Animali del Triassico


Anchisauro Arcosauri Askeptosauro Ceraitites Cheirotherium Cinognato Clevosaurus Coelophisis Eudimorfodonte Euparkeria Fabrosaurus Gerrontorace Heterodontosaurus I rettili marini del Triassico Kuehneosaurus Limulo Listrosauro Longisquama insignis Macromneus Massospondilo Mixosauro Morganucodonte Notosauro Ornitosuchus Peteinosauro Placodonti Plateosauro Podopterix mirabilis Preondattilo Prosauropodi Proterosuco Pterosauri Rincosauro Tanistropheus Tecodontosauro Ticinosuco Trilophosaurus


torna indietro: Il Mesozoico

Arcosauri

La rubrica degli Animali preistorici  >  Il Mesozoico

Tra i progenitori dei dinosauri vissuti all'inizio del Triassico, quello degli Arcosauri è uno dei gruppi che ebbero maggiore diffusione. Il loro successo dipende soprattutto dalla grande adattabilità all'ambiente e dalla capacità di sviluppare caratteristiche molto diverse nelle varie specie. Sono esistiti arcosauri carnivori come il Proterosuchus (primo arcosauro) o erbivori, come lo Stagonolepis, appartenente al sottogruppo dei Fitosauri.
Gli arcosauri che preferivono vivere nell'acqua, sia erbivori che carnivori erano protetti da una corazza ossea e avevano una coda grossa, muscolosa e appaiattita lateralmente che serviva sia per nuotare che come difesa. Gli arti, inizialmente flessi in fuori, permettevano a questi animali un movimento non troppo agile nel nuoto e strisciante sulla terraferma.
Nella loro evoluzione gli arcosauri mutarono la conformazione delle zampe posteriori. Sia per aiutarsi nel nuoto, sia per muoversi più velocemente sulla terraferma, gli arti posteriori, nelle specie che si susseguirono divennero via via più robusti e passarono dall'articolazione sviluppata in fuori alla posizione più accostata sotto al corpo. Il Protosuchus, primo coccodrillo camminava tenendo il corpo ben staccato dal terreno.
La nuova importante tappa evolutiva portò gli arcosauri a migliorare la loro andatura sul terreno appoggiandosi alle zampe posteriori e usando la coda come contrappeso. All'occorrenza questi animali che solitamente camminavano a quattro zampe, potevano sollevarsi e correre sulle due zampe posteriori, diventate più robuste e lunghe. Uno degli arcosauri più evoluti con queste caratteristiche era l'Euparkeria. Dalle conquiste degli arcosauri derivano i coccodrilli, i dinosauri bipedi e gli uccelli.
Gli unici arcosauri ancora oggi viven ti sono i coccodrilli, mentre gli uccelli sono i discendenti degli arcosauri che rappresentano uno dei gruppi di animali più numerosi e più diffusi.

Asaki San


Bibliografia:

 

L.B. Halstead, G. Caselli. Evoluzione ed ecologia dei dinosauri. Eurobook Londra, 1976; Vallardi Industrie Grafiche per l'edizione in lingua italiana, Lainate (MI) 1976

L. Cambournac, M.C. Lemayeur, B. Alunni, E. Beaumont. Dinosauri e animali scomparsi. Edizioni Laurus, Bergamo.

P. D'Agostino. Dinosauri dalla A alla Z. De Agostini editore, Novara 2010

D. Meldi, S. Boni, L. Cecchi. Dinosauri dalla A alla Z. Origine, evoluzione, estinzione. Rusconi Libri S.p.a. Santarcangelo di Romagna.


 

 

 

Approfondimenti:A. San, arcosauri, Triassico, Mesozoico, animali, evoluzione, animali preistorici, estinzione, .

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK