci Pesci più venduti in Italia e quindi la pesca avviene in modo sistematico.

La pesca della Sfoia viene praticata come attività professionale, soptrattutto mediante reti a strascico, ramponi e rapidi, talvolta vengono utilizzate anche attrezzature fisse come i tramagli.

Qui sotto proponiamo un video riassuntivo della pesca delle Sogliole con lo strascico rapido comunemente chiamato rampone.

 

 

 

 

La Sfoia può essere anche allevata e secondo recenti sperimentazioni è possibile selezionarne la specie. Per approfondire questo argomento, si rinvia alla interessante ricerca condotta nel 2012 da Luca Parma.

 


Asaki San


 

Bibliografia e sitografia

P. G. Pasini Andar per Musei. Guida all'uso dei musei della Romagna meridionale. (a cura di Italia Nostra) Romagna arte e storia Quaderni
AA.VV. Adriatico. Le stagioni del nostro mare. A cura dell'Amministrazione Provinciale di Forlì-Cesena. Stampa MDM, Forlì 1992
S. Di Corato. Cucina e ospitalità. in: La Pianura e i lidi romagnoli. Guide D'Italia. Fabbri Editori, Milano 1982
AA.VV. voce: Acciuga. in: Eciclopedia Universo. Istituto Geografico De Agostini - Novara, 1971
AA.VV. Il libro del pesce. La tradizione della cucina marinara. Demetra- Giunti editore S.p.A.  Firenze-Milano 2003

 

Approfondimenti:sfoia, sogliola, pesce, mare, Adriatico, Asaki San, .

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Ugo Bertotti. Sogliola. 1992. Illustrazione jpg tratta da disegno ad acquarello e matite colorate.





 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK