Animali del Triassico


Anchisauro Arcosauri Askeptosauro Ceraitites Cheirotherium Cinognato Clevosaurus Coelophisis Eudimorfodonte Euparkeria Fabrosaurus Gerrontorace Heterodontosaurus I rettili marini del Triassico Kuehneosaurus Limulo Listrosauro Longisquama insignis Macromneus Massospondilo Mixosauro Morganucodonte Notosauro Ornitosuchus Peteinosauro Placodonti Plateosauro Podopterix mirabilis Preondattilo Prosauropodi Proterosuco Pterosauri Rincosauro Tanistropheus Tecodontosauro Ticinosuco Trilophosaurus


torna indietro: Il Mesozoico

Limulo

La rubrica degli Animali preistorici  >  Il Mesozoico

Il Limulo, ancora presente nei mari del continente americano, è un animale antichissimo, diffuso durante il Triassico, oltre 200 milioni di anni fa, ma i cui primi rappresentanti risalgono fino al Cambriano, come dimostrano i fossili ritrovati, spesso vicino a quelli dei Trilobiti.

Il corpo del Limulo ha una forma a ferro si cavallo con una lunga coda rigida e sottile ed è protetto da una robusta corazza a scudo, detta carapace che nella parte posteriore ha un profilo spinoso. Ha sei paia di arti che gli permettono di nuotare e di camminare sui fondali marini. Gli arti che si uniscono al corpo sotto al carapace: anteriormente tre paia sono cheliceri, cioè dotati di chele, per catturare le prede, posteriormente ci sono tre paia di zampe. Il limulo ha un ottimo apparato visivo che gli consente di vedere perfettamente anche al buio: ha ben sette occhi, due più grandi sulla corazza, gli altri più piccoli e nascosti posti lateralmente e sotto la corazza. 

Respira con le branchie, ma per breve tempo può sopravvivere anche sulla riva. In genere vive in profondità, e preferisce spostarsi sui fondali oceanici dove trova il cibo, si avvicina alla riva nel periodo della riproduzione e durante la prima fase della vita. Gli esemplari più grandi di limulo possono raggiungere i 60 centimetri di lunghezza.
Si nutre di molluschi, vermi e piccoli organismi che vivono nei fondali.

I fossili risalenti al Triassico e altri del Cretaceo e dell'Oligocene, tritrovati in Germania, dimostrano che il Limulus ha mantenuto inalterate le sue caratteristiche per milioni di anni. Alcune specie, come quelle ritrovate nei giacimenti di carbone americani, risalenti al Siluriano, si erano adattate anche a vivere nelle acque dolci. Altri resti dimostrano che il Limulus si era diffuso anche in alcu e aree dell'Eurasia settentrionale.

Asaki San

Vuoi divertirti acolorare il Limulo? Clicca sul link che vedi qui sotto ed entra nella pagina per scaricare il disegno.

 


Limulo da colorare

 


Bibliografia:

 V. De Zanche, P. Mietto. Il mondo dei fossili. Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1977

L.B. Halstead, G. Caselli. Evoluzione ed ecologia dei dinosauri. Eurobook Londra, 1976; Vallardi Industrie Grafiche per l'edizione in lingua italiana, Lainate (MI) 1976

L. Cambournac, M.C. Lemayeur, B. Alunni, E. Beaumont. Dinosauri e animali scomparsi. Edizioni Laurus, Bergamo.

P. D'Agostino. Dinosauri dalla A alla Z. De Agostini editore, Novara 2010

D. Meldi, S. Boni, L. Cecchi. Dinosauri dalla A alla Z. Origine, evoluzione, estinzione. Rusconi Libri S.p.a. Santarcangelo di Romagna.

M. La Greca, R. Tomaselli. La natura questa sconosciuta. Vol.3. Istituto Grografico De Agostini. Novara 1968

Enciclopedia Universo. Istituto Geografico De Agostini, Novara. 1971.

 

 

Approfondimenti:A. San, Limulo, Triassico, Mesozoico, Era Secondaria, animali, evoluzione, estinzione, fossili, .

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK