Animali del Triassico


Anchisauro Arcosauri Askeptosauro Ceraitites Cheirotherium Cinognato Clevosaurus Coelophisis Eudimorfodonte Euparkeria Fabrosaurus Gerrontorace Heterodontosaurus I rettili marini del Triassico Kuehneosaurus Limulo Listrosauro Longisquama insignis Macromneus Massospondilo Mixosauro Morganucodonte Notosauro Ornitosuchus Peteinosauro Placodonti Plateosauro Podopterix mirabilis Preondattilo Prosauropodi Proterosuco Pterosauri Rincosauro Tanistropheus Tecodontosauro Ticinosuco Trilophosaurus


torna indietro: Il Mesozoico

Notosauro

La rubrica degli Animali preistorici  >  Il Mesozoico

I rettili marini più diffusi negli oceani del Triassico erano i Notosauri (nome latino: Nothosaur), i cui resti fossili sono stati ritrovati in tutta
Europa.
I Notosauri sono considerati un gruppo di rettili marini con caratteristiche particolari che vivevano nelle acque poco profonde degli antichi mari europei.  Erano predatori marini, grandi divoratori di pesci, dotati di numerosi denti molto appuntiti. 
Le loro dimensioni potevano variare dai trenta centimetri ai sei metri. La forma del corpo allungata somigliava a quella di un lucertolone, ma il loro adattamento alla vita acquatica si nota dalla coda appiattita lateralmente per nuotare, dalla pinna dorsale e dalle zampe con piedi palmati.

Alcuni di essi infatti avevano le zampe con piedi palmati, altri possedevano due ampie pinne che non erano altro che la trasformazione degli arti anteriori. Altri avevano trasformato in pinne tutte e quattro le zampe. La forma idrodinamica era accentuatra anche dal lungo collo e dalla testa sottile, con il cranio allungato. I denti lunghi e affilati permettevano ai Notosauri di afferrare facilmente i pesci e impedire loro di sfuggire.
Fossili di giovani esemplari sono stati ritrovati presso alcune caverne situate sulle rive: ciò indica che questi animali potevano vivere anche sulla terraferma e che si rifugiavano nelle grotte, probabilmente per sfuggire ai predatori. Forse uscivano dall'acqua nel periodo della riproduzione, ma trascorrevano gran parte del loro tempo nel mare, a caccia di pesci.
I Notosauri si estinsero al termine del Triassico.

Asaki San

 

Se vuoi divertirti a colorare un impressionante Notosauro, clicca sul link che trovi qui sotto: entrerai nella pagina per scaricare l disegno.

 

 


Notosauro da colorare

 


Bibliografia:

 V. De Zanche, P. Mietto. Il mondo dei fossili. Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1977

L.B. Halstead, G. Caselli. Evoluzione ed ecologia dei dinosauri. Eurobook Londra, 1976; Vallardi Industrie Grafiche per l'edizione in lingua italiana, Lainate (MI) 1976

L. Cambournac, M.C. Lemayeur, B. Alunni, E. Beaumont. Dinosauri e animali scomparsi. Edizioni Laurus, Bergamo.

C.Walker, D. Ward. La Biblioteca della Natura. Fossili. Guida fotografica a oltre 500 generi fossili di tutto il mondo. Arnoldo Mondadori Editore S.P.A. Milano, 2006

M. Lambert. I fossili. Vallardi Industrie Grafiche S.P.A. Lainate (MI) 1994

P. D'Agostino. Dinosauri dalla A alla Z. De Agostini editore, Novara 2010

D. Meldi, S. Boni, L. Cecchi. Dinosauri dalla A alla Z. Origine, evoluzione, estinzione. Rusconi Libri S.p.a. Santarcangelo di Romagna.

M. La Greca, R. Tomaselli. La natura questa sconosciuta. Vol.3. Istituto Grografico De Agostini. Novara 1968

Enciclopedia Universo. Istituto Geografico De Agostini, Novara. 1971.

 

 

Approfondimenti:A. San, Notosauro, Triassico, Mesozoico, Era Secondaria, animali, evoluzione, estinzione, fossili, .

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Scheletro fossile di Ceretosaurus Calcagnii, Notosauro del Triassico. Fonte: V. De Zanche, P. Mietto. Il mondo dei fossili. Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1977





 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK