Animali del Triassico


Anchisauro Arcosauri Askeptosauro Ceraitites Cheirotherium Cinognato Clevosaurus Coelophisis Eudimorfodonte Euparkeria Fabrosaurus Gerrontorace Heterodontosaurus I rettili marini del Triassico Kuehneosaurus Limulo Listrosauro Longisquama insignis Macromneus Massospondilo Mixosauro Morganucodonte Notosauro Ornitosuchus Peteinosauro Placodonti Plateosauro Podopterix mirabilis Preondattilo Prosauropodi Proterosuco Pterosauri Rincosauro Tanistropheus Tecodontosauro Ticinosuco Trilophosaurus


torna indietro: Il Mesozoico

Pterosauri

La rubrica degli Animali preistorici  >  Il Mesozoico

Gli Pterosauri costituirono un importante gruppo a cui appartennero tanti animali diversi vissuti durante il Triassico che vanno dalle forme più grandi come l'Eudimorfodonte, che si nutriva anche di Pesci, allo Pteranodonte, che sfoggiva un'apertura alare di otto metri fino al gigantesco Quetzacoatl, grande come un piccolo aereo.
Uno dei ritrovamenti più famosi è stato quello avvenuto nel 1970 vicino a Osh, nel Kirghizistan sovietico, a nord dell'Himalaya. Vennero ritrovati i resti di un Longisquama insignis e di un Podopteryx mirabilis, due rettili planatori dotati di squame e membrane di pelle. Le squame di questi animali rappresentano lo stadio precedente allo sviluppo delle penne degli uccelli, mentre le due membrane di pelle si estendevano lungo i fianchi del corpo. La membrana anteriore collegava il gomito dell'arto anteriore con il ginocchio dellarto posteriore e la membrana posteriore collegava il piede dell'arto inferiore alla coda. Queste membrane, con funzione di paracadute, erano elastiche e venivano ripiegate o aperte raccogliendo o estendendo gli arti. 
Il passo successivo dell'evoluzione portò allo sviluppo delle membrane anteriori, fino ad estendersi in basso fino alla caviglia e in alto agganciandosi al quarto dito della mano. Quest'ultimo divenne lunghissimo, garandendo un'apertura alare sempre più ampia.
Gli Pterosauri impararono a battere le ali, irrobustendo i muscoli degli arti anteriori e divennero capaci di volo attivo, similmente ai nostri Pipistrelli frugivori. La loro evoluzione continuò anche nel successivo periodo Giurassico.

Asaki San

 


Bibliografia:

 V. De Zanche, P. Mietto. Il mondo dei fossili. Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1977

L.B. Halstead, G. Caselli. Evoluzione ed ecologia dei dinosauri. Eurobook Londra, 1976; Vallardi Industrie Grafiche per l'edizione in lingua italiana, Lainate (MI) 1976

L. Cambournac, M.C. Lemayeur, B. Alunni, E. Beaumont. Dinosauri e animali scomparsi. Edizioni Laurus, Bergamo.

C.Walker, D. Ward. La Biblioteca della Natura. Fossili. Guida fotografica a oltre 500 generi fossili di tutto il mondo. Arnoldo Mondadori Editore S.P.A. Milano, 2006

M. Lambert. I fossili. Vallardi Industrie Grafiche S.P.A. Lainate (MI) 1994

P. D'Agostino. Dinosauri dalla A alla Z. De Agostini editore, Novara 2010

D. Meldi, S. Boni, L. Cecchi. Dinosauri dalla A alla Z. Origine, evoluzione, estinzione. Rusconi Libri S.p.a. Santarcangelo di Romagna.

A. Rigutti. Zoologia. Atlanti scientifici Giunti Editore, Firenze 2010

M. La Greca, R. Tomaselli. La natura questa sconosciuta. Vol.3. Istituto Grografico De Agostini. Novara 1968

Enciclopedia Universo. Istituto Geografico De Agostini, Novara. 1971.

 

Approfondimenti:pterosauri, animali, rettili volanti, animali preistorici, Triassico, mesozoico, fossili, evoluzione, estinzione, Asaki San, .

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK