Animali del Triassico


Anchisauro Arcosauri Askeptosauro Ceraitites Cheirotherium Cinognato Clevosaurus Coelophisis Eudimorfodonte Euparkeria Fabrosaurus Gerrontorace Heterodontosaurus I rettili marini del Triassico Kuehneosaurus Limulo Listrosauro Longisquama insignis Macromneus Massospondilo Mixosauro Morganucodonte Notosauro Ornitosuchus Peteinosauro Placodonti Plateosauro Podopterix mirabilis Preondattilo Prosauropodi Proterosuco Pterosauri Rincosauro Tanistropheus Tecodontosauro Ticinosuco Trilophosaurus


torna indietro: Il Mesozoico

Fabrosaurus

La rubrica degli Animali preistorici  >  Il Mesozoico

Uno dei primi dinosauri Ornitischi, cioè caratterizzati dal bacino di uccello è il Fabrosaurus, comparso alla fine del Triassico e vissuto fino all'inizio del Giurassico. Si tratta di un erbivoro la cui lunghezza complessiva poteva arrivare a circa un metro.
Il nome Fabrosauro è stato assegnato dal paleontologo Leonard Ginzburg, indica: 'rettile di Fabre', in riferimento a Jean Henry Fabre, il paleontologo francese che nel 1964 lavorava presso lo scavo. I resti fossili di questo dinosauro, risalenti a circa 200 milioni di anni fa, sono stati rinvenuti in Lesotho, nelle vicinanze di Marakabei, in Sudafrica, nella stessa zona in cui sono stati ritrovati anche i resti del Lesothosaurus, un genere di dinosauro così simile al Fabrosaurus che alcuni studiosi ritengono che si tratti dello steso animale. Infatti la classificazione del Fabrosaurus e del Lesothosaurus è tutt'ora incerta.

Nel suo aspetto complessivo il Fabrosaurus somigliava anche ai Celurosauri, piccoli carnivori bipedi Saurischi che vivevano nei suoi tempi. Era dotato di zampe posteriori lunghe e snelle, sostenute da una robusta muscolatura, molto più sviluppate rispetto alle zampe anteriori.
Le tracce fossili mostrano che il Fabrosauro soleva pascolare muovendosi sulle quattro zampe, ma era capace di alzarsi su due zampe e correre via velocemente per brevi tratti. Nella corsa era facilitato anche dai suoi piedi lunghi, mentre nella mano aveva il quinto dito rivolto verso l'esterno.
Il cranio del Fabrosauro aveva le caratteristiche tipiche degli Ornitischi. Ad esempio la parte anteriore della mascella inferiore, detta osso predentario, era priva di denti. Si tratta di un osso particolare, chiamato osso predentario, proprio di questo gruppo di rettili, rivestito di un becco corneo dai borti taglienti, adatto a spezzare rametti e strappare le foglie anche con gli steli più duri.
Nei tipi successivi dell'evoluzione l'osso predentario si è sviluppato in un vero becco, simile a quello degli uccelli. Nella parte restante della mascella il Fabrosaurus aveva tanti piccoli dentidi forma triangolare e dl profilo seghettato. Erano molto taglienti, simili a coltellini che si arrotavano tra di loro ottenendo borti affilati per tagliare meglio ogni fibra vegetale.

Come tutti i piccoli dinosauri il Fabrosaurus aveva un metabolismo basso, cioè non poteva mantenere costante la temperatura del corpo. Perciò quando la temperatura del corpo si alzava troppo si riparava all'ombra, mentre quando si abbassava si esponeva al sole; è un'abitudine che usano tutt'ora alcune lucertole tropicali. Di notte il Fabrosaurus cadeva in un torpore simile al letargo ma si riscaldava in fretta al sole del mattino. Dal Fabrosaurus si evolsero molti altri dinosauri Ornitischi erbivori, sviluppando una varietà più ampia rispetto alle forme dei Saurischi. Un altro piccolo dinosauro Ornitisco che visse sempre nel Triassico fu l'Heterodontosaurus.

Asaki San

 

Approfondimenti:fabrosaurus, dinosauri, rettili, evoluzione, fossili, Asaki San, .

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK