La sezione galleggiante



torna indietro: Museo della Marineria

La sezione galleggiante

Musei e spazi espositivi a Cesenatico  >  Museo della Marineria

La Sezione galleggiante del Museo della Marineria di Cesenatico, con le sue antiche imbarcazioni e le vele colorate è diventata l'immagine simbolo della città. E' infatti lo spettacolo delle bellissime vele e dei colori vivaci riflessi nell'acqua del molo ad accogliere ogni visitatore.
La sezione galleggiante si sviluppa all'esterno del Museo della Marineria, lungo lo storico porto leonardesco, dove sono ormeggiate dieci  antiche imbarcazioni risalenti ad un periodo compreso tra la fine dell'Ottocento e la prima metà del '900,  perfettamente conservate. Gli esemplari esposti rappresentano i tipi più diffusi dei natanti a vela attivi per la pesca e per il trasporto nell'Alto Adriatico tra Otto e Novecento. Ognuna delle barche, da pesca e da diporto, appartiene ad una diversa tipologia e possiede caratteristiche e attrezzature diverse.
Sono due trabaccoli da pesca, tipicamente romagnoli, chiamati anche barchetti; tre bragozzi e un topo, molto usati nell'area intorno a Venezia, una lancia, una paranza, più frequente lungo le coste marchigiane, una battana e un trabaccolo da trasporto.
Oltre il ponte sono ormeggiate altre due barche che vengono mantenute funzionali alla nagvigazione, per partecipare durante l'estate a raduni o regate dimostrative. Si tratta del Trabaccolo Berchét e del Bragozzo San Nicolò le due navi più grandi tra quelle ormeggiate nel molo.

Le vele delle navi colpiscono per i loro colori vivaci e sono uno dei soggetti  preferiti per i fotografi che transitano a Cesenatico. I colori sono realizzati con pigmenti tratti da terre naturali e presentano simboli e disegni che fanno parte di un particolare codice araldico marinaresco. Altrettanto simbolici sono le decorazioni delle prue e degli scafi, le cui immagini rinviano ad una suggestiva tradizione popolare e magico-religiosa.
Sia per garantire il corretto mantenimento delle imbarcazioni che per motivi di sicurezza le vele vengono continuamente issate ammainate da personale addetto anche in base alle condizioni meteorologiche.

A. Cocchi.

 


Bibliografia e sitografia

F. Santucci, Cesenatico, da porto di Cesena a Comune Edizioni Il ponte vecchio, Cesena, 1995
D. Gnola, Storia di Cesenatico Edizioni Il ponte vecchio, Cesena, 2001
D. Gnola, Cesenatico nella storia Edizioni Il ponte vecchio Cesena, 2008
M. Marini Calvani (a cura di), Schede di Archeologia dell'Emilia-Romagna, Bologna 1995
B. Farfaneti, Cesenatico romana. Archeologia e territorio, Ravenna 2000
P. G. Pasini. Andar per Musei. Guida all'usa die musei della Romagna meridionale. (a cura di Italia Nostra) Romagna arte e storia Quaderni
AA. VV. Guida ai musei della Provincia di Forlì-Cesena. Edizioni Prima Pagina, Cesena, 1999
M. Todeschini (a cura di) Atlante Romagnolo. Dizionario alfabetico dei 76 comuni. Poligrafici editoriale S.P.A. Bologna 1992
AA.VV. Adriatico. Le stagioni del nostro mare. A cura dell'Amministrazione Provinciale di Forlì-Cesena. Stampa MDM, Forlì 1992

 

Approfondimenti:Alessandra Cocchi, museo, civiltà della marineria, barca, pesca, .

Per saperne di più sulla città di: Cesenatico

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK