Animali del Triassico


Anchisauro Arcosauri Askeptosauro Ceraitites Cheirotherium Cinognato Clevosaurus Coelophisis Eudimorfodonte Euparkeria Fabrosaurus Gerrontorace Heterodontosaurus I rettili marini del Triassico Kuehneosaurus Limulo Listrosauro Longisquama insignis Macromneus Massospondilo Mixosauro Morganucodonte Notosauro Ornitosuchus Peteinosauro Placodonti Plateosauro Podopterix mirabilis Preondattilo Prosauropodi Proterosuco Pterosauri Rincosauro Tanistropheus Tecodontosauro Ticinosuco Trilophosaurus


torna indietro: Il Mesozoico

Placodonti

La rubrica degli Animali preistorici  >  Il Mesozoico

Nei mari del Triassico comparvero i Placodonti, rettili marini simili nell'aspetto a grosse tartarughe delle dimensioni comprese tra un metro e due metri di lunghezza.
Il nome deriva dalla loro caratteristica dentatura con denti a "placca", posti anche sul palato, che funzionavano come vere e proprie macine, adatte a schiacchiare i gusci delle conchiglie dei Molluschi di cui si cibavano.

Avevano la testa piccola rispetto al volume del corpo, collo corto, arti poderosi per camminare sui fondali, coda più o meno lunga e poco specializzati, per cui si pensa che fossero in grado di camminare anche sulla terraferma presso le coste.
Si trattava di animali con scarsa agilità e lenti nei movimenti, perchè scandagliavano i fondali per strappare le conchiglie dalle rocce servendosi di un potente becco. Anche se molti di essi erano anche predatori, questa loro abitudine però li esponeva al pericolo di altri Rettili che a loro volta li aggredivano. Per difendersi molti di loro avevano quindi sviluppato una robusta corazza protettiva che ricorda quella delle odierne Tartarughe, ma molto spessa e caratterizzata d placche e protuberanze ossee.

Esistevano diverse specie di questi animali, ma il placodonte più antico è il Paraplacodus, il cui fossile è stato ritrovato in Svizzera, nel giacimento di Monte San Giorgio. Segue la specie del Placodus, più evoluta, il Placochelis, simile ad una tartaruga, ed il Psephoderma. Altri animali come l'Henodus, avevano una corazza molto ampia che arrivava a coprire le zampe.

I Placodonti si estinsero al termine del Triassico.

Asaki San

 

Divertiti a colorare i Placodonti! Se clicchi sui link qui sotto potrai entrare nelle pagine dell'animale scelto per scaricare il disegno da colorare.

 


Placodus da colorare

 


Placochelide da colorare

 

 


Bibliografia:

 V. De Zanche, P. Mietto. Il mondo dei fossili. Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1977

L.B. Halstead, G. Caselli. Evoluzione ed ecologia dei dinosauri. Eurobook Londra, 1976; Vallardi Industrie Grafiche per l'edizione in lingua italiana, Lainate (MI) 1976

L. Cambournac, M.C. Lemayeur, B. Alunni, E. Beaumont. Dinosauri e animali scomparsi. Edizioni Laurus, Bergamo.

P. D'Agostino. Dinosauri dalla A alla Z. De Agostini editore, Novara 2010

D. Meldi, S. Boni, L. Cecchi. Dinosauri dalla A alla Z. Origine, evoluzione, estinzione. Rusconi Libri S.p.a. Santarcangelo di Romagna.

M. La Greca, R. Tomaselli. La natura questa sconosciuta. Vol.3. Istituto Grografico De Agostini. Novara 1968

Enciclopedia Universo. Istituto Geografico De Agostini, Novara. 1971.

 

Approfondimenti:A. San, Placodonti, Triassico, Mesozoico, Era Secondaria, animali, evoluzione, estinzione, fossili, .

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Scheletro fossile di Placodonte Placodus.





 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK