Bertinoro


Rocca di Bertinoro I dintorni di Bertinoro Montemaggio di Bertinoro Santuario di Santa Maria del Lago Madonna col Bambino di Santa Maria del Lago


torna indietro: Turismo d'arte

Madonna col Bambino di Santa Maria del Lago

Colpo d'occhio  >  Turismo d'arte

Il dipinto  della Madonna col Bambino, opera di un ignoto artista gotico, è conservato presso la Badia di Santa Maria del Lago di Bertinoro.
E' una tempera su tela applicata su una tavola di dimensioni contenute, misura cm. 100X61.
L'opera presenta bruciature nella parte inferiore. Per questo motivo è stata inserita in una ricca cornice che mostra l'immagine solo nella parte superiore.
Il problema della datazione è stato a lungo dibattuto, ma in base agli studi più recenti, sembra più verosimile la collocazione nella metà del XIII secolo. La tradizione locale,invece, anche riferendosi a studi precedenti e considerando le bruciature, vuole che l'opera risalga al periodo iconoclasta  dell'VIII secolo. Questa ipotesi non trova conferma nell'esame stilistico, e comunque si accosta a una leggenda, secondo la quale la sacra immagine si sarebbe salvata miracolosamente dalla distruzione. La stessa tradizione devozionale identifica quest'opera come "Madonna dell'Immacolata Concezione".

Per le caratteristiche che presenta, il dipinto non sembra essere di produzione locale. E' molto più probabile che questa sia un'icona bizantina realizzata in Dalmazia, come dimostrano i confronti con altre opere del '200 di fattura dalmata. Gli stessi elementi iconiogrfici e stilistici della madonna bertinorese si ritrovano infatti in quella particolare produzione. La decorazione del manto e delle vesti, le lettere greche e lo stesso abbraccio delle due figure corrisponde alla tipopogia della cosiddetta 'Madonna glicofilusa' che caratterizza le icone realizzate in Dalmazia. Anche gli altri elementi come il contesto spaziale vago e indefinito, la mano priva di volume e fortemente stilizzata che sostiene la testa del Bambino e le stessse fisionomie indurite, con trratti dei contorni ridotti a cifre, non sembrano appartenere a modi nostrani.

A. Cocchi



Bibliografia:

 

AA.VV. Emilia Romagna. Touring Club Italiano, Milano 2005
A.Tambini. Pittura dall'alto medioevo al tardo gotico nel territorio di Faenza e Forlì. Comune di Faenza, 1982
C. Chiriotti E. Ravaioli Il Santuario della Madonna del Lago. Analisi archeologica degli elevati
F. Faranda, Bertinoro. Centro per lo studio e la conservazione dell'arredo liturgico e del costume religioso.
G. Fellini, M. Pugliese, F. Bianchi, M.E. Forti Guida i Musei della provincia di Forlì-Cesena.
G. Orlandelli. Gli archivi della Valle del Bidente in: Studi Romagnoli, X, Società degli Studi Romagnoli, Cesena, 1959.
G.Paganelli Itinerari nel Cesenate. 1. Arte Sacra. IAT Ufficio Turistico di Cesena
G.Paganelli Itinerari nel Cesenate. 2. I Musei. IAT Ufficio Turistico di Cesena
G.Paganelli Itinerari nel Cesenate. 3. I castelli. IAT Ufficio Turistico di Cesena.
G. Papi Quaderno da viaggio. Provincia di Forlì-Cesena. Luoghi e incontri, arte e cultura dal mare all'appennino. Assessorato al Turismo della Provincia di Forlì e Cesena, Forlì 1997
P. G. Pasini Andar per musei. Guida aall'uso dei musei della Romagna meridionale. Edizioni Romagna Arte e Storia - Quaderni - Rimini
G. Segre Montel La pittura dell'Italia settentrionale nell'età gotica. I Maestri del Colore n.253. F.lli Fabbri Editori, Milano 1966
M. Tabanelli. Guida alle pievi di Romagna. Magalini Editrice.
A. Vasina Per una storia del monachesimoin Emilia-Romagna in: Monasteri benedettini in Emilia Romagna, Milano, 1980
C. Volpe. La pittura dell'Emilia e della Romagna. Raccolta di scritti sul Trecento e Quattrocento, Banca Popolare dell'Emilia Romagna, Modena 1993

 

Approfondimenti:A. Cocchi, turismo, Madonna, bambino, pittura, arte, .

Stile:Gotico.

Per saperne di più sulla città di: Bertinoro

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK